giovedì 8 agosto 2019

Piada alla greca


In questa estate, dove il mese di luglio ha sorpassato tutti i record di caldo (appena sentito al TG), non possiamo che continuare a cibarci di cibi freschi e sfiziosi.
La piadina romagnola è proprio uno di questi e oltre a potercela preparare impastando acqua, farina e strutto (o olio evo), è possibile anche per i più pigri o indaffarati acquistarle precotte e scaldare al momento sul testo.
La farcitura poi, è tutto un programma: dai salumi ai formaggi passando per le verdure, l'importante è che tutto sia di prima qualità!
Oggi ho scelto gusti mediterranei e così ho fatto una scappata in Grecia.
Questo ripieno è " a freddo", in pratica si riscalda la piada e poi si condisce , anche con un filo di olio extravergine, che ci sta benissimo!
La mia Piada è della ditta FrescoPiada di Riccione, in particolare questa è La ritrovata con lievito madre, un prodotto dalle materie prime selezionate e preparato con tutta la cura possibile (la cottura viene effettuata a mano, a temperature diverse e controllate).
Assaggiatele, una vera bontà!

#vamosalapiadagain







Ingredienti

piadina
pomodorini datterini
feta
origano
olive verdi
olio evo






Lavare e tagliare a metà i datterini.
Condirli con olio e sale.

Sbriciolare la feta.

Tagliare a pezzi le olive dopo averle denocciolate.

A questo punto è sufficiente scaldare la piada: mettere il testo sul fuoco alto così da scaldarlo accuratamente.

Mettere la piada, lasciare riscaldare per 30-40 minuti, poi rigirarla e farcirla.

Iniziare con la feta, poi aggiungere i pomodori con le olive, cospargere con l'origano.

Condire il tutto con un giro di olio e chiudere la piada.

Servire subito!

lunedì 5 agosto 2019

Insalata di fagioli cannellini, zucchine e mazzancolle


In questo periodo il tempo che passo in cucina è sempre meno, sulla mia tavola circolano insalate, capresi, piade farcite e pizze acquistate. Sì lo so non si dovrebbe ma con questo caldo la voglia di cucinare è sparita completamente, complici anche le diverse vacanze (mini-vacanze) che hanno interrotto tutta l'estate 2019.
Questa insalata è davvero strepitosa, veloce da preparare, sfiziosa e leggera. L'avevo preparata lo scorso anno per la rubrica "Keep calm and what's for dinner" di Mag About Food, fu un successo ed ogni tanto la estraggo dal cappello (da chef) per far contenti i miei commensali.
Non conoscete la rubrica? Ma come? Ve la siete persi fino ad ora? In pratica ogni giorno viene proposta una ricetta veloce e gustosa ideale per la cena, è una raccolta di idee culinari semplici e veloci, ma da "porca figura", e sono sono pubblicate su questa pagina Fb oltre che sulla rivista Mag About Food (raccolte in un unico articolo) con il PDF scaricabile, sempre sul sito Mtchallenge.

Ma ora passiamo alla ricetta!






Ingredienti per 4 persone

200g di fagioli cannellini secchi (o 2 scatole di fagioli)
3 cucchiai di olio extra vergine d'oliva
1 zucchina media
1 cipolla di Tropea
2 lime
20 mazzancolle
sale





Ammollare i fagioli secchi per 12 ore e poi cuocere in acqua fredda per un’oretta, senza salare.
Controllare la cottura prima di scolarli (se li preferite ben cotti è possibile cuocerli per un tempo maggiore, inoltre è possibile cuocere i fagioli anche il giorno primo, l’importante è conservarli in frigorifero oppure si possono usare i fagioli in scatola già cotti, quindi scolarli e lavarli in un colino)
Scolarli e condirli con una presa di sale e 1 cucchiaio di olio.
Pelare e lavare la cipolla, affettarla sottile e immergerla in acqua fresca e ghiaccio per almeno 10 minuti.
Usando un pelapatate tagliare a nastro le zucchine, condirle con olio e succo di lime e lasciarle marinare per circa 20 minuti.
Pulire le mazzancolle togliendo il capo, lavarle sotto acqua corrente, asciugarle e cuocerle sulla griglia ben calda per 3-4 minuti per lato.
A questo punto assemblare l'insalata: unire i fagioli alle zucchine, aggiungere la cipolla ben scolata ed asciugata, condire con olio e succo di lime.
Aggiungere le mazzancolle e cospargere di scorza di lime grattugiata.

giovedì 1 agosto 2019

Polpette di carne alla senape e limone


La scorsa settimana gironzolando sul web ho intravisto questa ricetta, e subito mi ha colpito per l'abbinamento dei gusto (che adoro), per come vengono cotte, in pratica sono solo rosolate  a fiamma bassa e poi cotte in questa cremina dolce-acida. Le salsine da servire con le polpette le trovo sempre sfiziose, siano esse a base di yogurt o rosse, a base di peperoni/pomodori, le penso come un completamento del piatto.
Questa poi, grazie al limone rende il piatto decisamente estivo, vi assicuro che sono ottime anche a temperatura ambiente.
Per ora le ho preparate solo con carni miste (bovino-suino), ma le proverò pure con le carni bianche, proprio come le ha presentate Barbie, così da renderle più salutari!




Ingredienti per 4 persone

300g di carne macinata mista
2 fette di pane raffermo senza crosta
50ml di latte
30g di parmigiano reggiano grattugiato
50g di farina bianca
prezzemolo tritato
sale e pepe
1/2 limone (succo)
2 cucchiai di senape
2 cucchiaini di miele
olio evo


Mettere in ammollo il pane tagliato a pezzi nel latte per 10 minuti.
Impastare la carne macinata con il formaggio, il sale, il pepe ed il prezzemolo tritato. Unire il pane ben strizzato dal latte e mescolare accuratamente.
Formare delle polpette piccole (dimensione circa 5 cm di diametro), e rotolarle nella farina.
Scaldare 3-4 cucchiai di olio evo e rosolare a fuoco basso le polpette per 15-20 minuti.
Unire poi il succo di limone, la senape e il miele, allungare con 50 ml di acqua e continuare la cottura per 5-10 minuti. Si formerà una cremina deliziosa e morbida, se fosse troppo lenta lasciare asciugare oppure aggiungere un poco di acqua.
Aggiustare di sale e servire con pane, utile per fare "la scarpetta".

giovedì 25 luglio 2019

Piadina con pancetta piacentina dop, patate arrosto e crescenza


Quest'estate sono davvero una lazzarona, non riesco a mettermi al pc per scrivere ricette e post, è più forte di me, proprio non riesco, sarà il caldo, sarà l'età, sarà che ho mille impegni (molti li potrei anche evitare, ma si sa non riesco a dire no!), fatto sta che questo blog non è aggiornato come dovrebbe! In ogni caso il mio amore per la cucina non è diminuito e continuo imperterrita  a cucinare, prima o poi posterò tutto... promesso!

Però oggi si riprende il "flash mob Vamos a la piada"e non volevo proprio mancare, quindi:
VAMOS A LA PIADA AGAIN!

Per l'occasione vi ho proposto una farcitura con una eccellenza della mia provincia: la pancetta piacentina DOP, un salume dal profumo gradevole e dolce, la sua consistenza è morbida, con tendenza a sciogliersi (immaginate nella piadina calda!),  il suo sapore è delicato, dolce, con una leggera sapidità arricchita dalle note speziate... una meraviglia!
A questa aggiungiamo patate arrosto per dare consistenza all'assaggio senza coprire il gusto del salume e la crescenza ... perchè il formaggio nella piada ci sta benissimo!!!
Per questa farcitura ho scelto il prodotto di Fresco Piada, in particolare La ritrovata all'olio evo, che presenta materie prime d'eccezione, infatti la farina è quella a km 0, da grano coltivato in Romagna l'olio extravergine di oliva è romagnolo  e il sale non poteva che essere quello integrale marino di Cervia.
Una vera bontà! Provatela!


Ingredienti per 3 piade

3 piade "La ritrovata all'olio evo"
150g di crescenza
150g di pancetta piacentina dop
2 patate
3 cucchiai di olio evo
rosmarino
Pelare le patate e affettarle sottilmente con la mandolina, metterle in ammollo in acqua fredda per 10 minuti, scolare e asciugare. Scaldare l'olio in una grande padella e cuocere le patate aggiungendo foglie di rosmarino, per cuocere impiegheranno 15 minuti circa, mescolare spesso per evitare che brucino. Salare solo a cottura ultimata. scolarle su carta assorbente.
Scaldare il testo, mettere la piada lasciare riscaldare per 30-40 minuti, poi rigirarla e farcirla.
Prima di tutto mettere la crescenza a fiocchetti, poi ricoprire con le patate e per ultimo la pancetta.
Chiudere la piada e servirla subito!