venerdì 2 settembre 2016

Friggione alla bolognese



L'Italia nel piatto ritorna dopo le vacanze estive, purtroppo a ranghi ridotti, ma riprende lo stesso!
L'argomento di oggi sono le delizie di fine estate, e il nostro bel Paese di prodotti agricoli ne ha a iosa in questo periodo, dalle pesche alle cipolle, dai fichi fino alle ultime zucchine.
L'Emilia Romagna presenta il friggione, un piatto tipico del bolognese, datato 1886,  considerato una ricetta storica, pure depositata dalla Accademia Italiana della Cucina presso la Camera di Commercio di Bologna.
Si prepara con cipolle bianche, il meglio sarebbero le cipolle di Medicina IGP (cittadina ubicata vicino al capoluogo), pomodori pelati, strutto, sale e zucchero.
La preparazione è semplice, ma ci vuole tanto amore e pazienza nella cottura, che deve essere dolce e davvero prolungata nel tempo (almeno 2ore).
Si consiglia di prepararlo il giorno prima del consumo in modo che i sapori si amalgamino al meglio.
Il friggione è un piatto che ancora si mangia nei ristoranti e si abbina con tutto: sui crostini come antipasto, con una tigella di accompagnamento o anche solo come contorno ad un piatto di lessi.
Qualcuno lo utilizza per condirci la pasta, ma non è visto di buon occhio dai veri puristi della tradizione, che invece lo voglio consumare su una fetta di pane casereccio!
Da ricordare poi le varianti, ad esempio a Modena è possibile trovarlo con l’aggiunta dei peperoni o di patate, ma la ricetta originale è davvero più semplice e povera: solo cipolle!
Ecco la mia versione, stessi ingredienti dosi un poco diverse da quelle depositate alla Camera di Commercio (non mi convincevano...ma non ditelo a nessuno!).






Ingredienti

1kg di cipolle bianche
4 pomodori freschi
2 cucchiaini di sale
2 cucchiaini di zucchero
1 cucchiaio di strutto o di burro
sale






Sbucciare le cipolle, affettarle sottilmente utilizzando la mandolina in modo da ottenere uno spessore regolare.
Cospargerle con lo zucchero e la stessa quantita di sale, mescolare a fondo in modo che si cospargano di sale e zucchero.

Attendere un paio d'ora.

Sciogliere il grasso in una pentola in acciaio a bordi bassi con coperchio e fondo ben spesso, scolare le cipolle dall'acqua di vegetazione e rosolarle a fuoco vivace.

Aggiungere i pomodori, dopo averli pelati e tagliati a cubetti.

Abbassare la fiamma e proseguire la cottura mettendo un coperchio.

Mescolare e aggiungere di tanto in tanto un mestolo di acqua, facendo attenzione a non farle attaccare al fondo.

Continuare la cottura per almeno 3 ore.


ecco altre delizie regionali di fine estate...

Friuli-Venezia Giulia: Gnocchi di susine

Lombardia:  Pulpete de persegh (Polpette di pesca)  

Emilia Romagna:      Friggione alla bolognese qui

Liguria:  Carnaroli con trombette e gamberi di Oneglia su guazzetto del loro umore

Toscana: Fagiolini serpenti in umido  

Umbria:   Pomodori ripieni di carne 

Abruzzo:  Confettura di pesche

Calabria:  Padduni ‘e fichi

Sardegna:    Su Mustazzeddu de Tamatiga

6 commenti:

  1. Non ho mai avuto il piacere di assaggiare ma lo farei volentieri con la tua ricetta :-)

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo proprio questa salsa! Certo che c'è sempre da imparare!

    RispondiElimina
  3. Brava Elena !!!! è proprio cosi' la ricetta anche se ormai lo strutto non si usa quasi piu' perche' ci vorrebbe il vero strutto che è difficile avere, se non si lavora il maiale direttamente e non quello che si trova confezionato in commercio !!!!
    Se ritorni da queste parti e ritorniamo a Dozza ti faccio sentire altre specialita'
    Un abbraccio Giuliana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuliiiiii che bello rileggerti, e poi se tu mi dici che è giusta, mi alzo di un metro, tu che sei una bolognese doc!!! Sai che ci sono tornata a Dozza con mio marito... bellissima come sempre, certo che con te e Libera era un'altra cosa! un bacione grandissimo! e scusa del ritardo della risposta ma questo commento era finito in spam e non me ne ero accorta!

      Elimina
  4. questa preparazione deve essere di un goloso, mi potrei finire una pagnotta intera accompagnata da questa delizia, un bacione Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MIria l'effetto è proprio quello! ;)

      Elimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!