venerdì 2 febbraio 2018

I bassotti


Oggi all'Italia nel piatto si parla di ricette che scaldano il cuore, quelle ricette familiari, delle nonne, quelle ricette che appena assaggiate danno subito quella sensazione di piacere, di casa, di comfort (parola che ora va tanto di moda: comfort food!).

Ho scelto una ricetta classica della cucina romagnola, una pasta all'uovo (che nella mia regione è il vero must), semplice nella preparazione ma ricca di sapori e di sostanza.
Questa è la ricetta della nonna, infatti per le nonne non è un impegno bagnare un pugno di farina con due uova, anzi sono sempre pronte! Non solo,  il brodo di carne loro ce l'hanno sempre, perchè alla sera la minestrina aiuta la digestione e quindi non si può fare senza! Quanto poi a parmigiano e burro, quelli in frigo non mancano mai!

Quindi ecco i bassotti, un nome simpatico, sia pensiate alla mitica Banda, sia pensiate ai cani, per un piatto davvero speciale.. provatelo!




Ingredienti per 4 persone

300g di farina 00
3 uova
1 pizzico di sale
1 cucchiaio di olio evo
100g di parmigiano grattugiato
50g di burro
2 cucchiai di pane grattugiato
noce moscata

500ml di brodo di carne





Preparare la pasta all'uovo: fare una fontana con la farina, inserire le uova, il sale e l'olio.

Impastare a mano per almeno 10 minuti a palmo aperto così da aver ben amalgamato il tutto.

Far riposare almeno 15 minuti a temperatura ambiente, coprendo con la pellicola.

Con la macchinetta tirare la sfoglia, fissare dapprima la distanza tra i rulli al massimo. Affettare l'impasto, appiattire una fetta, infarinarla, e passarlo nella macchinetta. Ripetere questa operazione almeno 8-10. Di volta in volta diminuire gradualmente la distanza tra i rulli fino ad ottenere lo spessore definito (consiglio il penultimo foro).

Tagliare le strisce di pasta e lasciarle essiccare sulla tavola di legno per almeno un'oretta girandole spesso.
Eccoli prima di essere infornati

Con la tagliatrice inserita nella macchinetta fare i tagliolini.

Scegliere una pirofila ideale sia per il forno che la tavola, imburrarla abbondantemente, cospargere un poco di pane grattugiato e uno strato di tagliolini, condire con fiocchetti di burro, parmigiano e noce moscata, altro strato di tagliolini, parmigiano, burro e noce moscata e via a finire (vengono 3-4 strati).

Finire con abbondante parmigiano, fiocchetti di burro e un poco di pane grattugiato (la prossima volta provo ad ometterlo).

Aggiungere il brodo caldo, circa metà / tre quarti rispetto al livello dei tagliolini.

Cuocere in forno già caldo a 180°C funzione ventilato con grill per 20-25 minuti (30-40 minuti nel caso si utilizzi pasta secca all'uovo acquistata), fino a quando avranno assorbito il brodo e si sarà formata una leggera crosticina.

Servire dopo qualche minuto dopo l'uscita dal forno.



Ecco altre ricette che scaldano il cuore, delle altre regioni d'Italia...

Valle d'Aosta: Seupetta de Cogne 

Piemonte: Torcetti al burro 

Lombardia: Torta del Paradiso  

Trentino Alto Adige:  Marmor-Kuchen altoatesina 

Friuli Venezia Giulia: Gnocchi di Susine 

Veneto: I crostoli della nonna

Emilia Romagna: I bassotti

Liguria: Ravioli ai carciofi

Toscana: Torta della nonna

Marche: Frittelle di mele 

Umbria: Le ricette della nonna 

Lazio: Maritozzo con la panna

Abruzzo: Pasta e fagioli 

Molise: Pasticcio di pollo in crosta

Puglia: Cime di rape stufate 

Basilicata: Lagane e ceci 

Campania: I taralli all’uovo di nonna Natalia

Calabria: Minestra cu a nduda

Sicilia:  Biancomangiare

Sardegna: Culungionis de pappai biancu (Ravioli di mangiar bianco) 

15 commenti:

  1. Ma che delizia questa ricetta... cosi buona nella sua semplicità. A presto LA

    RispondiElimina
  2. Che buoni con quella crosticina croccante. Sfizioso il nome!

    RispondiElimina
  3. Le buone vecchie ricette! Semplici ma tanto gustose!

    RispondiElimina
  4. Che spettacolo questa pasta che profuma di nonna e di coccole! Bravissima, un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. ero curiosa di scoprire la tua ricetta dal nome simpaticissimo ed eccola questa bontà!
    Certo che le vostre paste all'uovo, ripiene e non, sono favolose! a proposito del brodo, sai ho un amico emiliano che si è trasferito da poco qui nel mio paese e mi racconta sempre che a casa di sua madre il brodo non mancava mai!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Wow!!!! Ma che magnifica ricetta!!!! Il nome m'incuriosiva parecchio...e la ricetta ancor di più! Splendida come sempre!!!!! Un Abbraccio!

    RispondiElimina
  7. Tutta la bontà di una ricetta genuina che ricorda i pranzi della domenica di una volta. Mi segno la ricetta perchè voglio assolutamente provarla! Un bacio

    RispondiElimina
  8. Molto buono infatti la minestrina si usava sempre alla sera quando si poteva... ricordo invece mio nonno che diceva che il brodo erun "lavastomighi" ovvero lava stomaco però... ora che ci penso mi vien da ridere diceva che però prendendolo prima abbassava lo stomaco e quindi c'era più spazio per altro .. ed era convinto. <io dopo una minestrina ero sazissima. Ottima ricetta grazie della condivisione anche del ricordo. Buona fine settimana.

    RispondiElimina
  9. Che bella crosticina! Sai che non li ho mai assaggiati? Devo rimediare a questa grave mancanza.
    Bravissima :)

    RispondiElimina
  10. Troppo buoni Elena! Le nonne non tradiscono mai ;)

    RispondiElimina
  11. Questi si che riscaldano il cuore, complimenti!

    RispondiElimina
  12. che nome buffo!!!!! il piatto una certezza!
    ciao
    elsa

    RispondiElimina
  13. Che bontà assoluta, poi ho un debole per la pasta fatta in casa :)

    RispondiElimina
  14. Pensavo che i bassotti fossero dei biscotti. Un nome strano per un piatto gustosissimo.

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!