martedì 20 maggio 2014

Buslàn - Ciambella Piacentina

Buongiorno, eccoci al 20 del mese con la rubrica L'Italia nel piatto.
Oggi presenteremo ricette in cui compare come ingrediente il latte o i latticini.
Ho scelto di presentare questa ciambella rustica, tipica proprio del piacentino, in cui la presenza del latte anche se non è predominante è essenziale, la sua mancanza o sostituzione renderebbe questo dolce rustico completamente diverso, lo dico perchè ci ho provato.
Se si diminuisce il latte, si è obbligati ad aumentare il burro, il che produce una torta molto più compatta simile ad una frolla, mentre se si sostituisce il latte con un liquido tipo acqua o succo, il risultato sarà più morbido, in ogni caso diverso da come deve essere se si vuole ottenere il vero Buslàn.
Questo era il dolce della domenica di tanti anni fa, quando la mia mamma era piccola, lo si serviva con un bicchiere di vino bianco dolce ed era abitudine intingerlo prima di assaporarlo. Ho messo pure in superficie lo zucchero in zollette tagliate a metà come decorazione, proprio come era solita mia nonna (all'epoca non c'era la granella di zucchero).
Ora è stato relegato a dolce per la colazione, ma anche oggi vi consiglio l'assaggio abbinato ad un ottimo  Colli Piacentini Malvasia Dolce Spumante Doc...


Ingredienti

400g di farina
200g di zucchero
100g di burro
150ml di latte
3 uova medie
1 bustina di lievito per dolci
1 limone bio (scorza grattugiata)
1 pizzico di sale
zollette di zucchero

In una grande ciotola mettere la farina, setacciarla con il lievito e formare un incavo al centro.

Posizionare lo zucchero attorno al "cratere" e distribuire il sale.

Sgusciare le tre uova, sbatterle con una forchetta e inserirle nell'incavo.

Tagliare a tocchetti il burro e scioglierlo nel latte tiepido, aggiungere anche questo all'impasto.

Mescolare bene con l'aiuto di una forchetta.

Grattugiare la scorza di un limone e aromatizzare la pasta.

Imburrare una teglia da ciambella o una teglia normale aggiungendo una tazzina al centro anch'essa ben imburrata.

Inserire nella teglia (diametro 26cm) il composto.

Questo si presenterà di una consistenza molto morbida, a “nastro”, infatti se si solleva la forchetta  dal composto questo colando lascia una traccia a nastro.

Decorare la superficie con una spolverata di zucchero semolato e tante zollette di zucchero tagliate a metà.

Cuocere in forno già caldo a 180°C per 35-40 minuti, funzione lievitati (fare la prova stecchino...).

Ecco una fetta per voi, buon assaggio!!!!!


Ed ora andiamo un po' vedere cosa troviamo nelle cucine delle altre regioni:

Lombardia: Riso al latte del blog  Kucina di Kiara

Veneto: Risini di Verona del blog Le tenerezze di Eli

Trentino Alto Adige: Torta Simona, ricetta originale trentina del blog A fiamma dolce

 Emilia Romagna: Buslàn - Ciambella Piacentina (qui)

Liguria: Budino di latte del blog Un'arbanella di basilico

Marche: Il lattaiolo in pasta matta del blog La creatività e i suoi colori

Umbria: Torcolo al latte del blog 2 Amiche in cucina

Molise: Pesche di Castelbottaccio del blog La cucina di mamma Loredana

Campania: Paccheri alla bufalina del blog I sapori del Mediterraneo

Puglia: La ricotta fatta in casa del blog Breakfast da Donaflor

Calabria: Pitta China con ricotta e salsiccia  del blog Il Mondo di Rina


14 commenti:

  1. Buona buona la tua ciambella Elena, ottima per la colazione o la merenda, ma probabilmente sempre, in questo momento non farei che mangiare dolci per consolarmi.... Ho corretto per il WHB, pensavo che lo tenesse Cristina come da calendario, comunque tutto a posto e ho già pronta la ricetta per te! A presto, ti ho scritto in chat se vuoi andare a leggere, aspetto risposta, baci

    RispondiElimina
  2. Buonissima, mi piacciono tanto i dolci da forno a base di latte, sono deliziosi!!

    RispondiElimina
  3. Ma sai Elena che mi sono accorta di non aver mai messo la ricetta della nostra ciambella sul blog? Sono imperdonabile.
    La mia nonna lo cospargeva di abbondante zucchero semolato e non metteva le zollette che trovo ci stiano molto bene :)
    Prendo una fetta di Buslan e scappo....:))

    RispondiElimina
  4. Una ricetta bellissima Elena, si sopratutto quando in essa sono contenuti anche i ricordi d'infanzia.Bellissima la preparazione con le zollette di zucchero.
    A presto

    RispondiElimina
  5. E' anche il dolce della mia infanzia, semplice e buonissimo. Bell'idea metterci le zollette di zucchero! Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. buonissimo, li facciamo anche qui ma si chiama diversamente!

    RispondiElimina
  7. Riesci sempre a trovare qualcosa di speciale!!! L'idea di utilizzare le zollette di zucchero mi stuzzica ... da provare!!!

    RispondiElimina
  8. Ma che bella questa,ciambella!!!! L hai presentata splendidamente e ne prenderei volentieri una fetta per domani a colazione!!! Un bacione

    RispondiElimina
  9. Una ciambella ad hoc per colazione!!! Stragolosa! Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. STUPENDA!! le torte buone di una volta, semplice, vera, golosa ma sana....La segno ;-) Bravissima!!!!Un bacione

    RispondiElimina
  11. questo mese siamo in sintonia, due ciambelle dal sapore antico, ma buonissime, come tutti i dolci delle nostre nonne, un bacio

    RispondiElimina
  12. ecco....questi sono i sapori di una volta che adoro, sapori genuini e che non stancano mai!
    e quelle zollette di zucchero? quanti ricordi!
    un bacione

    RispondiElimina
  13. Come mi piace questa ricetta, un ciambellone tradizionale, che diventava il dolce della domenica, arricchito con quelle zollette e accompagnato da un buon vino.
    Recuperare il piacere dei sapori di una volta, può far riscoprire l'essenzialità di una vita che può fare della semplicità i propri valori.

    RispondiElimina
  14. Ecco che riesco a passare anche da te carissima!!!! Mamma mia, sto impazzendo a furia di guardare le meraviglie che avete preparato tu e le altre per l'Italia nel piatto!!! Una ricetta più bella e interessante dell'altra!!! Sarà che adoro il latte...sarà che siete bravissime...mah...chi lo sa...intanto mi copio anche la tua ricetta! Mi piace un sacco!!!! Bacione e buona domenica!

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!