giovedì 20 novembre 2014

Muffins di mais con guanciale, piselli e cuore di formaggio erborinato



Eccoci in cucina per questo MTC che parla bolognese e americano  allo stesso tempo...
Ma vi rendete conto? Questo mese la vincitrice è "la Francy" e ha scelto i muffins!!!!
Quei dolcetti deliziosi che tutti abbiamo assaggiato almeno una volta, morbidosi e facili da preparare (l'importante è seguire le indicazioni giuste).

Già pensavamo tutti quanti di poter invadere e conquistare il web con le più disparate creazioni, ma oltre a mettere un freno numerico (max 2 preparazioni) le organizzatrici hanno pensato bene di alzare ulteriormente la posta in gioco, dando una direttiva ben specifica: la ricetta deve ispirarsi a un testo, sia esso di una canzone, un libro o una fiaba.
Questo – devo ammetterlo – in un primo momento mi ha mandato in crisi. La sottoscritta non sapeva davvero a quale opera musical-letteraria ispirarsi. E così dopo un iniziale sbandamento in cui riuscivo a pensare soltanto a “Banane e lampone” dell'eterno ragazzo di Moghidoro (che mi sembrava un po' banale, anche se in coppia con “Fatti mandare dalla mamma a prendere il latte”...), mi sono ricordata della mia fiaba del cuore, quella che desideravo farmi leggere prima di addormentarmi: “La principessa sul pisello”.

La storia narra di un principe alla ricerca di una vera principessa da sposare. Una sera tempestosa, alla porta del castello bussa una ragazza trasandatissima che dichiara di essere una principessa e chiede ospitalità per la notte. Per riuscire a capire se si tratta davvero di una nobildonna, la vecchia regina nasconde un piccolo pisello sotto venti materassi e venti cuscini: la ragazza viene condotta al suo letto, ma non riesce a dormire per tutta la notte a causa del legume nascosto. L'estrema sensibilità della ragazza diventa così la prova del suo sangue blu, e la regina organizza immediatamente le nozze con il principe.

Questa fiaba di Andersen, mi ha sempre affascinato, ma allo stesso tempo mi turbava un pochino. Lo sappiamo, sposare il principe è sempre stato il sogno di tutte le bambine - e quindi pure il mio - ma l'idea che la suocera sancisse in un battibaleno il matrimonio - senza nemmeno fare conoscere i due sposi - mi ha sempre procurato un po' di ansia. Forse anche i disegni del libro che avevo da piccola hanno indotto questi pensieri: il re e la regina erano piccoli e tarchiati, con lineamenti duri e atteggiamento altero, la principessa bellissima, bionda e timidissima, il principe quasi non si vedeva … compariva solo alla fine in una piccola immagine e sinceramente non era niente di che!


Invece ricordo con piacere l'immagine del letto con la pila di cuscini e materassi e il piccolo pisello sotto!

Da queste figure ancora impresse nella mia mente ho creato il mio muffin: il pisello non poteva mancare e il guanciale neppure (ok, salume e cuscino sono due cose diverse, ma il richiamo è immediato); la farina di mais mi ricordava la bionda capigliatura della ragazza e il cuore blu di formaggio erborinato è una gustosa metafora del suo sangue nobile! Ed ora passiamo subito alla ricetta.

C'era una volta...


Ingredienti per 12 muffins
100g di farina di mais fioretto
150g di farina bianca
120ml di latticello (latte + gocce di limone)
2 uova
5 cucchiai di olio evo
8g di lievito per torte salate
1 cucchiaino raso di bicarbonato
2 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato
100g di guanciale a cubetti
100g di piselli cotti
100g di Blu del Moncenisio (formaggio erborinato)
1/2 cucchiaino di sale



In una padella antiaderente scaldare 1 cucchiaio di olio, aggiungere il guanciale e lasciarlo rosolare qualche minuto in modo da renderlo croccante ma non secco, aggiungere i piselli già cotti e mescolare il tutto. Far raffreddare.

Mescolare gli ingredienti secchi: farina di mais, farina bianca , lievito e bicarbonato, sale.
In altra ciotola sbattere le uova, inserire olio e latticello (io ho unito 2 cucchiaini di succo di limone a latte). A questo composto aggiungere i piselli con il guanciale alle farine e mescolare in modo da infarinarli.

Unire i due composti, mescolare con pochi giri di cucchiaio ( per evitare che si perdano tutte le bollicine degli agenti lievitanti).

Ungere gli stampini (io non l'ho fatto e me ne sono pentita!), e inserirli nella teglia apposita.

Dosare il composto nei pirottini: 1 cucchiaio di impasto, 1 cubetto di formaggio erborinato (io blu del Moncenisio) e poi ancora 1 cucchiaio fino ad arrivare a riempire i 2/3 degli stampi.

Cuocere in forno già caldo a 180°C, funzione lievitati per 20 minuti circa, spegnere il forno, aprire lo sportello e attendere 5 minuti, solo allora sformarli,  lasciarli raffreddare su di una griglia.








Vi consiglio di servirli tiepidi con miele, io ho usato quello di lavanda, acquistato quest'estate in Provenza, ma potete scegliere quello che preferite!!











Con questa ricetta partecipo alla 43 esima sfida dell'MTC


15 commenti:

  1. Ma che buonooooo!!! Quella colata di miele è davvero... da favola!!!

    RispondiElimina
  2. wow che bontà! ottima idea! grazie per la ricetta, buona serata, ciao Andrea

    RispondiElimina
  3. Favole o no, questi muffin sono davvero un capolavoro, brava!!

    RispondiElimina
  4. Spettacolari e molto gustosi i tuopi muffin!! mi sono unita ai tuoi fan con molto piacere,se ti va,passa da me.. buona serata

    RispondiElimina
  5. Ma non ci credo!!!
    "Guanciale" .....e tu ci hai messo il guanciale, sangue blu e tu hai piazzato dell'erborinato......ahahahahah, davvero estremamente divertente e centratissimo l'abbinamento!!!
    Al contrario io non ho mai amato questa fiaba e la principessa sminchia mi è sempre stata pesantissimamente antipatica.....praticamente una rompiballe spaziale.....e poi io sognavo di scappare con Terence Hill.
    Mmmmmm.....forse dovrei fare dei muffins con i fagioli:))))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terence Hill, è venuto pure lui, ma dopo, verso i 9-10 anni, qui ero molto piccola, non avevo ancora capito che era una rompi-rompi e soprattutto il coraggio di lamentarsi dopo essere stata ospitata in una notte piovosa, mi lascia perplessa, ma solo oggi... :)

      Elimina
  6. la fiaba è stupenda ma io adoravo tutte le fiabe e tutte le ho lette ai miei figli, fanno crescere i bambini le fiabe, servono e la principessa sul pisello era deliziosa, sarà che mi chiamavano così, io ero un po' principessa sul pisello, poi sono cresciuta...belli i muffin Elena...

    RispondiElimina
  7. Mamma mia.... Elena.... bella fiaba..... ma splendida ricetta!

    RispondiElimina
  8. La principessa sul pisello è una fiaba e come tutte le fiabe non hanno una morale ma questa è diventata tanto popolare, amata e famosa che se devi descrivere una persona un po’ altezzosa o snob inevitabilmente si dice “è una principessa sul pisello” o anche altre associazioni che meglio non approfondire qui :-D
    I tuoi muffins sono adorabili, gustosissimi e assolutamente da provare!!
    Avrei mischiato il guanciale e i piselli direttamente negli ingredienti secchi anziché nei liquidi, si usa questo metodo perché, infarinandoli ben bene, si evita che collassino sul fondo durante la cottura. Anche se noto dalla foto che a te non è successo ugualmente, probabilmente per via del formaggio nel mezzo!
    Chapeau, cara Elena!
    Un bacione e grazie!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in realtà avevo inserito alla fine piselli e guanciale, mi sono sbagliata nello scrivere, ma in ogni caso quello che scrivi tu è effettivamente la procedura corretta (vedi uvetta nelle torte), quindi correggo subito! grazie!

      Elimina
  9. Molto carina la fiaba, ma mi piacciono soprattutto i muffin, e gli abbinamenti azzecatissimi che hai scelto! Perfino l'erborinato per rendere l'idea del sangue blu... fantastico!
    E poi questi muffin li mangerei ad occhi chiusi... e pure su mille guanciali!

    RispondiElimina
  10. Questa fiaba mi è stata sempre snob, non è una delle mie preferite diciamo... ma tu ne hai ricavato una meraviglia di mufin e tutto coerentemente studiato!!!

    Bravissima!

    RispondiElimina
  11. Voglio il miele alla lavanda!!!! Anch'io sono stata in Provenza e mi è rimasta nel cuore!!!
    I tuoi muffins sono davvero appetitosi....mi sta venendo fame!!!
    Vorrei fare una battutina maliziosa sulla principessa sul pisello....ma mi trattengo....ah ah ah ah!!!!

    RispondiElimina
  12. Ciao,la tua proposta mi piace tanto,tanto. Sarà che la Pricipessa sul pisello è una delle mie storie preferite,sarà che adoro i tuoi ingredienti...ma mi hai proprio conquistata.

    RispondiElimina
  13. Sono morta :-)
    sul guanciale, sul pisello, sul sangue blu (che lascia la scia ;-), sul biondo del grano, sull'interpretazione generale, che trovo ironica, dissacrante, leggera e assolutamente divertente. Un crescendo, in cui questi muffins segnano la parte più alta, con il loro equilibrio e la loro bontà. Altro che Principe azzurro.. un bel Blu di capra, sarebbe perfetto!

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!