venerdì 2 ottobre 2015

Maccheroni alla bobbiese per L'Italia nel piatto



Oggi L'Italia nel piatto presenta LA PASTA FRESCA.
La pasta è il piatto nazionale per eccellenza, tutti al mondo ci conoscono come mangiatori di spaghetti, in tutti i ristoranti italiani al mondo sono il piatto più cucinato.
Ma la pasta fresca, quella fatta a mano, riesce ad evidenziare le differenze regionali come nessun altro e lo si denota già dagli ingredienti, farina di grano tenero al nord e farina di semola al sud, proprio in base alle coltivazioni che seguono i microclimi.
Ho pensato di preparare i maccheroni alla bobbiese, una ricetta tipica piacentina e in particolare del borgo di Bobbio, sono dei maccheroni preparati con i ferri da maglia e conditi con sugo di stracotto (in inverno) o sugo di funghi in estate.
Pare che questo piatto abbia origini medioevali, ma ancora oggi è preparato in diversi ristoranti della zona, ma soprattutto nelle famiglie dove le nonne sono di solito le detentrici della ricetta.
Vi lascio il link di un video trovato sul web, girato proprio nel ristorante tipico in cui li ho assaggiati per la prima volta. 
https://www.youtube.com/watch?v=CHvyoHvDAWc
Guardatelo attentamente, vi aiuterà a capire meglio come si preparano ed ora la ricetta...


Ingredienti per 4 persone

400g di farina 00
4 uova medie
1 cucchiaio di olio
1 pizzico di sale

Condimento
1 scalogno
300g di funghi freschi puliti
1 canna di sedano
3 cucchiai di olio evo
20 g di burro
50ml di vino bianco secco
pepe bianco
sale
concentrato di pomodoro

Setacciare la farina a fontana, inserire il sale, l'olio e le uova sbattute, iniziare ad impastare, aggiungendo al bisogno un poco di acqua tiepida.
Lavorare l'impasto con le mani fino a renderlo omogeneo e ben sodo, con i palmi delle mani aperte per almeno 10 minuti.
Far riposare una trentina di minuti coperto con pellicola.
Tagliare a tocchetti e formare delle bisce (tipo quelle dei gnocchi), diametro 2cm circa, tagliare a pezzi di 3-4 cm circa e con un ago da lana (i ferri per fare la maglia n.3), incidere la parte centrale e spingere con le mani rotolando il tutto sulla spianatoia fino a formare il maccherone con all'interno il ferretto.
Togliere delicatamente l'ago. Lasciare asciugare  su di un vassoio per alimenti.



Preparare il condimento, un sugo di funghi: scaldare l'olio e il burro, aggiungere lo scalogno tritato finemente. Dopo qualche minuto a fuoco basso inserire i funghi (già ben puliti con un coltellino e passati velocemente sotto l'acqua corrente), tagliati a pezzi.
Sfumare con il vino bianco, aggiungere il sedano, il concentrato di pomodoro e un poco di acqua.
Aggiustare di sale e pepe. Far cuocere per una trentina di minuti.

Far bollire una pentola con abbondante acqua salata e un goccio di olio, quando è raggiunto il bollore, inserire i maccheroni, far cuocere 4-5 minuti (dipende dalla lunghezza e dallo spessore), scolare e condire in padella con il sugo di funghi, per qualche minuto aggiungendo anche un paio di cucchiai di acqua di cottura.
Servire subito.




ecco le altre ricette...





Piemonte: Agnolotti piemontesi conditi con la (il?) barbera del blog Alterkitchen

Trentino-Alto Adige: Frittatensuppe del blog A fiamma dolce

Friuli-Venezia Giulia:  Blecs con Tazzelenghe del blog Il piccolo Artusi

Lombardia: Tortelli di zucca mantovani del blog La cucina di Kiara

Veneto: Bigoli con ragù d'anatra del blog Le tenerezze di Ely

 Emilia Romagna: Maccheroni alla bobbiese qui

Liguria: Tagliolini alle borragini con crema di ricotta del blog Un'arbanella di basilico

 Toscana: Tortelli maremmani del blog Acquacotta e fantasia

Marche: Le pincinelle marchigiane del blog La Greg

 Umbria: Tagliolini con battuto del blog 2 amiche in cucina

Abruzzo:Maccheroni alla chitarra del blog Il mondo di Betty

Lazio: Gli strigliozzi  del blog Beuf a la mode

Campania: Pettole e Fagioli del blog I sapori del Mediterraneo

Basilicata: Fusilli lucani - maccheroni filati al ferretto del blog Profumo di cannella

Puglia: Orecchiette con purè di fave e cipolla rossa di Acquaviva  del blog Breakfast da Donaflor

Calabria: Struncatura cà muddhica e alici salati del blog Il mondo di Rina

 Sicilia: Ravioli di ricotta del blog Burro e vaniglia

Sardegna: Culurgionis ogliastrini del blog Dolci tentazioni d'Autore


22 commenti:

  1. In Calabria ho imparato a fare un tipo di maccheroni molto simile ma più lunghi! Buonissimo anche il condimento ai funghi ma con lo stracotto devono essere la fine del mondo.
    Bacioni.

    RispondiElimina
  2. Mitica!!!! Sei riuscita a fare i maccheroni con il ferro....troppo brava :)

    RispondiElimina
  3. Anche tu ferretto e funghi! Ma nel tuo impasto ci sono le uova e nel condimento il pomodoro. Bellissimo scoprire la ricchezza delle regioni. Ottimo piatti, mi ci tufferei!

    RispondiElimina
  4. e qui andiamo sul difficile, dovrò provare, non ho mai fatto la pasta utilizzando il ferro, ma il formato mi piace molto, un bacio

    RispondiElimina
  5. Eeee vabbè!!!! Però cosi' non vale:-))) Ma cosa vogliamo dire ad un emiliana, che non sa cucinare??!!!! Anche no! Sei sempre una fonte di ispirazione! Grande Elena.

    RispondiElimina
  6. Bravissima,un piatto molto invitante !

    RispondiElimina
  7. Che belli Elena, sei stata bravissima! Prima o poi ci provo ;) Un bacione

    RispondiElimina
  8. Ma che spettacolo!!!!!!! Ti sei superata, che voglia di assaggiarli!!!! Un bacione

    RispondiElimina
  9. Ma che piatto squisito! Quella foto all'inizio del post si mangia con gli occhi. Buona serata :)

    RispondiElimina
  10. Un piccolo sogno personale è quello di imparare a fare i formati di pasta con ferro da maglia! Stupenda ricetta.

    RispondiElimina
  11. Questa ricetta mi è proprio nuova.. pensavo che i maccheroni col ferro si facessero solamente nel meridione! Imparo sempre qualcosa grazie a questa rubrica! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si nel meridione però sono con semola di grano duro e senza uova, qui rigorosamente con uova e farina 00, nella ricetta tradizionale, nei ristoranti a volte la farina viene miscelata con quella di grano duro per renderli più al dente e meno delicati nella cottura..

      Elimina
  12. adorooooooo questo formato di pasta, ma lo sai che qui in Puglia facciamo la stessa pasta ma con solo semola!
    devo provare assolutamente la tua con farina e uova! mi piace anche molto il condimento con i funghi!
    un bacione

    RispondiElimina
  13. molto originale il formato di pasto, bravissima farlo a mano

    RispondiElimina
  14. Che brava Elena, è proprio vero la differenza la fa la farina: mille declinazioni di pasta lungo tutta l'Italia per un gusto sempre al massimo dell'eccellenza!

    RispondiElimina
  15. Hai proprio ragione cara Elena, questa uscita della pasta fresca ha evidenziato come non mai le differenze tra le varie regioni!!! Bellissima la tua ricetta, come il borgo da cui proviene. Sono stata diverse volte a Bobbio, soprattutto da giovane, quando si usava andare ad abbronzarsi sulle rive del fiume Trebbia! Complimenti!

    RispondiElimina
  16. Ma che brava con il ferro, io nn so se ne sarei capace. . Ma ci proverò! Complimenti

    RispondiElimina
  17. Bellissima la tua pasta fresca, sfizioso il nome e lo stracotto muore in questa pasta.
    Magnifica

    RispondiElimina
  18. Assomigliano nella forma ai nostri fusilli che però sono più lunghi e non hanno le uova nell'impasto. Non c'è bisogno di dirti che sei stata bravissima e che il tuo piatto si mangia con gli occhi ( non potendo diversamente).

    RispondiElimina
  19. ma quanto è bella e ricca la nostra Italia!
    trovo solo oggi un po' di tempo per leggermi i post sulla pasta e resto meravigliata da piatti strepitosi, ricchi di storia e di tradizione. Io sono un'amante del fusillo e quanto vorrei avere quel ferro per prepararmi in casa uno dei miei formati preferiti.

    un abbraccio!

    RispondiElimina
  20. Ecco Elena, io, in quanto topo di biblioteca, di Bobbio conoscevo la famosa Abbazia e i suoi codici manoscritti, ma questa meraviglia di maccheroni mi giunge nuova! Sei stata proprio brava a usare il ferro: una pazienza degna di un monaco medievale!

    RispondiElimina
  21. Credo che ogni regione abbia i propri maccheroni, ma il bello è che ognuno è diverso dall'altro

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!