martedì 4 ottobre 2016

Tartellette con crema al Grana Padano e pere caramellate alla Malvasia DOC


Queste sono le tartellette che ho preparato e  presentato all'evento Il Giallo della Malvasia, una due giorni di enogastronomia piacentina ospitata nella Corte La Faggiola.
L'evento è stato organizzato da Bloomet ed ha riscontrato un buon successo, i vini piacentini (con Malvasia in pole position) e le eccellenze gastronomiche del nostro territorio sono stati i protagonisti indiscussi.
Il programma è stato ricco e fantasioso: dalla produzione di una forma di Grana Padano in diretta, al preparazione di gelato alla Malvasia con l'azoto liquido, dalle degustazioni guidate ai corsi di cucina per bambini, oltre a tanti cooking shows. Le food blogger piacentine hanno dato il loro contributo, ma al pomeriggio della domenica si è svolta la finale del contest organizzato con AIFB.
Qui troverete tutte le foto dell'evento.
Ma ecco la ricetta che ho cucinato domenica 2 ottobre alle 12 in compagnia di Katia!
Una tartelletta di pate a foncer (impasto tratto dal libro Torte salate), una pasta ideale per sopportare ripieni umidi, con una crema di Grana Padano e pere caramellate alla Malvasia.



Ingredienti per 12 tartellette

Pasta
250g di farina
125g di burro freddo
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di zucchero
1 uovo medio
40ml di acqua ghiacciata


Crema al Grana Padano
25g di burro
50g di farina
400ml di latte
100g di Grana Padano DOP
25g di gorgonzola
pepe nero macinato

1Pera williams non troppo matura
10g di burro
2 cucchiai di zucchero di canna
50ml di malvasia dolce o passito (io Malvasia dolce frizzante Villa Rosalba)

timo fresco
noci tritate

Per la pasta: impastare velocemente la farina con il burro (io ho usato il mixer), unire sale, zucchero e uovo, proseguire con l'impasto infine unire l'acqua ghiacciata, non appena si forma l'impasto, togliere dal mixer (il tutto deve avvenire in qualche minuto), avvolgere con pellicola e mettere in frigo per almeno 1 ora.
Stendere l'impasto con il mattarello a circa 0,3 cm, foderare gli stampini antiaderenti, forare con una forchetta il fondo della pasta, cuocere a forno già caldo a 180°C per 8-10 minuti.
Far raffreddare.

Preparare la crema al Grana Padano: in una casseruola far sciogliere il burro su fiamma bassa, poi amalgamare la farina mescolando bene e cuocendo per circa 1-2 minuti. Fare attenzione a non farle prendere troppo colore (questo impasto si chiama roux). Aggiungere latte precedentemente scaldato, poco alla volta, soprattutto all'inizio cercando di farlo assorbire in modo uniforme (così si evitano i grumi), man mano che si allenta la salsa si può aggiungere quantità maggiori fino a terminare il latte, mantenendo sempre mescolato il composto.
Far cuocere una decina di minuti dalla presenza delle piccole bollicine e infine aggiungere sale, pepe, Grana Padano grattugiato e il gorgonzola.
Far raffreddare.

Affettare le pere dopo averle pelate, sciogliere il burro in una padella, e aggiungere le fette di pera, rosolare un paio di minuti rigirandole, cospargere lo zucchero e attendere che si sciolga.
Sfumare con il vino a fiamma alta per un paio di minuti.
Far raffreddare

Assemblare: Con il sac a poche riempire i gusci di pate a foncer, decorare con le pere e le noci grossolanamente tritate aggiungere un ciuffo di timi fresco (utile a dare colore e profumo).

Servire come aperitivo accompagnate da un bicchiere di Colli Piacentini Malvasia secco DOC.

3 commenti:

  1. Ciao Elena eccomi prima della partenza, tra sape, insalate di ceci neri e tartellette non saprei cosa scegliere. Assaggio tutto, che ne dici? Non ti ho mai detto che ho usato la tua ricetta per fare il lemon curd e mi è venuto benissimo. Grazie!!!! Un bacione

    RispondiElimina
  2. Una tartelletta che ho avuto il piacere di assaggiare e che posso quindi consigliare, perchè è eccellente!
    Un bacio

    RispondiElimina
  3. Ho avuto il pacere di assistere alla preparazione di queste deliziose tartellette e il privilegio dell'assaggio. Una vera delizia, complimenti sinceri.

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!