sabato 23 maggio 2015

Pasta al pomodoro con sgombro, zenzero e mandorle


Oggi propongo una pasta un poco insolita, preparata un po' per caso la scorsa estate.
Era nata come pasta al pomodoro, sgombro e zenzero, solo per accontentare, un elemento negativo che vive sotto questo tetto e che non sopporta la pasta al pomodoro, l'aggiunta di questo pesce saporito e molto amato aveva distratto il soggetto. L'obiettivo era stato raggiunto!
Per la sfida dell'MTC di questo mese l'ho rispolverata, aggiungendo il pane grattugiato, aromatizzato sempre con la stessa radice, e un elemento croccante, le mandorle.
Lo zenzero con il suo gusto fresco e speziato, vivacizza il gusto dello sgombro, riuscendo anche a "sgrassarlo" un pochino.
Con la dose della mia ricetta, il profumo è presente senza essere invadente, e il piccantino invece si sente, soprattutto se non si è abituati al suo gusto.

Paola, eccomi giunta alla terza, ho fatto l'en plein, mai successo!
Grazie per l'argomento scelto!





Ingredienti per 2 persone

180g di tortiglioni
90g di sgombro sott'olio sgocciolato
12 pomodori ciliegino
50g di zenzero fresco (dose a piacere)
4 cucchiai di pane grattugiato
4 cucchiai di olio evo
lamelle di mandorle pelate





Tagliare  a rondelle lo zenzero dopo averlo pelato, scaldare l'olio in una padella larga, aggiungere lo zenzero (circa metà dose) e i pomodorini tagliati a metà.
Aggiustare di sale e aggiungere un poco di acqua, lasciare cuocere per 5-10 minuti, schiacciando i pomodori con una forchetta.
Passato il tempo inserire lo sgombro, dopo averlo scolato dall'olio di conservazione, togliere le rondelle di zenzero,  e lasciare amalgamare i sapori aggiungendo qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta.
In un'altra padella, dopo averla scaldata, inserire il pane grattugiato e il resto dello zenzero grattugiato lasciare tostare a fiamma alta, quando raggiunge il colore voluto (ambrato), toglierlo dalla padella e metterlo su un piatto freddo per fermare la tostatura.

Nel frattempo scaldare 2,5 litri di acqua, quando bolle salare con il sale grosso (18g) e gettare la pasta.
Cuocerla seguendo i tempi indicati sulla scatola (io 12 minuti).

Scolare i tortiglioni dall'acqua di cottura, saltarli velocemente in padella, e alla fine spolverizzare con pane grattugiato aromatizzato allo zenzero.
Servire subito, cospargendo con ancora un pizzico di pane grattugiato e qualche lamella di mandorle pelate.



Mi sono allontanata dal piatto per rispondere al telefono e subito quale "lupo affamato" ne ha approfittato, mandando a ramengo la "sessione fotografica"....









Con questa ricetta partecipo alla 48esima sfida dell'MTC


7 commenti:

  1. Molto curiosa!!!
    Mai provato lo zenzero in abbinamento con lo sgombro, mentre lo conosco meglio in coppia con altri pesci.
    Sì, ma non è che ti fai un giretto in Liguria e ci cuciniamo due cosette insieme.......qui c'è pieno di sgombri!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Super golosa questa proposta..è proprio vero che i piatti migliori nascono per caso :-)

    RispondiElimina
  3. Ciao Elena, passo per dirti che ho chiuso il blog quindi puoi togliere il banner del riccio :-( Un bacione e grazie di tutto <3 Fu accantoalcamino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Libera, il riccio lo tengo perchè mi piace troppo, come il tuo blog, che spero rinasca presto, come faccio senza di lui???? Ci sentiamo presto, se non ti dispiace...

      Elimina
  4. Idea molto interessante, mi piace molto l'abbinamento sgombro zenzero

    RispondiElimina
  5. Ahahahah, mai lasciare incustoditi i piatti di pasta :) fantastica anche questa terza proposta. Lo sgombro, il pomodoro e lo zenzero li trovo azzeccatissimi tra loro e la nota fresca e piccabtina dello zenzero dona una marcia in più al tutto :) nuovanente grazie :)

    RispondiElimina
  6. "distrarre" dal pomodoro è una missione che ci ha accomunato in tanti, in questa sfida... ma abbiamo accumulato così tante strategie-compresa questa tua ultimaproposta- che da ora in poi "facciamo una pasta?" sarà seguito da grida di giubilo!!! Grazie ancora!

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!