martedì 25 ottobre 2016

Babka per Re-Cake 2.0


Babka è un pane dolce polacco, che viene preparato in occasione della  Domenica di Pasqua per celebrare la resurrezione di Cristo.
E' un prodotto lievitato ricco per la presenza elevata di burro e uova, inoltre può essere farcito con uvetta, cioccolato, frutta essiccata.
Ad ottobre Re-Cake 2.0 lo ha proposto come tema del mese, ed io che era già da un po' che me lo stavo studiando non ho perso l'occasione di provarlo!
Ho seguito alla lettera la ricetta indicata, ho aggiunto il burro dopo che l'impasto risultava incordato, solo per cercare di farlo assorbire in modo omogeneo e per evitare che contrasti la formazione di maglia glutinica.
Ho fatto però due errori evidenti: tritato troppo la frutta secca, ed ho arrotolato poco le due parti dando poco "movimento" alle trecce
Poteva essere piacevole sgranocchiare pezzetti di pistacchio assieme alla pasta brioches e vedere l'interno delle trecce più "strisce" di ganache al cioccolato.

Nonostante tutti i miei errori, questo dolce è favoloso e la prossima volta non sbaglierò di certo!
Grazie della ricetta!




Ingredienti
per due babka

per l’impasto
530 g farina 00
150 g burro
100 g zucchero
3 uova
12 g lievito di birra fresco
1 limone
120 ml di acqua

per il ripieno
130 g cioccolato fondente
120 g burro
100 g noci pecan (io pistacchi)
50 g zucchero a velo
30 g cacao amaro
2 cucchiai di zucchero semolato

per finire
40 g miele
2 cucchiai di acqua di fiori d’arancio
2 cucchiai di acqua











Preparare l’impasto: versare la farina, lo zucchero, il lievito (sciolto precedentemente in metà dell’acqua -prevista- tiepida) e la buccia grattugiata del limone in una terrina.
Aggiungere le uova e l’acqua al centro, iniziare a impastare per circa 5-6 minuti.

Quando l'impasto risulta incordato aggiungere il burro a pomata e continuare ad impastare per altri 10-15 minuti. L’impasto finale deve essere elastico e piuttosto colloso.
Coprire con della pellicola e lasciar lievitare per 1ora e mezza a temperatura ambiente, e almeno 2 ore nel frigorifero, meglio tutta la notte in frigorifero (questo riposo, con lievitazione a freddo lo rendo più facile a distendersi con il mattarello).

Preparare il ripieno: far sciogliere il burro con il cioccolato a bagnomaria, aggiungere lo zucchero a velo e il cacao, mescolare bene il tutto e tenere al fresco per 10 minuti.
A parte, tritare grossolanamente le noci pecan o i pistacchi (non fate il mio errore che risultavano tritate troppo fini).

Preparazione treccia: riprendere l’impasto, dividerlo a metà e stendere una metà in un rettangolo di circa 30x40cm (attenzione mantenete queste dimensioni!) Spalmarlo con metà della crema di cioccolato, cospargere con 1 cucchiaio di zucchero e metà delle noci. Arrotolare sul lato più lungo, poi tagliare completamente il rotolo a metà nellla sua lunghezza, girare verso l'alto la parte tagliata e intrecciare le due metà, e disporre la treccia ottenuta in una teglia di 22x8cm (foderata con della carta forno).

Ripetere tutto ciò con l’altra metà dell’impasto.

dopo cottura
prima della lievitazione

























Lasciar lievitare a temperatura ambiente per 1ora poi infornare a 180°C, per 30 minuti, o fino a quando uno stecchino uscirà asciutto.

Preparare lo sciroppo per finire il dolce
Scaldare leggermente il miele con l’acqua di fiori d’arancia e l’acqua, spennellare le trecce appena sfornate.

Lasciare raffreddare prima di tagliarle, altrimenti, essendo molto soffice tende a schiacciarsi... è ottimo anche il giorno successivo...sempre che non venga divorato prima!

Questa ricetta partecipa a Re-cake

4 commenti:

  1. Io lo divorerei tutto subito!
    Magnifico!
    L'ho già visto in vari blog che hanno aderito al Re-Cake ed ogni volta mi viene l'acquolina :)
    Complimenti :)

    RispondiElimina
  2. Non ho mai provato a farlo ma mi incuriosisce tantissimo...il tuo è venuto proprio goloso :-P Bravissima Ele ^_^

    RispondiElimina
  3. Complimenti Elena! Hai fatto un capolavoro! Baci :*

    RispondiElimina
  4. bellissima! complimenti e grazie per aver partecipato :)

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!