martedì 16 aprile 2013

Dal Texas all'India, passando in Sicilia però!!!

Questo mese, noi fedeli partecipanti dell'MT, ci siamo trasferiti in Texas con il chili di Anne, non l'avevo mai preparato e quando ho letto la sua ricetta sono rimasta piacevolmente colpita, essenziale (solo 2 ingredienti) ma curata.
Sono partita alla ricerca del taglio di carne corretto, e devo dire la verità non ho avuto problemi, mentre per il peperoncino già mi sono dovuta impegnare di più, ho trovato un negozio di prodotti biologici con dei peperoncini sardi bio bellissimi da vedere e molto profumati...non citava la tipologia ma penso sia il classico Cayenna (dalle dimensioni e dalla conformazione).
Ho deciso poi di non utilizzare il pomodoro, ma peperone giallo e rosso e visto che per me il Texas è carne e fagioli ho cercato dei fagioli un po' particolari (no, no non il fagiolo magico!!!) i Badda di Polizzi, vero che non li conoscete? 
Sono troppo belli e ora che li ho assaggiati pure buoni. 
Li ho visti al Salone del gusto e ne ho acquistato una confezione: sono deliziosi, bianchi e neri, sembrano decorati a mano, anche perchè le parti nere non sono regolari ed presentano pure macchioline, come i dalmata.
Ho abbinato a patate, come ogni classico spezzatino e in questo caso ho utilizzato una ricetta più che collaudata: le patate sabbiate con senape e pepe rosa (ricetta di un vecchissimo Sale & Pepe).
Ho aggiunto anche il pane, come da regolamento, anche se con le patate effettivamente si avrebbe potuto evitare...ho pensato alle chapati, quelle classiche, indiane, era da un po' che avevo voglia di cimentarmi.
Ho finalmente terminato l'introduzione e così avete scoperto il perchè del titolo...che ne dite, vi sembra azzeccato?



Ingredienti per 4-5 persone
Chili con carne e fagioli
800g di carne di manzo (spalla)
3 peperoncini essiccati
1/2 peperone rosso
1/2 peperone giallo
1 cipolla grande
2 spicchi di aglio
120g di fagioli secchi (fagioli Badda di Polizzi)
4 cucchiai di olio evo
30g di burro
sale
Chapati
100g di farina
100g di farina di grano saraceno
100g di farina d'orzo
150g di acqua
3g di sale fino
Patate sabbiate
500g di patate a pasta gialla
4-5 cucchiai di olio evo
3 cucchiai di senape di Digione
3-4 cucchiai di pane grattugiato
pepe rosa
sale



Chili: aprire a libro i peperoncini piccanti essiccati e metterli a bagno in acqua tiepida per un paio di ore.
Frullare il tutto e passare al setaccio.

Nel burro e olio soffriggere la cipolla affettata e l'aglio, rosolare la carne, tagliata a cubetti di piccole dimensioni circa 2-3 cm di lato, a fuoco alto e aggiungere i peperoncini frullati.
Inserire in forno a 120°C per 2 ore.
Mettere in ammollo i fagioli secchi per 1 notte.

L'indomani tagliare a cubettini i peperoni, aggiungerli alla carne insieme ai fagioli idratati. far cuocere a fuoco molto basso per circa 2 ore (il tempo di cottura lo decidono i fagioli).
Solo al termine aggiustare di sale (non prima, i fagioli tenderebbero a rompersi, almeno così mi diceva mia nonna!!!).

Patate sabbiate: pelare le patate e farle cuocere a vapore (io con bimby: 1litro di acqua, impostare varoma con tempo 25 minuti). In una larga padella inserire l'olio caldo e le patate tagliate a cubotti, farle saltare velocemente a fiamma alta per circa 5-10 minuti.
Aggiungere la senape, cercando di ricoprire anche solo per una piccola parte tutte le patate, mescolare bene facendo attenzione che non si sfaldino, spolverizzare con pane grattugiato e spadellarle per un paio di minuti.
Cospargere con pepe rosa.

Chapati: Polverizzare con il Bimby l'orzo perlato e poi passare al setaccio.
Unire i tre tipi di sfarinati e il sale, aggiungere l'acqua indicata (nel mio caso era perfetta, valutare al momento), l'impasto deve essere morbido ma non appiccicoso.
Far riposare per circa 30 minuti coperto da un asciughino.
Riprendere l'impasto e formare delle palline di circa 40g.
Con l'aiuto del mattarello stendere l'impasto sottilissimo, continuando a muovere la pasta per evitare che si attacchi (si sconsiglia l'uso della farina per spolverizzare il piano d'appoggio, perchè cuocendo brucia).
Cuocere in padella piatta (ho una piadiniera, non il tava purtroppo) ben calda, non appena si arricciano i bordi e si formano qualche bollicina (tenderà a gonfiarsi) girare la chapati e cuocere per 1-2 minuti anche dal lato opposto.

Unico neo di questa mia preparazione è che avrei dovuto aggiungere più peperoncino, si sentiva, era leggermente piccante (per i miei uomini fin troppo!), ma un chili che si rispetti, a mio parere, deve essere "strong", tanto poi con la chapati e le patate ci si poteva pulire le papille...

Con questa ricetta partecipo all'MTChallenge, naturalmente!!!



30 commenti:

  1. Risposte
    1. Grazie...sono 3 x 1 come nei migliori supermercati...

      Elimina
  2. Due giorni di computer fuori uso mi hanno fatto perdere un chilo, poi vedo questa ricetta e mi viene il desidrio di non pesarmi più... titolo perfetto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sara...dici che il sovrappeso sia colpa del computer... ah allora ho capito.... un bacio!

      Elimina
  3. Ciao Elena :) Un piatto fantastico, gustoso e invitantissimo... peccato solo io non possa magiare piccante ma ti faccio i miei complimenti, deve avere un gusto unico, bravissima! Mi dispiace ma non credo di riuscire a proporre una ricetta per l'Abbecedario culinario della comunità europea... è un periodo ricco di impegni e il tempo è davvero poco... mai dire mai fino al 22 ma la vedo dura... vediamo ;) Un abbraccio forte e buona giornata :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tranquilla non c'è problema..grazie e un abbraccio!

      Elimina
  4. è uno di quei piatti che mi piacerebbe tanto imparare a fare! mi sa che mi studio per bene la tua ricetta :) ciao carissima complimenti! (approvo tantissimo i passaggi in Italia per poi passare al resto del Globo :) )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non si deve mai trascurare la patria soprattutto per questi prodotti così speciali...sai che sono un presidio SlowFood?

      Elimina
  5. Adoro questo piatto, quanto è godurioso!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Grande! Hai ragione, e anche secondo me le patate amorbidisvono il colpo! Di fatti le ho usate pure io.
    Soltanto che non l'ho mangiato... :(

    Besos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì le patate aiutano... grazie Mai!

      Elimina
  7. congratulazioni tesorella, sei in un club ristretto! questo non è un premio ma un riconoscimento per i miei blog preferiti. tu sei tra questi. da oggi sei ufficialmente Betty approved! (maggiori info qui:http://elisabettapendola.com/2013/04/15/intermezzo-melodrammatico/ )- ti conferisco il fiocco lo puoi appuntare dove ti pare (anche in bagno) ce l’ha anche Imma di DolciAGoGo nella sidebar! : http://elisabettapendola.files.wordpress.com/2013/04/betty1_02.png?w=600

    RispondiElimina
  8. Troppo forte Elena!!! Mi piace tutto dal chili, al peperoncino, al pane indiano, alle patate sabbiate con il mio adorato pepe rosa!!! Passo tra un po'... lasciamene almeno una porzioncina!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma certo ti aspetto... il pepe rosa è sempre il benvenuto anche a casa mia! grazie!

      Elimina
  9. Confesso la mia ignoranza, non l'ho mai assaggiato, ma il tuo piatto ha un ottimo aspetto, complimentissimi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'è sempre una prima volta... io era la prima volta che lo preparavo..invece grazie!

      Elimina
  10. ero cosi contyentsa di questo mtc mannaccia io lo devo fare troppo buono il chili complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ho dubbi sulla tua prestazione...verrò a curiosare... grazie!

      Elimina
  11. Complimenti cara, bellissimo piatto!
    Anche gli abbinamenti che hai scelto ci sembrano molto azzeccati.
    A presto.
    Elisa e Laura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi fa piacere che vi siano piaciuti... a presto!

      Elimina
  12. Elena,bello tutto l'insieme! I fagioli che hai usato mi sembrano come quelli che qui chiamiamo Calypso Beans. Sono molto belli e molto buoni.
    Il pane con farine diverse e di sapore deciso, come il grano saraceno mi sembra un accompagnamento altrettanto indovinato. Il contorno di patate sabbiate deve essere golosissimo, sia come texture che per l'uso della senape. Brava!

    -Ann

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e' vero, sono proprio i Calypso beans, che io non conoscevo proprio, e pensa che questi fagioli da noi sono un presidio Slowfood, vale a dire prodotti protetti per salvaguardare per le biodiversità....
      Mi fa piacere che ti sia accorta delle diverse farine effettivamente è il bello di questa variante..almeno a mio parere.
      La ricetta delle patate non è mia e anche se molto buone, non mi ha dato soddisfazione a realizzarle.. mi sembra ci stiano a pennello.
      Grazie del tuo commento mi ha fatto molto piacere! baci!

      Elimina
  13. Caspita Elena, non avevo mai visto questa qualità di fagioli!
    Complimenti davvero per il tuo chili!

    RispondiElimina
  14. Un 3x1, il tuo, da non perdere!!! Adoro la tua versione (soprattutto le patate che tra senape e pepe rosa mi hanno conquistato subito!). Brava!!
    Buona giornata,
    Sarah

    RispondiElimina
  15. Ma lo sai che ho in dispensa proprio un pacchettino di fagioli Badda di Polizzi, acquistati al Salone del Gusto, che aspettano solo di essere cucinati? ^_^

    Grandioso il tuo chili, complimenti!

    RispondiElimina
  16. Complimenti Elena, una versione interessante e colorata come i tuoi fagioli che neanch'io conoscevo....
    A presto!!

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!