lunedì 25 gennaio 2016

Risotto di verza e nduja


Questa settimana la rubrica Light and Tasty parla di Riso o meglio di Risotto!
Cosa intendiamo per risotto?
Risotto è un modo di cucinare il riso, aggiungendo liquidi bollenti poco alla volta, mescolando o meno (a seconda delle teorie )
Pare che il riso sia stato portato dagli Spagnoli, gli Aragonesi,  a Napoli nel XIV secolo.
Fu così conosciuto dai napoletani che iniziarono a consumarlo come piatto unico, non riuscendo però mai a soppiantare il consumo dell'amata pasta. Poi per ragioni di clima e coltivazione  emigrò al Nord dove peraltro già lo conoscevano come farmaco e come ingrediente per dolci, e qui si stabilì, favorito dall'abbondanza d’acqua, per lui indispensabile per crescere bene. La fonte è qui.
Il risotto è un primo piatto tipico italiano, può essere cucinato con tutte le verdure possibili, carni e pesci, proprio per questo risulta molto versatile e apprezzato da tutti.
La  caratteristica principale è il mantenimento dell'amido durante la cottura che si gelatinizza e lega i chicchi tra loro, creando un composto cremoso dalla consistenza unica.
Esistono varietà di riso più adatte a questo tipo di cottura, personalmente vi consiglio Arborio, Baldo, Carnaroli,  Vialone nano).
Ma passiamo alla ricetta, un poco particolare perchè unisce un classico risotto del nord, riso e verza con la magica Nduja, salume piccante tipico calabrese, che viene prodotto sull'altopiano del Poro, in provincia di Vibo Valentia.
A mio parere l'accoppiata è stato un successo, vi invito a provarlo!





Ingredienti per 2 persone

160g di riso carnaroli
150g di verza tagliata e listarelle
1/2 scalogno
100ml di vino bianco
2 cucchiai di olio evo
15g di nduja
brodo vegetale





Preparare il brodo: inserire tutte le verdure, e far bollire a fiamma dolce per un'oretta, salare solo alla fine.
Mondare la verza e tagliare a listarelle, tenere da parte due foglie esterne per servire il riso, lavare bene ed asciugare con carta assorbente facendo attenzione a non ammaccare le foglie
Scaldare 2 cucchiai di olio, inserire lo scalogno tritato, la verza e cuocere con un poco di brodo per circa 1-2 minuti.
Quando il brodo è evaporato, tostare il riso, sfumare con il vino bianco a fuoco alto.
Iniziare la cottura mescolando e aggiungendo man mano  il brodo ben caldo.
Cuocere per circa 17-20 minuti.
Togliere dal fuoco e mantecare con la nduja, mescolando accuratamente.
Servire in piatti individuali utilizzando la foglia di verza come contenitore, volendo sbriciolare un poco di nduja sulla superficie.
Una possibile presentazione è servirlo in una foglia di verza cruda.


ecco le altre proposte di risotti...


Risotto con astice e funghi porcini di Carlo Emilia

Risotto al limone col Bimby di Cinzia

Risotto al finocchio e polvere d'arancia di Consuelo

Risotto con i carciofi al forno di Daniela

Risotto alla bieta  di Eva

11 commenti:

  1. E io accetto subito l'invito, sono già con le zampe sotto il tuo tavolo!!! Davvero ottimo, Elena, un bacione a presto

    RispondiElimina
  2. Un primo da leccarsi i baffi<!!!!!

    RispondiElimina
  3. Sfiziosissimo abbinamento! Complimenti Elena!

    RispondiElimina
  4. ma che buonooo mai pensato!!!

    RispondiElimina
  5. Io adoro il risotto è certamente tra i miei cibi preferiti. Splendida la tua ricetta, un bacione

    RispondiElimina
  6. Ottimo risotto Elena, mi piace molto il piccantino della nduja con la verza!

    RispondiElimina
  7. Un abbinamento insolito ed invitante. Deve essere strabuono questo risotto :)
    Un bacio e buona settimana

    RispondiElimina
  8. Ma che bello l'accostamento della verza alla nduja, dolce e piccante, una delizia!
    Se light è anche meglio :-)
    Buon inizio settimana, a presto ....

    RispondiElimina
  9. bellissimo connubio! Mi piacciono le sperimentazioni!

    RispondiElimina
  10. Wow Elenaaaaa!! la tua ricetta mi piace tantissimo!!

    RispondiElimina
  11. Ricetta interessantissima, mai provata la nduja con risotto ottima idea complimenti. Un saluto e se ti va passa pure dal mio sito :) alla prossima ricetta!!

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!