giovedì 20 marzo 2014

Budino di uova ghiacciato o Cacio bavarese per L'Italia nel Piatto

E  siamo  giunti anche questo mese al giorno 20, sembrava che l'inverno non finisse più e invece domani è già primavera, ma oggi non è solo l'ultimo giorno dell'inverno, è anche il giorno dell'appuntamento con L'Italia nel piatto, la nostra rubrica di cucina regionale.
Visto che esattamente fra un mese sarà il giorno di pasqua abbiamo pensato di proporre ricette con le uova, uno dei simboli di questa festività! e così il titolo di oggi è:
Le uova nel paniere!!!
Non sapevo cosa proporre, niente mi sembrava abbastanza tipico, poi con l'aiuto del Cucchiaio d'Argento (ho un'edizione del 1953, regalo di nozze di mia madre), ho scoperto questo Budino di uova ghiacciato. Subito mi sono ricordata della ricetta della una mia vicina di casa, amica di mia nonna che lo preparava spesso e mi era capitato di assaggiarlo più volte. Così ho scartabellato nelle ricette della nonna ed ecco uscire il Cacio Bavarese (così lo chiamava lei), mai avrei pensato fosse tipico e invece ....
Ecco la scoperta ... è un dolce freddo tipico di Parma, anzi della bassa Parmense; pare che la ricetta  sia presente nel libro "La cucina delle belle famiglie parmigiane" e spesso viene chiamato Budino del Vescovo; pare inoltre che sia stato il dolce preferito da Giuseppe Verdi.
A questo punto non avevo più dubbi, questo era il piatto giusto per l'appuntamento regionale.
Ho utilizzato le dosi della mia vicina, una sicurezza, utilizzando però il Pan di Spagna invece che i pavesini (mi è sembrata una sua interpretazione); era possibile usare anche i savoiardi, ma mi sembravano troppo spessi per questo uso. E' un dolce freddo delizioso, forse un po' pesante da digerire, ma che vale la pena di assaggiare, le dosi di servizio sono molto ridotte ( una fettina di un paio di cm di spessore, non di più!).
Ora passo alla ricetta perchè so che a questo punto siete curiosi di conoscerla, non è vero?

Cacio Bavarese - Budino del Vescovo - Budino di uova ghiacciato


Ingredienti (per 12 persone)
6 uova medie
100g di zucchero a velo
70g di burro a pomata
1 cucchiaio di rum
2 cucchiai di cacao amaro
1 bacca di vaniglia
pan di spagna (homemade)
alchermes

Panna  montata per decorare

Rassodare le uova, di solito metto le uova mantenute a temperatura ambiente in acqua e metto sul fuoco, quando inizia a sobbollire imposto il timer a 10 minuti, poi raffreddo sotto acqua fredda corrente.

Montare il burro con lo zucchero, aggiungere i tuorli dopo averli passati al setaccio (io ho unito tutto assieme mescolando molto bene in modo da rendere omogenea la crema, ma come ho descritto prima è la procedura più corretta).

Tagliare la bacca di vaniglia, estrarre i semini con la lama del coltello e unire al composto.

Foderare uno stampo da plumcake (10cm x 23cm) con pellicola per alimenti (così ci aiuterà a sformarlo quando è pronto per essere servito), tagliare  il pan di spagna in tante fettine sottili (2-3 mm), passarle nell'alchermes e foderare lo stampo disponendole in modo ordinato una vicino all'altra, sia sul fondo sia lateralmente.

Versare la metà della crema, lisciare la superficie, appoggiare un'altro stato di pan di spagna imbevuto nell'alchermes.

Aggiungere alla crema il cacao amaro, mescolare con cura.

Mettere anche la crema al cacao, e tagliare a livello il pan di spagna che sporge e sigillare il dolce con altro pan di spagna imbevuto nell'alchermes.

Posizionare in freezer per 2 ore o in frigo per una notte.

Togliere dal frigo 10 minuti prima di servirlo, sformarlo e decorarlo con panna montata.


Ed ora che ne dite se andiamo a curiosare nelle altre cucine d'Italia?

Vediamo un po' che proposte a base di uova troviamo in vista della Santa Pasqua...

Valle d'Aosta: Frittata alla savoiarda del blog Cinzia ai fornelli 
Piemonte: Insalata del venerdì di magro del blog La Casa di Artù
Trentino Alto Adige: Frittata allo speck del blog A fiamma dolce 
Veneto:  Frittata di radicchio del blog Le tenerezze di Ely
Emilia Romagna: Budino di uova ghiacciato o cacio bavarese del blog Zibaldone Culinario
Liguria:  Scorsonaea in fracassà del blog Un'arbanella di basilico
Marche: Il pancotto alla marchigiana del blog La creatività e i suoi colori 
Umbria: Frittata al tartufo del blog 2 Amiche in cucina
Molise: Coratella cacio e uova del blog La cucina di Mamma Loredana
Campania: Uova in purgatorio del blog I sapori del mediterraneo 
Puglia: Frittata di cicorie del blog Breakfast da Donaflor 
Sardegna: Frittata con piselli al forno del blog Arte in cucina 


Come avrete notato mancano delle regioni e quindi proprio per questo abbiamo indetto un contest al fine di riuscire a  trovare  un rappresentante per ogni regione mancante. Partiremo con la Lombardia e la Calabria, se siete interessati andate a leggere come si partecipa (qui o qui).



Con questa ricetta partecipo al contest di Kiara Ricette Regionali 

16 commenti:

  1. Ma lo sai che è bellissimo!! E di certo strepitoso!! Bravissima :-) colori splendidi poi, una ricetta super :-)

    RispondiElimina
  2. ottima scelta! che bello avere quella edizione! chissà quante altre ricette ancora :D

    RispondiElimina
  3. Bel libro, bel regalo di nozze, ottime ricette da riproporre e tu ne hai catturata una veramente degna! Visto che bello il lavoro di ricerca delle nostre tradizioni, e quante ricette nuove ancora impariamo? Brava!

    RispondiElimina
  4. Buonissimo!! Caspita hai davvero un libro d'epoca!! Che bellezza!!

    RispondiElimina
  5. In assoluto il premio per la ricetta più bella e particolare della nostra uscita odierna!!! sei stata strepitosa, per la voglia di cercare, per la chiarezza nel passo a passo e per le foto!!

    RispondiElimina
  6. Elena che spettacolo di ricetta!!!!Sei stata bravissima! Dolce bellissimo e buonissimo immagino!!!!complimenti!! Un bacione

    RispondiElimina
  7. Sono senza parole per la bellezza e la storia di questo dolce, sei stata superlativa! Bravissima!

    RispondiElimina
  8. Ma che bella scoperta questa ricetta!
    Non avrei mai immaginato di utilizzare i tuorli sodi all'interno di una crema.
    Mi piace il tuo approccio a questa rubrica e mi piacciono le ricette che proponi.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Direi ... ottima da vedere e da gustare!!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. ohhhhh....splendido Elena questo dolce, ci speravo in un dolce a questo appuntamento ...ed eccolo!
    sei stata bravissima sia per la ricerca della storia sia per la preparazione! brava brava!
    un bacione

    RispondiElimina
  11. Bellissima , concordo che e' la ricetta più bella.Questo perchè sei un artista tra i fornelli .E' l'unica ricetta dolce se non erro.
    Bravissima

    RispondiElimina
  12. che bello questo dolce, la foto dove si vede l'interno è stupenda, una ricetta molto golosa e particolare, complimenti, un bacio

    RispondiElimina
  13. Che bello Elena, veramente il cacio mi ha portato fuori strada e pensavo ad uno sformato salato, quindi sono rimasta sorpresa e ti assicuro che assaggerei subito. E poi ha un colore che sa proprio di primavera! Bacione

    RispondiElimina
  14. wowww, bello, buono e complimenti per la ricerca della ricetta migliore: hai fatto centro :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  15. ma è favoloso!!!!!!!!!!! woww! mi piace molto bello colorato e compatto!

    RispondiElimina
  16. Mamma mia che ricetta strepitosaaaa!!!!!! Complimenti Elena!!!!!

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!