giovedì 12 settembre 2013

Mostarda di frutta mista homemade

Già lo scorso anno provai a preparare la mostarda, ma con scarsi risultati, al terzo giorno iniziarono a comparire piccole colonie di muffe sulla superficie...dovetti eliminare tutto!
Quest'anno, nonostante tutto, ci ho riprovato, ho utilizzato una ricetta presa da Il meglio di Sale & Pepe di qualche anno fa, uno speciale conserve e con qualche variazione ( non riesco a seguire in modo preciso una ricetta, è più forte di me!), l'ho realizzata, fotografata e messa in dispensa, in luogo fresco e asciutto... l'assaggerò a Natale e poi aggiungerò un commento.
Ora posso solo dirvi che mi ispira parecchio, mi sembra ben preparata e l'aspetto è ottimo!


Ingredienti per 2 vasi da 500ml

1,2kg di mele golden e pere coscia
300g di pesche noci
550g di zucchero
750ml di vino bianco secco
essenza di senape piccante (10 gocce)

La frutta deve essere ben sana e non matura.

Sbucciare la frutta e tagliare in 4 pezzi pesche e mele togliendo i noccioli e i semi, mentre le pere visto le dimensioni ridotte mantenerle integre.

Raccogliere la frutta in una ciotola, spolverizzarla con metà dello zucchero, coprire con un telo e lasciare riposare per 1 giorno.

Il giorno successivo sgocciolare la frutta, trasferire lo sciroppo in una pentola, unire 1 litro di acqua e far bollire per 10 minuti (utile a ridurlo), immergere poi le pere e cuocere per 30 minuti, poi le pesche e le mele e continuare per altri 10 minuti (questi tempi li ho definiti io, ma ricordate che è importante che la frutta sia ammorbidita).

Togliere dal fuoco, sgocciolare la frutta, disporla sulla placca del forno ricoperta da carta forno e lasciarla asciugare in forno a 60°C per un paio d'ore.

Far bollire il succo per altri 15 minuti circa (fare attenzione deve essere abbastanza denso).

Sterilizzare i vasi in vetro e poi inserire la frutta asciugata, premendo un poco e disponendola in modo tale da limitare gli spazi liberi.

Versare lo sciroppo e solo quando è quasi colmo il vaso aggiungere 5 gocce di essenza di senape per vaso, colmare e chiudere con tappo a vite nuovo.

Sterilizzare in pentola in modo da formare il sottovuoto nel vaso.

Disporre in dispensa in luogo asciutto e al buio.

Con questa preparazione  partecipo al WHB#401, che questa settimana è ospitato da una cara amica, Carla Emilia del blog Un'arbanella di basilico.
Vi ricordo che Weekend Herb Blogging è stato ideato da Katlyn del blog Katlyn's Kitchen, ora è organizzato a livello internazionale da Haalo, del blog Cook (almost) anything at least once , e gestito nella versione italiana  da Brii del blog Briggishome

10 commenti:

  1. Mamma mia quanto sarà dura aspettare fino a Natale... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non so se riuscirò... in ogni caso commenterò questo post in modo da essere più precisa sul gusto!!!

      Elimina
  2. Invitante complimenti !!!!!
    Dove hai trovato l'essenza di senape ? L'ho cercata in farmacia ma mi anno detto che serviva la ricetta del medico , il medico non me l'ha fatta .
    Un caro saluto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In farmacia, a me l'hanno dato senza ricetta anche se si è raccomandato di usarne molto poca! saluti!

      Elimina
  3. Grazie Elena, la prossima settimana sarò qui a ricambiarti, bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, vero che è una bella iniziativa?

      Elimina
  4. Eccomi Elena!! Lo fa ancora ahimè...
    Splendida la tua ricetta, e sai che non ho mai provato a fare la mostarda...?.. la tua versione mi piace molto, devo lanciarmi e farla :-) un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. era un mio tarlo dopo la disfatta dell'anno scorso...questa sembra deliziosa ...dopo l'assaggio metterò i commenti! Grazie!

      Elimina
  5. Ohooommammma che buonaaaa ! La devo provare.
    Buona domenica
    Mandi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetta che l'assaggi non è detto che sia buona.....incrociamo le dita!

      Elimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!