mercoledì 20 novembre 2013

Ragù alla bolognese per L'Italia nel piatto

Oggi per la rubrica L'Italia nel piatto, propongo il ragù alla bolognese...
Sarà per la pubblicità che passa attraverso i mass media, ma quando pensiamo alla parola ragù, subito nella nostra mente compare l'immagine di carne macinata in sugo di pomodoro, il tipico sugo emiliano!
Invece i ragù in Italia sono molti, uno per ogni regione, uno per ogni provincia e se vogliamo esagerare (ma un po' di vero c'è) uno per ogni famiglia... proprio come ogni ricetta della tradizione che si rispetti!
Non posso però esimermi dal citare il ragù napoletano... 'o rraù...citato anche dal grande Eduardo De Filippo, completamente diverso, utilizza infatti carni in un sol pezzo, ma pur sempre speciale e soprattutto cotto per molte ore, a fuoco basso  a "pippiare"!!!!!
L'argomento del mese infatti sono i piatti a lunga cottura, quelli che si preparano proprio in questa stagione, che sanno di casa e di camino!!!!

Ed ora prima di passare alla ricetta vi lascio la poesia sul ragù del grande Eduardo, che mi piace considerarla l'ode a tutti i ragù italiani!!:
'O rraù
'O rraù ca me piace a me 
m' 'o ffaceva sulo mammà. 
A che m'aggio spusato a te, 
ne parlammo pè ne parlà. 
Io nun sogno difficultuso; 
ma luvàmell''a miezo st'uso. 
Sì, va buono: cumme vuò tu. 
Mò ce avèssem' appiccecà? 
Tu che dice? Chest'è rraù? 
E io m'a 'o mmagno pè m' 'o mangià... 
M' 'a faje dicere na parola? 
Chesta è carne c' 'a pummarola.




Ingredienti per 4 persone
300g di carne di manzo macinata due volte 
50g di pancetta dolce tagliata a cubetti piccoli
150ml di vino rosso corposo
200g di passata  di pomodoro
50ml di latte
4 cucchiai di olio evo
1 costa di sedano
1 carota
1 cipolla piccola 
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
brodo di carne
sale e pepe

In una casseruola scaldare l'olio con la pancetta, unire le verdure tritate a cubetti regolari e piccoli.

Aggiungere la carne, mescolare e farla rosolare con cura, pepare e sfumare con il vino.
Dopo aver evaporato l'alcol a fuoco alto, inserire la passata e il concentrato, aggiustare di sale e proseguire la cottura  a fuoco basso aggiungendo di tanto in tanto il brodo in modo che non si asciughi troppo.

Il sugo deve sobbollire per almeno 2 ore, sempre a fuoco basso...il classico "pippiare" termine che rende bene l'idea del rumore che fa il ragù durante la cottura. Al termine si aggiunge il latte, utile a correggere l'acidità del pomodoro.

Con questo sugo si utilizza per condire la pasta all'uovo, meglio se le classiche tagliatelle!!!




Ed ora andiamo a curiosare e a carpire che cosa si prepara nelle cucine delle diverse regioni d'Italia: 




Valle D'Aosta: Fessilsuppu, zuppa di Issime del blog Cinzia ai fornelli 
Piemonte: Tonno di coniglio del blog La casa di Artù 
Lombardia: Salàmin e Custine cun le Verse del blog Le delizie della mia cucina 
Trentino Alto Adige:  Gulash di manzo alla trentina del blog A fiamma dolce
Friuli Venezia Giulia: Minestron de risi e patate del blog Nuvole di farina
Emilia Romagna: Ragù alla Bolognese del blog Zibaldone Culinario  
Liguria: Menestron co-o pesto del blog Un'arbanella di basilico
Toscana: Chiocciole alla nepitella del blog Non solo piccante
Umbria: Porchetta del blog 2 Amiche in cucina
Marche: Vincisgrassi alla marchigiana del blog La creatività e i suoi colori 
Abruzzo: Trippa alla pennese del blog Eva in cucina 
Molise: Ragù misto di maiale del blog La cucina di mamma Loredana  
Lazio: Stufatino alla romana con il "sellero" del blog Chez Entity 
Campania: Braciola ripiena con l'uovo del blog I sapori del Mediterraneo 
Puglia: Brasciole alla barese del blog Breakfast da Donaflor 
Basilicata: Pane di Matera del blog Pasticciando con magica Nanà
Sicilia: Stracotto alla palermitana del blog Cucina che ti passa 
Sardegna: Zuppa di fave e spinaci del blog Arte in cucina

Vi aspettiamo tutti il 10 dicembre con un'uscita straordinaria in vista del Natale !!!!!!

18 commenti:

  1. Buono il ragù!!! Cara Elena hai proprio scelto un piatto a lunga cottura che rappresenta benissimo la tua regione, complimenti davvero per la scelta e per la riuscita di un piatto così buono.
    Non sapevo nemmeno che si ci mettesse il latte alla fine, una gustosa scoperta.
    Complimenti ed un bacioneeee

    RispondiElimina
  2. La prima volta che ho assaggiato il vero ragù alla bolognese sono rimasta sorpresa, mi aspettavo un condimento un pò più "liquido" minvece è bello compatto e di sostanza.
    Ora non ho più scuse per non farlo!!

    Grazie per questa bellissima condivisione :)

    RispondiElimina
  3. l'ho mangiata, l'ho mangiata!!!!! e si quando sono stata dalle tue parti! è ottima!

    RispondiElimina
  4. in effetti pensare al ragù con le vostre tagliatelle è come pensare ad un matrimonio perfetto!
    hai ragione nel dire che ogni famiglia ha la sua ricetta, interessante l'aggiunta del latte!

    RispondiElimina
  5. Eccolo qui il mitico ragù alla bolognese (o semplicemente ragù oramai!). Anche in Toscana lo prepariamo in modo davvero molto simile, d'altronde la vicinanza tra le nostre due regioni ha portato a tantissime contaminazioni in cucina.
    Con le tagliatelle è proprio la morte sua!

    RispondiElimina
  6. Un ragù famosissimo e buonissimo!! Bravissima Elena!!! Complimenti per questa delizia che resta sempre tra i piatti mitici emiliani per eccellenza!!

    RispondiElimina
  7. secondo me questo è il ragù per eccellenza, bello ricco e corposo!

    RispondiElimina
  8. mamma mia quel piatto di tagliatelle mi fa una gola, e il ragù è magnifico, baci

    RispondiElimina
  9. Questo è il ragù tanto amato dalla mia nipotona. E rigorosamente ce lo propone con la lasagna... E devo ammettere che è veramente buono. E io da buona semi "campana" adoro anche quel che citi del grande Eduardo.Il cuoco di casa era papà e pippiava il ragù la domenica mattina... Mamma che bel tour oggi!!!

    RispondiElimina
  10. Ciao l'ho proprio fatto 2 giorni fa...l'ho fatto "pippare" più/meno come la tua rictta qualche piccola diversità è una ricetta della mama di una mia amica che è di Riolo Terme. Favoloso il ragù bolognese quando ci vado a Bologna non manco mai di gustalo. Buona seata
    PS. Io lo lascio pippare per 3 ore.

    RispondiElimina
  11. Meraviglioso anche il tuo ragù, ed è vero che i sughi delle varie regioni sono tutti dei piccoli capolavori! Un bacione Elena, domani torno da te....

    RispondiElimina
  12. Il ragù piu' amato dagli italiano e' questo il bolognese , la poesia invece prende un altra strada :-), internazionale tutte e due.
    Bravissima

    RispondiElimina
  13. eh o raù di Edoardo deve pippiare per 5-6 ore.. l'ho fatto poche volte perchè è troppo lungo, buonissimo comunque anche così :)

    RispondiElimina
  14. eh si...proprio in sintonia con i ragù!
    il ragù bolognese mette sempre daccordo tutti, piace sempre! e mio figlio lo mangerebbe ogni giorno per quanto l'adora!
    un bacione

    RispondiElimina
  15. E che signor piatto!!!!Elena, beh, è il RE indiscusso delle tavole domenicali, bravissima..il tuo dev'essere squisito!!!

    RispondiElimina
  16. quanto mi piace il ragù! almeno due piatti!

    RispondiElimina
  17. E come si fa a non amare il ragù???
    Il tuo è favoloso!!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  18. ... è un piatto che può andare davanti al Re. Non c'è altro da aggiungere. Complimenti per la scelta. Alla prossima

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!