sabato 24 settembre 2016

Gnocchi di farina di grano saraceno ai funghi su fonduta di bitto


Non è giovedì, lo so, eppure gli gnocchi vanno sempre!
Volevo partecipare alla sfida dell'MTC anche con la versione con farina alternativa e così ho pensato a quella di grano saraceno.
Mi piace l'aspetto rustico e pure il retrogusto, che io lo trovo di frutta secca, naturalmente ho abbinato i funghi, proprio perchè mi ricorda la montagna e poi per unire il tutto e dare un tocco valtellinese ho aggiunto il bitto, un formaggio di latte misto (vaccino e caprino), dal gusto inconfondibile!
Qunado li ho assaggiati, complice una giornata di pioggia, mi sembrava proprio di essere tornata in vacanza sulle Alpi.
Consigliatissimi a chi si trova in crisi di astinenza da vacanza!
Grazie AnnaRita delle belle ricette e delle dritte, questa sfida è stata tra le più belle a cui ho partecipato!

Ingredienti per 4 persone

1kg di patate rosse
100g di farina di grano saraceno
100g di farina 00
1 pizzico di sale

450g di funghi freschi misti (io surgelati)
20g di funghi secchi
5 cucchiai di olio evo
1 spicchio di aglio
due cucchiai colmi di concentrato di pomodoro
sale e pepe bianco

200g di bitto
1 cucchiaio di vino bianco
200g di latte

Lavare le patate e cuocerle  in acqua fredda senza sbucciarle, sarebbe meglio sceglierle dalle dimensioni simili in modo da avere una cottura uniforme oppure cuocerle a varoma con il bimby dopo averle forate
Dopo circa 30/40 min (dipende dalla pezzatura), scolarle e lasciare che perdano "il fumo", nel senso di lasciarle appena raffreddare, poi spellarle e passarle allo schiacciapatate.
Formare una fontana sulla tavola da impasto e aggiungere subito un bel pizzico di sale, in modo che si sciolga a contatto con la patata calda.
Prepararsi la farina pesata a lato e iniziare ad incorporarla poco alla volta.

Impastare velocemente, formare un filone e poi tagliare con il tarocco tante fette, con le mani ricavare delle bisce dello spessore di circa 1,5cm che poi verranno tagliate a circa 2 cm.

Con il retro di una grattugia passare i tocchetti di impasto in modo da formare lo gnocco (a questo disegno sono particolarmente affezionata, era quello della mia nonna!).

Preparare il sugo: scaldare l'olio e rosolare 1 spicchio di aglio vestito, unire i funghi secchi ben strizzati (dopo averli lasciati in ammollo in acqua fredda per un paio di ore) e i funghi freschi o surgelati.
Rosolare per un paio di minuti a fuoco alto, togliere l'aglio, spolverizzare con pepe bianco.
Aggiungere il concentrato di pomodoro, allunagre con 200ml di acqua circa e lasciare cuocere a fuoco basso per circa 30 minuti. Aggiustare di sale.

Preparare la fonduta di bitto: lasciare in ammollo nel latte il formaggio tagliato a cubetti per un'oretta. Scolare e mettere il formaggio in un piccolo pentolino, aggiungere 1 cucchiaio di vino (l'acidità evita che si formino i grumi) e iniziare a scaldare a fuoco basso, facendo attenzione a non superare mai i 60-70°C (ci vuole un termometro), così da evitare che si separino le fasi. Se sembrasse troppo denso si può allungare con il latte utilizzato per l'ammollo (aggiungere lentamente per evitare che diventi troppo liquido).

Cuocere gli gnocchi in abbondante acqua salata bollente, scolarli non appena salgono in superficie (attenzione, cuociono subito!), passarli nella padella con il sugo di funghi, in modo che prendano al meglio il condimento.

Servire ben caldi dopo aver distribuito la fonduta di bitto a specchio nel piatto.



Con questa ricetta partecipo alla sfida n.59 dell'MTChallenge



4 commenti:

  1. Ciao Elena. Il profumo di questi gnocchi lo sento fino a qui. Mi piace l'accostamento rustico della farina di grano saraceno con i funghi. E il bitto è il giusto accompagnamento, "la morte sua"! Hai ragione sa proprio di montagna e di passeggiate nei boschi e visto che io abito in montagna e oggi il tempo è bruttissimo (c'è un nebbione) mi ci vorrebbero proprio per tirarmi su e non è detto che non vada a comprare la farina di grano saraceno e non li faccia, tanto ormai siamo tutti in modalità gnocchi. ;P buon fine settimana. Manuela.

    RispondiElimina
  2. Caspita che piattino invitante!!!! Gnocchi di grano saraceno, ma li devo provare appena possibile, interessanti.
    Complimenti :)

    RispondiElimina
  3. Che bel piatto caldo, perfetto per i giorni di pioggia. La rigatura con la grattugia è fichissima. Mi piacciono i sapori che hai utilizzato, decisi e confortanti. Brava.

    RispondiElimina
  4. Guarda non so se ti bacerei il fronte per la fonduta fatta come si deve, per l'uso accorto delle farine, per la scelta di prodotti meravigliosi o per la foto dell'insieme. Bello, bello, bello! E tu brava, brava, brava!

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!