martedì 25 marzo 2014

L'uovo fritto o uovo al tegamino

uovo fritto

Oggi ritorno a parlare di basi di cucina, e  sì perché è luogo comune dire "Non sa nemmeno fare un uovo fritto!", ma in realtà preparare l'uovo al tegamino non così semplice...
Ci sono delle regole di base: l'albume deve essere ben rassodato, il tuorlo morbido, lucente, non troppo cotto. E'importante salare sono l'albume.
E' meglio prepararlo in una padella piccola...diciamo di misura, il materiale non è importante, è sufficiente che abbia un fondo spesso per diffondere meglio il calore..
Indifferente invece è il tipo di grasso utilizzato, dipende dal  gusto personale.
Per il classico uovo fritto si userebbe  il burro, che conferisce un gusto leggermente dolce, io preferisco l'olio evo, ma c'è anche chi usa lo strutto che non varia il sapore.
Ma passiamo al mio  piatto,  non ricorda la primavera????

Ingredienti
1 uovo fresco
1 cucchiaio di olio evo
1 fetta di pane in cassetta
1 acciuga sott'olio
1 pomodoro secco
1 filo di erba cipollina (io uno stelo di salvia)

Tostare la fetta di pane da entrambi i lati e solo dopo tagliare le figura che desiderate,seguendo un cartoncino preparato da voi.
Preparare la farfalla con l'acciuga tagliata a metà all'estremità in modo da formale le antenne e con i pomodori secchi decorare le ali di pane tostato.
Disporre lo stelo del fiore e le foglie di pane. Solo ora preparare l'uovo in modo da poterlo servire subito dopo la cottura. E' importante che sia caldo (già il tuorlo a fine cottura è tiepido di suo!).
Scaldare l'olio in una piccola padella anti aderente, posizionare il cerchio apposito, rompere l'uovo, versare in padella solo l'albume.
Lasciarlo rapprendere a fuoco basso (2-3 minuti), e solo dopo scavare una leggere fossetta al centro e posizionare il tuorlo, coprire con coperchio e attendere 1 minuto. Salare l'albume a fuoco spento prima di servire.

Lo chef Fernand Point cuoceva l'albume come indicato in precedenza, preprarava la fossetta inseriva il tuorlo e poi infornata ad alta temperatura in modo da dare un colpo di calore sufficiente a intiepidire il tuorlo, e finire di cuocere l'albume

Altro metodo è montare l'albume a neve ferma, cuocere l'albume e successivamente mettere il tuorlo, chiudere con coperchio e attendere un paio di minuti. In questo caso si ha un notevole effetto coreografico!

Per chi ha cotto fino ad ora tuorlo ed albume insieme: non pensate di aver sbagliato fino ad ora, anche questo è possibile, ma il fuoco deve essere davvero molto basso (consiglio dello chef Marchesi), ricordate sempre come deve risultare (albume ben cotto, tuorlo morbido).
Ed ora, ..... provate, provate, provate!!!

10 commenti:

  1. Ma guarda che carina sta conposizione. Aria di primavera, hai detto giusto. In effetti poi tanto facile non è l'uovo al tegamino Elena, i tuoi suggerimenti sono senza dubbio utili! Buona giornata.

    RispondiElimina
  2. Bella la formina a fiore!! Io di solito lo faccio tutto assieme, la prossima volta provo a cuocere prima l'albume!!
    Grazie!!

    RispondiElimina
  3. Elena, che bellissima presentazione, farebbe impazzire tutti i bambini!

    RispondiElimina
  4. Ma che splendida idea!!!! Fa tanto primavera!!Bravissima :-)

    RispondiElimina
  5. ecco vedi? io del salare solo l'albume non lo sapevo!!

    RispondiElimina
  6. Qui è il piatto forte del venerdì! Guai se non lo preparo! Buonissimo anche con la polenta gratinata :-) Bacio

    RispondiElimina
  7. Grazie per tutti i consigli,veramente utili,ma dove si compra quella formina per l'uovo e' bellissima......e' un piatto spettacolare!!!!!!Brava!

    RispondiElimina
  8. Certo che presentato così è proprio invitante.... bravissima cara!!!!

    RispondiElimina
  9. Bè io lo dico sempre, che fare un uovo fritto è mooooolto più complicato di quello che pensava chi ha messo in giro questo modo di dire. Ma guarda che bel piatto che hai creato, complimenti davvero!

    RispondiElimina
  10. Bellissima la presentazione artistica! Un caro saluto!

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!