venerdì 18 aprile 2014

Cialdina di Parmigiano con trippa fritta e mousse di batata rossa al pepe sichuan


E oggi, per la sfida dell'MTC, dedichiamoci ad un antipasto, ho voluto proporre un finger food in cui il quinto quarto sia il vero protagonista.
L'idea era di studiare qualcosa con le animelle, ma visto che pare che siano introvabili da queste parti, ho optato per la trippa.
L'ho resa croccante con una panatura di mais e avvolta in una mousse a base di batata rossa aromatizzata al pepe sichuan, per dare una marcia in più alla crema.
La base non poteva che essere a base di parmigiano ... trippa e parmigiano è un'accoppiata vincente!
Due parole sulla batata rossa, che ho conosciuto solo qualche settimana fa e mi ha subito colpito ( e affondato!); è un tipo di patata americana, dal colore arancio, consistenza simile alla patata ma con gusto più vicino alla  zucca, cuoce velocemente e pare che abbia proprietà benefiche a iosa, non dimentichiamo.....è proprio buona!
Con un buon Cartizze doc, vi risolve l'aperitivo.
Grazie Cristiana, senza questa tua proposta, mai sarei arrivata a pensare a questo piatto...


Ingredienti per 8 cialdine

50g di trippa
100g di Parmigiano Reggiano grattugiato
1 uovo
1 batata rossa grande
90ml di latte
farina di mais fioretto
sale
pepe sichuan
fiori di rosmarino
olio per friggere



Scaldare una padella antiaderente con il fondo spesso, posizionare un coppapasta, riempire l'interno con parmigiano grattugiato, lasciare sciogliere.
Togliere il coppapasta e con una spatola definire bene i bordi, quando risulta ben rappreso, girarlo e lasciarlo cuocere ancora 30 secondi.
Con l'aiuto di un guanto da cucina posizionarlo sopra un bicchierino da liquore capovolto, pizzicare i bordi cercando di dare la forma a cestino. Far raffreddare.

Avete avuto qualche inconveniente?La forma non vi piace? Ripassatelo in micronde per 40 secondi alla massima potenza e rimodellatelo di nuovo!!!


Cuocere la trippa, dopo averla lavata più volte sotto acqua corrente e averla scottata per circa 15 minuti in acqua bollente, in un tegame con acqua, un bicchiere di vino bianco, verdure da brodo (carota, cipollina, aglio sedano), una foglia di alloro e una di salvia per circa 1 ora.
Togliere dal brodo vegetale e far asciugare su carta assorbente e lasciare raffreddare.

Pelare e mondare la batata, tagliarla a piccoli tocchetti, mettere in una pentola e coprirla con il latte e cuocere mescolando spesso (il latte non è tanto e tende ad asciugare)  finchè non risulterà morbida, (10-15 minuti, dipende dalla dimensione dei tocchetti). Aggiustare di sale e aromatizzare con il pepe, dopo averlo passato al mortaio.

Pochi minuti prima di servire, friggere la trippa, tagliarla a piccoli tocchetti, passarla nell'uovo sbattuto con un pizzico di sale e poi nella farina di mais.
Friggere in  abbondante olio mantenuto a circa 170°C.

Assemblare i finger food: con il sac a poche farcire le cialdine, posizionare la trippa fritta e successivamente decorare con qualche foglia e fiore di rosmarino.
Servire quando il fritto è ancora caldo, mentre la mousse e la cialda sono a temperatura ambiente.

Con questa ricetta partecipo all'MTC Challenge 38esima sfida:


e siccome è priva di glutine, partecipo anche all'iniziativa 100% Gluten Free (fri)Day

16 commenti:

  1. Ma quanto mi piace questa ricetta! L'accostamento degli ingredienti, la cottura, i colori e la presentazione. Tutto è perfetto e soprattutto bellissimo! Hai valorizzato la trippa in un modo eccellente, sfido anche i più schizzinosi a non provare questi finger food con quella bella trippa croccante.
    I miei in bocca al lupo per questa ricetta, per me nella rosa delle vincenti!
    Ti rinnovo i miei auguri di Pasqua.

    RispondiElimina
  2. Elena, non ho mai mangiato la trippa, e onestamente non ci tengo a farlo. Ma questo tuo finger food è davvero particolare e ben costruito, credo che riuscirebbe a tentare anche una restia come me. Brava davvero,

    RispondiElimina
  3. La batata avrà colpito e affondato te...tu invece hai steso me (e tutto l'MTC credo) con questo aperitivo a 3 stelle! !! Brava. Brava. Brava!
    E se l'aperitivo è questo. ..
    Buona Pasqua cara.

    RispondiElimina
  4. Mamma mia che bella ricetta...e che brava tu!!! complimenti!
    http://www.campiflegrei.na.it/index.php/category/gastronomia/

    RispondiElimina
  5. ma qui siamo oltre!!!
    buona Pasqua Elena!
    Sandra

    RispondiElimina
  6. Ahhhhh questa è arte non cucina, una meraviglia, sono senza parole..... Buona Pasqua cara!

    RispondiElimina
  7. Troppo brava..questi finger food sono delle vere opere d'arte ^_*
    Buona pasqua tesoro <3

    RispondiElimina
  8. Caspiterina, che antipasto delizioso, la batata rossa i sa che l'ho mangiata una volta, comprata in un negozio etnico e mi era piaciuta tanto.

    RispondiElimina
  9. Complimenti Elena! Bell'idea e ottima realizzazione, forme e colori molto invitanti :-)

    RispondiElimina
  10. Mi diverte quando trippa e simili si trasformano in un qualcosa di gradevole anche all'occhio! I colori: l'arancione della batata, il fiore di rosmarino, il giallo della panatura...tutto invitante. Ho fritto la trippa, ma non avevo pensato a farle fare il classico passaggio in uovo, sicuramente la protegge lasciandola morbida. La batata la conosco: mi piace il suo sapore "farinoso", la consistenza che lascia al palato. Hai fatto bene a ricordarla..Anche questa volta dai un tocco in più con la spezia: il pepe sichuan...per concludere: immagino l'involucro di parmigiano croccante e saporito che contiene la purea di batata dolce che esalta i profumi del pepe e per concludere la trippa: croccante fuori e morbida dentro. Mi suona a meraviglia! Grazie buona Pasqua cri

    RispondiElimina
  11. mamma che meraviglia!!!! La cialdina di grana è la morte della trippa...o è il contrario??!! ahahah...hai creato dei bocconcini assolutamente strepitosi!! ciao bella gioia!!! complimentissimi!!!

    RispondiElimina
  12. mi verrebbe da puntare le "telecamere" solo sulla tua cucina, ci credi, per vedere che cos'altro puoi tirar fuori... questa è una trovata pazzesca, per inciso: e l'utilizzo della batata la rende estremamente originale e "nuova". Ma è proprio tutta la concezione del piatto che mi convince, in questa armonia dei sapori e delle consistenze, in questa ricerca dell'equilibrio anche cromatico, con la soddisfazione dell'occhio che anticipa quella del palato...si vede che sei a tuo agio in questa sfida: ci stai regalando ricette meravigliose... bravissima!

    RispondiElimina
  13. Carissima, che dirti? Io ho assaggiato la trippa, ma non mi è piaciuta, ma credo che in questa maniera riuscirei a mangiarne ad iosa! Innanzitutto il fatto di friggerla infarinandola con il mais è una idea doppiamente vincente perché tutto viene più croccante e possono mangiarla anche i celiaci (e non è cosa da poco). Poi, mi piace l'idea della batata, che non conosco, ma il solo fatto che si avvicini al gusto della zucca, già mi piace. Terzo la cialdini di parmigiano è una chicca che rende il tutto molto più facile da mangiare, oltre che dà un grande gusto. Insomma, una idea strabiliante!!!

    RispondiElimina
  14. Hai reso piacevole anche alla vista un piatto come la trippa, diciamo non troppo fotogenico!! Interessante insieme di sapori e consistenze Elena: mi hai fatto venir voglia di assaggiarlo...

    RispondiElimina
  15. La trippa l'ho mangiata spesso ma MAI fritta! Visto che poi non ho mai assaggiato la batata, potrei copiarti bellamente la ricetta ed al prossimo aperitivo lo propongo (senza dire cosa ho fritto perchè quelli che se la tirano da gastrofighetti non se la filerebbero).
    Sei un pozzo di conoscenza....e brava anche questa volta!
    Nora

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!