giovedì 10 novembre 2011

Tagliatelle al ragù di cinghiale

Questo piatto piuttosto sostanzioso è tipico della regione Toscana, ma anche nella mia zona il cinghiale è utilizzato spesso in cucina, di solito si prepara in umido e viene servito con la polenta, quello che si avanza viene utilizzato per condire la pasta.
Quando però ho visto queste tagliatelle speciali di pasta di semola di grano duro, ho subito pensato di abbinarle a questo sugo, sono adatti l'uno all'altro: ragù sostanzioso e gustoso con tagliatelle spesse e saporite.




Ingredienti per 4 persone
300g di tagliatelle
500g di polpa di cinghiale (tagliata a pezzi)
750 ml di vino rosso + 1/2 bicchiere
1 cipolla
2 carote
1 canna di sedano
1 spicchio di aglio
1 scalogno
olio evo
100g di pancetta nostrana a piccoli cubetti
salsa di pomodoro
sale
pepe
ginepro
salvia
rosmarino
alloro

Lasciare per una notte in infusione la carne di cinghiale nelvino rosso (1 bottiglia) con la cipolla, 1 carota, 1 canna di sedano, lo spicchio d'aglio, mantenendo la ciotola in frigorifero.

Il giorno successivo preparare un soffritto con olio, scalogno, una carota, far rosolare la carne e la pancetta.


Sfumare con il vino (1/2 bicchiere),aggiungere tutti gli aromi, il sale e il pepe.
Cuocere per almeno un paio d'ore a fuoco molto basso, aggiungendo un poco di acqua al bisogno.

Quando la carne risulta ben cotta, si aggiunge la polpa di pomodoro.

Cuocere la pasta in abbondante acqua almeno 3 litri di acqua, aggiungere il sale a bollore già raggiunto e mescolare bene durante la cottura con un forchettone di legno (indicato 8 minuti).

Scolare, inserire nella pentola con il ragù e continuare la cottura ancora qualche minuto.
Ora è pronta per essere servita con una generosa spolverata di Parmigiano.

Con questa ricetta partecipo al contest "Pasta solo pasta"di Atmosfera Italiana:

8 commenti:

  1. Direi proprio adattissimi l'uno all'altro! Rustici e buonissimi. Adoro il cinghiale, ma non l' ho mai cucinato, mi devo decidere. Un bacione, Babi

    RispondiElimina
  2. Un "matrimonio" azzeccato e veramente appagante :)

    Buona giornata

    RispondiElimina
  3. piacere, io sono Carla, e grazie di giocare con noi, amo la Toscana e mi fa piacere che tu abbia abbinato la pasta Benedetto Cavalieri ad una ricetta della tradizione Toscana. complimenti :-))
    Carla

    RispondiElimina
  4. è un piatto che non potrò mai mangiare, ma quanta gola mi fa!!
    :P

    un bacione!

    RispondiElimina
  5. A me il cinghiale non fa impazzire, ma il sugo mi piace perchè ci sento meno il "bestin" come si dice dalle mie parti. Un abbraccio, buon wee.

    RispondiElimina
  6. Mi piace quest'abbinamento di sapori! Buon weekend..

    RispondiElimina
  7. @Babi: approvo! ciao baci!
    @Letizia: mi risulta una ricetta toscana..tu che ne dice?
    @Carla: grazie, incrocio le dita!
    @Eleonora: potrei inviartene una"schisetta"!!!! baci!
    @Tinny: la puzza di selvatico, vero?
    Di solito nel cinghiale che cucino non si sente...a differenza dei fagiani...li ho banditi mi danno un fastidio...quelli sì che sanno di "bestin"...Baci, baci
    @Mamma papera: grazie e buona domenica anche a voi!!!

    RispondiElimina
  8. Snche qui in Piemonte si usa molto il cinghiale, anche se mi piace non l'ho mai preparato a casa, posso mandare Michi a cacciarlo cosa ne dici?:). Bacione a Zorro, qui vogliamo le foto:).
    ps anch'io ho avuto un cane simile a Zorro, sono formidabili.

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!