lunedì 7 novembre 2011

Jacket potatoes

Sabato sera in Gran Bretagna si è festeggiato Bonfire night, una festa che celebra il fallimento di un complotto, dal nome Gunpowder Plot.
Risale infatti al 5 novembre 1605, quando Guy Fawkes e un gruppo di cospiratori cattolici inglesi tentarono di assassinare Re Giacomo I e tutti i membri del Parlamento mentre erano riuniti nella Camera dei Lord con un'esplosione.
Il complotto fu scoperto e i barili di polvere da sparo furono disinnescati prima che potessero compiere danni.
La festa consiste nello sparo di fuochi d'artificio e i bambini bruciano su un falò un pupazzetto che simboleggia l'attentatore, chiamato Guy.
La scorsa settimana la maestra di inglese di Tommi, gli ha spiegato quest'evento, passandogli pure la ricetta delle jacket potetoes, uno dei piatti tipici di questa festa, ne è rimasto molto affascinato e mi ha chiesto di preparare proprio sabato queste patate farcite.




Ingredienti
4 patate di medie dimensioni
2 cucchiai di maionese
80g di tonno sott'olio
sale
olio evo
paprika dolce e prezzemolo per decorare

Lavare accuratamente sotto l'acqua corrente le patate e spazzolarle per bene togliendo ogni traccia di sporco.

Ungerle un poco con l'aiuto di un pennello e passarle con un pizzico di sale, massaggiandole una per una .
Forarle con la punta di un coltello in più punti e metterle a cuocere in forno a 200°C per 50-60 minuti.
Nel frattempo preparare la farcia mescolando il tonno sgocciolato con la maionese rendendolo una crema omogenea.

Tagliare a croce la superficie e aprire un poco i 4 lembi farcire con la crema le patate e decorare con prezzemolo o paprika.
Sono ottime tiepide, ma molto sfiziose anche fredde!!!!
Con questa ricetta partecipo al WHB#309 che viene ospitato da Cristina del blog Tutto a occhio:



Ricordo che il WHB è organizzato per l'edizione italiana da Brii, fondato da Kalyn, mentre l’attuale organizzatrice internazionale è Haalo.

10 commenti:

  1. Le avevo sempre sentite nominare nei film, ma mai viste, quasi pensavo che fossero mitologia. Grazie per la storia e per la ricetta, ho veramente imparato tante cose nuove con te. un abbraccio cara elena e buona notte

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo questo evento, ma le "patate ripiene" si le ho mangiate una volta, in una birreria, ma non erano di certo così gustose, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  3. le ho vista fare dalla Benedetta Parodi!!!
    brava!!!

    RispondiElimina
  4. Da provare e quindi grazie di averci fornito la ricetta :)

    Buona giornata

    RispondiElimina
  5. Queste patate devono essere una vera delizia!! Sfiziosissime e gustose, piaceranno di certo ai miei ragazzi!! Un bacio!!

    RispondiElimina
  6. Una festa che non conoscevo, grazie al tuo cucciolo!
    Mi piace molto la ricetta delle patate e piacerà ancora di più alle mie streghe.
    A presto, ti abbraccio!

    RispondiElimina
  7. Neanche io conoscevo questa festa e la ricetta l'avevo giusto sentita nominare. Vedere la tua bella foto fa tutto un altro effetto! Le provo di sicuro, un bacio, Babi

    RispondiElimina
  8. Davvero molto buone, rustiche e sfiziose..le dovrò provare con altre farciture!!!! baci e grazie a tutte!!!!

    RispondiElimina
  9. Brava Elena! Noi la ricetta l'abbiamo messa in vista...ma poi non ci siamo + neanche ricordati di provarla ;-P

    RispondiElimina
  10. ma dai non conoscevo questa storia, ma le patate così le avevo già sentite... ma non mangiate. ora non ho più scuse, dovrò copiarti la ricetta
    A.

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!