sabato 16 novembre 2013

Estonian Kringle

E' dallo scorso Natale che avevo conservato questa ricetta, non potevo saltare l'appuntamento dell'Abbecedario Culinario della Comunità europea  senza prepararla... dovevo assolutamente!
Così tra un impegno di lavoro e un allenamento di basket, sono riuscita a districarmi e tra un impasto, una lievitazione e una farcitura in un bel pomeriggio piovoso ecco realizzarsi il mio sogno....
E sì, proprio un sogno... .così bella, elegante, profumata, davvero da provare ... 
In casa però non è piaciuta a tutti, si sono lamentati perché risulta un poco asciutta, la prossima volta proverò ad aggiungere l'uvetta e forse anche qualche mandorla.
A me invece è piaciuto e tanto, quel croccantino al gusto di cannella è proprio quello che fa per me, lo considero un pane dolce ideale per la colazione, e che colazione!!!!





Ingredienti

150g di farina 00
150g di farina manitoba
150ml di latte
1 tuorlo d'uovo
30g di burro
15g dii lievito di birra
2 cucchini di miele
1 pizzico di sale
per la farcia
50g di burro a pomata
2 cucchiai di zucchero di canna (io muscovado)
1 cucchiaio di zucchero
2 cucchiaini colmi di cannella in polvere

zucchero a velo


Sciogliere il lievito nel latte a 30°C, miscelare le due farine, unire il latte con il lievito, il miele, il tuorlo sbattuto, il sale e il burro sciolto (ma a temperatura ambiente.

Impastare energeticamente e lasciare lievitare un paio di ore.

Preparare la farcia: montare il burro con gli zuccheri e alla fine aromatizzarlo con la cannella.

Riprendere l'impasto, stendere a rettangolo dello spessore di 1 cm, spalmare la farcia sulla superficie (tenendone da parte una cucchiaiata), arrotolare dalla parte del lato più lungo.

Con un coltello affilato tagliare il rotolo a metà nel senso della lunghezza, girare i capi di 90° e avvolgerli tra di loro a torchon.

Passare la corona su un foglio di carta forno, spennellare la superficie con la farcia rimasta.

Cuocere a forno già caldo a 180°C per 20-25 minuti.

Far raffreddare e cospargere con zucchero a velo.



Con questa ricetta partecipo all'iniziativa Abbecedario culinario della Comunità Europea che per le ricette estoni  è ospitato da  Lynne del blog Cafe Lynnylu


32 commenti:

  1. bravissima .. questo dolce oltre che buono è davvero molto bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie effettivamente è proprio coreografico.....

      Elimina
  2. Bellissimo e di sicuro buono! Ha una forma elegantissima e come dici tu, con questo dolce la colazione diventa super! Buon we. Alice

    RispondiElimina
  3. Elena, che bello!!! Il kringle io l'ho fatto l'anno scorso ma più farcito del tuo, con canditi e uvetta e ti confermo che si era mantenuto morbido! Comunque è uno spettacolo :-) Buon weekend!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti anch'io l'ho visto per la prima volta lo scorso anno...scritto nella lista to do e poisono riuscita a farlo solo ora... proverò anche la tua farcitura!!!! un bacio!

      Elimina
  4. A me sembra riuscitissima!!!
    Buon fine settimana!!

    RispondiElimina
  5. A me sembra non solo bellissima ma anche buonissima!! Sono certa che assaggiandola non rimarrei di certo delusa, anzi, chissà che scorpacciata :) :) Un abbraccio e buon we...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. be se piace la cannella è fantastico!

      Elimina
  6. Che spettacolo questa treccia! Davvero irresistibile con quel profumo di cannella...

    Bacioni e buon weekend
    Silvia

    RispondiElimina
  7. Ma sai che adoro questa raccolta di ricette europee...ogni volta rimango stupita dalle delizie che prepari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anch'io ... si scoprono notizie e ricette fantastiche, bisogna studiare un poco però!

      Elimina
  8. una forma particolarissima! c'è la cannella quindi mi piace senza alcun dubbio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io adoro la cannella!!! bacione!

      Elimina
  9. Bellissimo e sicuramente buonissimo! Un bacione anche a Zorro! ps: non so come mai ma il tuo commento era finito nello spam.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ultimamente spesso finisco in spam... un bacione e una leccatina da Zorro... è qua ai miei piedi!

      Elimina
  10. Ma che bella Elena!!!! Bravissima :-)!!

    RispondiElimina
  11. Questo dolce è una delle ricette della mia lista di cose da fare ma per ora è rimasta in attesa. In effetti per questo Natale potrei cimentarmi. Il tuo è venuto proprio bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. effettivamente con qualche candito e uvetta diventa proprio natalizia!

      Elimina
  12. Elena, che bello che ti è venuto!!!
    Adoro la cannella, lo faccio aggiungere anche nel cappuccino al bar. E' fotonico!!
    Buonissima domenica!
    baciussss
    brii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco nel cappuccio mi manca ..mi sa che ti copierò!!!

      Elimina
  13. Me-ra-vi-glio-sa :)
    Oltre ad essere buona deve essere anche tanto profumata con la cannella all'interno.
    Buona domenica e un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Daniela..certo che potresti anche venire ad assaggiarla... noi siamo vicine!!!

      Elimina
  14. Eccolo! Sono contenta che tu sia riuscita a prepararlo. Io ti ho copiato e questo è quello che ho fatto e non poteva che essere QUESTA ricetta!
    http://arbanelladibasilico.blogspot.it/2013/11/i-pansoti-e-i-racconti-del-weekend.html
    Un bacione a domani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora arrivo subito!!! Certo che con i pansotti giochi in casa.....

      Elimina
  15. Elena questo dolce è superlativo, molto scenografico, la farebbe da padrone anche sul bouffet di Natale . Bacioni, a presto.

    RispondiElimina
  16. Grazie per essere stata con noi in questa tappa! Tutte le ricette sono qui: http://abcincucina.blogspot.com.es/2013/10/o-come-orsotto.html!

    E adesso...andiamo tutti in Spagna!
    Aiu'

    RispondiElimina
  17. Mi viene da dire solo una parola... anzi due: DA SBALLO!!!!

    besos

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!