giovedì 2 aprile 2020

Cestini di mela al forno

Mamma ho fame!
Quante volte ce lo siamo sentiti dire, che poi non sempre questo risponde alla realtà, spesso i nostri ragazzi vogliono fare una pausa dai compiti, oppure sono annoiati oppure hanno bisogno di una "coccola-cibaria" come la chiamo io.
Noi dell'Italia nel piatto abbiamo deciso di dedicare una uscita a questa necessità, che soprattutto in questo periodo in cui dobbiamo stare in casa, potrà diventare un buono spunto non solo per preparare una merenda, ma anche per far partecipare alla preparazioni i nostri ragazzi (naturalmente dipende dall'età!).
Ho scelto per questo appuntamento una ricetta tipica piacentina, "Al cestei cul pumm" , mi raccontava mia nonna che quando facevano il pane, all'epoca c'era un forno per ogni gruppo di case, la pasta che avanzava dall'ultima forma, veniva dolcificata e poi utilizzata a ricoprire le mele. Questo era poi donato ai bimbi che giocavano nelle vicinanze come merenda.
Ecco ho recuperato la ricetta nel libro "400 ricette della cucina piacentina" di Carmen Artocchini, che dice proprio quanto mi raccontava la nonna, ma è più precisa indicando di togliere il torsolo e di confezionare il manico, prima di infornare, sull'impasto rimanda alla ricetta del "Pane dolce" che ho riportato qui sotto..



Ingredienti
per 4 cestini

500g di farina
130g di zucchero
8g di lievito di birra
150ml di latte
120ml di acqua
1 uovo
1 pizzico di sale
buccia di limone grattugiata

4 mele
4 cucchiaini di miele
8 amaretti

Sciogliere il lievito in acqua a 30°C, unirlo poi alla farina, impastare aggiungendo il latte, l'uovo intero, il sale, lo zucchero e la scorza di limone.

Impastare con forza per una decina di minuti fino a quando l'impasto risulta ben incordato. Lasciare lievitare un paio di ore.

Nel frattempo lavare accuratamente 4 mele, togliere il torsolo e aggiungere all'interno di ognuno 2 amaretti sbriciolati e 1 cucchiaino di miele.

Quando l'impasto risulta ben lievitato, avvolgere la mela e modellare il manico del cestino (a piacere decorare con zucchero in granella).
La mela ricoperta viene messa in un pirottino di alluminio così da poterla infornare (vedere la foto) e viene posizionato uno spessore per reggere il manico.

Cuocere in forno ben caldo a 190°C per 20- 25 minuti (controllare che la pasta abbia un colore dorato).

Sfornare e lasciare intiepidire prima di assaggiare. La mela rimane abbastanza croccante mentre l'impasto risulterà morbido.


Ecco le proposte giocose di tutte le regioni italiane!

Valle d’Aosta: Coniglietti di Mecoulin di Cogne 

Piemonte: Tramezzini alla Piemontese 

Lombardia: Asparagi alla milanese con cereghin 

Trentino-Alto Adige: Wurstel sfiziosi con crauti 

Friuli Venezia Giulia: Lecca lecca di frico friabile

Veneto: Cicchetto: uova ripiene di primavera

Emilia Romagna: Cestini di mela al forno

Liguria: Le allegre paperelle...di riso 

Toscana: Orsacchiotto di pancakes alla farina di castagne con crema alla ricotta 

Marche: Panini agli spinaci con salamino alla cacciatora italiano DOP 

Umbria: Ciaramicola donut su stecco 

Lazio: Focaccine alle patate 

Abruzzo: Biscotti pasquali al farro 

Molise: Il Principe Ranallo - Sofficiotto al caciocavallo 

Campania: Pigna coniglietti 

Puglia: Il Benedetto pasquale 

Basilicata: Focaccine di semola e acqua in padella 

Calabria: Sgute calabresi 

Sicilia: Rosticceria Palermitana: le pizzette! 

Sardegna: La Tartarughina di Su Coccoi 


Vi consiglio di visitare anche il nostro blog: L'Italia nel piatto

lunedì 30 marzo 2020

Polpette di riso e verdure


Oggi a Light and Tasty si parla di riso, un cereale naturalmente senza glutine, presente sulle nostre tavole da sempre visto le coltivazioni che si sviluppano in Italia.

Il riso è ricco di amidi, proteine di buon valore biologico, vitamine del gruppo B, E, calcio, fosforo, magnesio, manganese, potassio, rame, silicio, però per mantenere integri i suoi principi nutritivi, sarebbe meglio fosse quello integrale,  tutte le sue caratteristiche diminuiscono fino a quattro volte nel riso raffinato o brillato.

Oggi diamo qualche idea su come utilizzarlo sia nei primi piatti sia nei secondi...e poi ricordate, sempre con il riso si possono preparare ottimi dolcetti, eccone gli esempi (qui e qui)!!
Ma ecco delle deliziose polpette che vi salveranno la cena...

Ingredienti
per 4 persone

200 g di riso
1 zucchina
1 carota
2 cucchiai di piselli cotti
1 uovo
3 cucchiai di grana padano grattugiato
100g di provolone (a piacere)
sale
pangrattato



Lessare il riso per 14 minuti in 500ml di acqua salata, verso fine cottura andrà mescolato più volte per evitare che si attacchi al fondo. che richiederà un tempo di cottura abbastanza lungo, in abbondante acqua salata. Quando sarà ben cotto, lasciare raffreddare molto bene.

Lavare la zucchina e la carota, tagliarle a cubetti, (dopo aver pelato la carota) saltare in padella con un cucchiaio di olio, salare e pepare. Questa cottura deve essere veloce non più di 5-7 minuti.
Unire i piselli già cotti.

In una ciotola rompere un uovo e unire il riso ormai freddo, le verdure, il formaggio grattugiato, mescolare con cura.
Aggiustare di sale e  formare le polpette con le mani, (vanno sempre bagnate con acqua), inserire i cubetti di provolone (se lo desiderate) rotolarle nel pane grattugiato, facendo attenzione che aderisca bene.

Formato tutte le crocchette  disporle su carta forno.
Con un pennello oliare la superficie di ogni polpetta  e cuocere in forno a 180°C per 20-25 minuti.


Ecco le altre proposte:

Tortini di riso venere e zucca di Carla Emilia

Riso iraniano ovvero iranian jelewed rice  di Daniela

Risotto con broccoletti e salsiccia di Flavia

Risotto giallo in verza  di Franca

Risotto al finocchio  di Mary

Riso Venere con peperoni e formaggio di capra di Milena 

mercoledì 25 marzo 2020

Galette con porri, cipolle e patate alla greca



Rieccomi allo Scambia Ricette il gioco del gruppo Bloggalline , a inizio mese con grande entusiasmo mi sono iscritta ma poi con il passare dei giorni e le problematiche di salute che si sono succedute in famiglia mi hanno bloccato con le lavorazioni.
Oggi finalmente eccomi qui a provarci, ho scelto una ricetta di Claudia, che lei a sua volta ha copiato da Re-cake 2.0 ma che però ha personalizzato con ingredienti greci, portati a casa dalla sua vacanza.
Anch'io ho fatto qualche variante, la farina anche nel mio caso è una multicereali, ma contiente anche dei semi di lino, di girasole e fiocchi d'avena, il formaggio tirokafteri, mi mancava ma ho cercato di condire la feta con olio, aglio e peperoncino (e sembra di esserci riuscita).
Ho variato le dosi della pasta diminuendola, mi sembrava troppo per la pia tortiera da 26.
Ed ecco la mia galette...


Ingredienti
per 4 persone

Per l’impasto
250 g di farina miscela di cereali
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di zucchero
125 g di burro freddo
acqua fredda qb

Per il ripieno:
1 cucchiaio di olio evo
1 porro medio
2 cipolle
50 g di tirokafteri (salsa piccante greca a base di formaggio, solitamente fatta con formaggio feta, yogurt greco, peperoncino e olio extravergine di oliva)
5 cucchiai di panna acida
1 spicchio d’aglio
sale
pepe
2 patate grandi
1 albume (per spennellare la pasta)

Mettere in un mixer la farina, il sale, lo zucchero e il burro. Azionare ad intermittenza per 4 o 5 volte quindi aggiungere a poco a poco l’acqua fino a che non si sarà formato un impasto grossolano.
Rovesciare l’impasto su un piano di lavoro leggermente infarinato, lavorarlo brevemente.
Fare riposare in frigo per almeno mezz’ora.
Lavare il porro, eliminare le foglie esterne, affettarlo sottilmente, fare lo stesso con le cipolle.
Scaldare l’olio in una padella in cui farete saltare porro e cipolla per qualche minuto, fino a quando non saranno appassite, aggiustare di sale e pepe.
Preriscaldare il forno a 180°C.
In una ciotola unire la panna acida, il tirokafteri e l’aglio schiacciato. Condire con sale e pepe.
Affettare finemente le patate (meglio se con l’aiuto di una mandolina) e metterle in una ciotola piena d’acqua.
Riprendere l’impasto dal frigo, metterlo su un foglio di carta forno e stenderlo fino a raggiungere lo spessore di circa 3 mm.
Spalmare la crema di formaggio sul fondo della base della galette fino a circa un centimetro dal bordo.
Scolate le patate, asciugatele con carta assorbente, mettetele in una ciotola e conditele con sale, pepe e un filo di olio.
Disporre le patate sul fondo della galette, unire i porri e le cipolle saltate e richiudere la galette ripiegando i bordi su loro stessi. Spennellare il bordo della galette con l’albume.
Cuocere per circa 35 minuti o fino a che la galette non sarà ben dorata e il fondo cotto.

lunedì 23 marzo 2020

Insalata di carote, ceci, radicchio con burrata


Eccoci qua a parlare di carote per la nostra rubrica Light and Tasty, un ingrediente ricco di vitamine e sali, di cui abbiamo sempre bisogno, ma in questo periodo di più!
Frutta e verdura dovrà essere sulle nostre tavole per dare una mano al nostro sistema immunitario. Questo piatto ricco di ogni tipologia di frutta e verdura sarà un vero toccasana, troviamo ceci, radicchio, carote, mandarini e le noci, per completare dal punto di vista nutrizionale vi è la burrata un formaggio tipico pugliese di pasta filata caratterizzato dal gusto intenso di latte e dalle diverse consistenze (interno morbida e sfilacciata, l'esterno simile alla mozzarella).
Un piatto unico molto gradevole!

Ingredienti
Per 4 persone

500 g di carote
olio extravergine d'oliva
1 cucchiaino di semi di cumino
1 cucchiaino di semi di coriandolo
1 cucchiaio di miele
4 mandarini
240g di ceci cotti
pizzico di peperoncino rosso in polvere
2 rametti di rosmarino
100g di fregola
1 cicoria rossa
2 burrate

Per la salsa di noci
50 g di noci
½ cucchiaio di harissa
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
½ limone
1 mandarino
20 ml di olio d'oliva



Per preparare la salsa: frullare nel mixer le noci, l’harissa e il prezzemolo, unire poi il succo di limone, di mandarino ed emulsionare aggiungendo a filo l’olio.

Cuocere la fregola in acqua bollente salata per 10 minuti (o per il tempo riportato sulla confezione), scolare e raffreddare con acqua corrente. Condire fregola con olio e succo di mandarino, con gli stessi ingredienti condire la cicoria, dopo averla sfogliata e lavata.
Scaldare il forno a 180°C, mentre arriva a temperatura, affettare le carote e condirle con olio d'oliva, i semi di cumino, di coriandolo, il miele, la scorza di 1 mandarino grattugiata e il succo di 2 mandarini. Infornare e cuocere per circa 30 minuti
In una teglia condire i ceci con il rosmarino tritato, un filo di olio e una spolverata di peperoncino in polvere e poi passarli nel forno per 30 minuti, così da renderli croccanti.
Scaldate un cucchiaio di olio evo in una padella antiaderente a fuoco vivo, aggiungete 1 cucchiaino di miele e gli spicchi di 2 mandarini, saltateli in padella in modo da caramellarli, solo alla fine cospargeteli un pizzico di sale.

Assemblare l'insalata: disporre la cicoria sul fondo del piatto da portata, aggiungere carote, fregola, ceci, carote e mandarino caramellato, completare con le burrate.  Condire a piacere con la salsa alle noci.


Ecco le altre proposte:


Carote al sesamo  di Carla Emilia

Insalata di carote con salsa alle noci di Daniela

Maccheroncini con carote e limone di Franca

Biscotti alle carote e noci di Mary

Involtini di carote in sfoglia di riso con salsa agrodolce  di Milena