domenica 13 settembre 2015

La torta ciosota per Quanti modi di fare e rifare




Oggi  noi della rubrica Quanti modi di fare e rifare, siamo nella cucina di Terry, una simpatica ragazza di Venezia, che ho avuto il piacere di conoscere personalmente e con la quale ho passato una giornata indimenticabile... che dici Terry bissiamo?
A parte questo, ero curiosa di preparare questa sua specialità, una torta dolce con all'interno il radicchio..non vi sembra strano?
Ebbene vi assicuro che è fantastica, profumatissima, morbida, deliziosa...promossa a pieni voti!
Dimenticavo di dire che è una torta tipica della zona di Chioggia, infatti si utilizza il radicchio di Chioggia igp, e ciosota significa proprio di Chioggia... non ci resta che assaggiarla..


Ingredienti
150 g di burro
150 g di zucchero
5 uova
1/2 bacca di vaniglia
100 g di farina 00
1 bustina di lievito per torte
150 g di carote grattugiate
200 g di radicchio di Chioggia tritato finemente
150 g di nocciole in farina
70 g di biscotti secchi (io novellini)
zucchero a velo per guarnire





Prendere le uova, separare i tuorli dagli albumi , montare questi ultimi a neve ferma.

Montare i tuorli con lo zucchero fino a renderlo ben chiaro e spumoso, unire il burro morbido.

Aggiungere i semi di vaniglia, la farina di nocciole, i biscotti sbriciolati, le carote, il radicchio con l'aiuto di un leccapentola.

Setacciare la farina con il lievito, e aggiungere all'impasto.

Per ultimo incorporare delicatamente gli albumi montati al composto, mescolando dal basso verso l’alto.

Versare il composto in uno stampo a cerniera da 24 cm e infornare a 180° per circa 40 minuti, facendo la prova dello stecchino per controllare che il centro sia ben asciutto.

Far raffreddare e cospargere di zucchero a velo.


Con questa ricetta partecipo a  Quanti modi di fare e rifare, e il prossimo mese ci troveremo di nuovo da Maria Giovanna per preparare il Pilzgrostl !!!!




12 commenti:

  1. Buongiorno cara Elena!
    Con grande piacere, si ritorna a spignattare dopo la pausa estiva!! Ed è fantastico ritrovarci tutte insieme care amiche, in compagnia dei meravigliosi profumi che si sprigionano nelle nostre cucine mondiali!
    Cuochina, Anna e Ornella, ti ringraziano per aver preparato e condiviso la tua stupenda e golosa versione della Torta Ciosota! Ottima vero?
    Il prossimo mese saremo da Maria Giovanna per fare i Pilzgrostl con funghi. Ti aspettiamo!

    Un abbraccio
    Cuochina

    RispondiElimina
  2. Anch'io l'ho trovata semplicemente strepitosa!!! E che bello incontrarsi di nuovo :)

    RispondiElimina
  3. La tua torta ha un aspetto davvero invitante, torta davvero squisita, alla prossima!!!

    RispondiElimina
  4. Golosissima anche la tua torta, le foto sono molto invitanti!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Ciao Elena, ma quanto è buona questa torta così particolare???!!!
    Non c'è bisogno di fare varianti o aggiunte, è perfetta così!

    RispondiElimina
  6. eccola qua la tua bella e golosa versione, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  7. Davvero buonissima, particolare, insolita e .... deliziosa .-) quante cose impariamo con la Cuochina!

    RispondiElimina
  8. Di grande soddisfazione, mi ci è piaciuto il radicchio, nonostante i dubbi che avevo... bacioni

    RispondiElimina
  9. Elena... ti è venuta benissima! non so quanto umida fosse la tua ma un po' umida deve essere, al morso quasi cremosa da sciogliersi in bocca... comunque magari se la rifai prova con 100 gr di pan biscotto così vedi come viene!
    un abbraccio forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Terry, seguirò il tuo consiglio! un bacione e grazie di avermi fatto conoscere una torta così buona!

      Elimina
  10. Bellissima e davvero, e inaspettatamente, buonissima!!!
    Alla prossima!!

    RispondiElimina
  11. ciao Elena,
    sei sempre bravissima.
    Anche per noi la ciosota è una stata una bella SORPRESONA!
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!