domenica 6 settembre 2015

Composta di papaya, cocco e un pizzico di zenzero


Voi già lo sapete, le composte, le confetture, le marmellate, i chutney hanno un fascino infinito per me.
Nel momento in cui ne scovo una da qualche parte nel web, l'attrazione è fortissima e la voglia di provare  mi fa dimenticare tutto, impegni inderogabili, lavori da terminare... devo cimentarmi al più presto!
E anche questa volta è andata così... leggendo qui  della Cocca-papaya jam, non ho resistito ed ho cercato in lungo e in largo.
La ricetta l'ho trovata in questo sito e mi ispirava pure; unico particolare: viene considerato un piatto tipico delle isole Hawaii, ma vogliamo che "la cosa" sia così circoscritta?
Sono sicura che anche in Papua Nuova Guinea questa confettura si cucinerà in maniera molto simile... quindi non perdiamoci in chiacchiere ma passiamo ai fornelli!!!


Ingredienti

500g di papaya

150g di cocco

250g di zucchero

1/2 bustina di pectina (2:1)

1 lime (solo succo)

1 cucchiaio di zenzero grattugiato





Mondare la papaia e frullarla in modo da renderla quasi una crema.

Tritare il più fine possibile il cocco (forse sarebbe meglio grattugiarlo).

Aggiungere il succo di lime e lo zenzero grattugiato.

Per ultimo unire zucchero e pectina, mescolare molto bene e cuocere per 20 minuti a fuoco dolce.

Fare la prova piattino (mettere un pochino di composta (mezzo cucchiaino) su un piatto, far raffreddare per 5 minuti e poi provare a vedere se scorre, in modo da valutarne la densità... l'ideale è che rimanesse quasi ferma), prima di mettere nei vasi.

Se avete intenzione di conservarla, invasare in vasi di vetro puliti sterilizzati in forno a 200°C per 10 minuti,  chiudere bene con un coperchio nuovo, girare sotto sopra e tenerli così per 10 minuti.

Poi rigirare e far raffreddare.

Controllare che il vasetto vada sotto vuoto (il coperchio tastandolo non deve muoversi).
Riporre in dispensa al buio e al fresco.


Con questa ricetta partecipo all'Abbecedario Culinario Mondiale, organizzato da Trattoria MuVarA.
Questa tappa, la P -sta per Port Moresby (Papua Nuova Guinea,Oceania ) - ed è ospitata da Eloisa del blog Trattoria Muvara

6 commenti:

  1. Grazie per quest'altra dolcissima ricetta, me ne porti un po' per la colazione?
    E ora mi sa che dobbiamo iniziare a fare i bagagli per l'Ecuador!

    RispondiElimina
  2. hai trovato una confettura esotica particolare, brava!

    RispondiElimina
  3. Wow, non avevo mai assaggiato una marmellata con la papaya :)
    L'ultima leggermente esotica che ho assaggiato è stata quella di albicocche e zenzero (buonissima, te lo assicuro).
    Mi scrivo la ricetta e complimenti!
    Francesco Frasco
    http://www.lericetteperfettedifrancesco.blogspot.it

    RispondiElimina
  4. Approvo....sono pur sempre tropici..le marmellate non mi piacciono, ma mi attirano sempre tanto...questa l'asseggerei!!!
    Buona domenica!!

    RispondiElimina
  5. Mi piacciono gli abbinamenti arditi ed esotici nelle confetture e questa non si smentisce.
    Buona domenica, Elena!

    RispondiElimina
  6. Questa vorrei averla domattina sulla mia tavola....che bontà!!!!!!!

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!