domenica 5 luglio 2015

Cobbler alle pesche e lamponi


Questa ricetta della tradizione USA è tipica dello stato della Georgia, soprannominato stato delle pesche, qui l'agricoltura è molto sviluppata, cotone, mais, riso, ma pare che le pesche siano il prodotto di punta e sicuramente il più gustoso.
Anche qua da noi le pesche iniziano ad essere al punto di maturazione ottimale e così ho approfittato per preparare questo dolce a base di frutta, il genere che io preferisco.
Ho aggiunto anche qualche lampone, raccolto direttamente nel mio giardino (ho due piante in vaso, di cui vado molto orgogliosa).
La ricetta l'ho tratta da qui, naturalmente ho ridotto le dosi avendo a disposizione poche pesche, ma in futuro ripeterò con teglia gigante, è davvero buonissimo e con il gelato alla vaniglia ancora di più!!!

Ingredienti

(teglia 12cm x 18cm)
3 pesche
12 lamponi
1 cucchiaio colmo di maizena
1/2 limone spremuto
Impasto
40g di farina
15g di zucchero
15g di burro freddo
1/2 cucchiaino di lievito per torte
2  cucchiai di latte
zucchero per spolverizzare.




Pelare le pesche, con o senza un tuffo in acqua bollente (le mie erano così mature che non hanno avuto bisogno del "bagnetto caldo"),affettarle sottili e metterle in una ciotola.
Bagnare con il succo del limone per evitare l'ossidazione e cospargerle con la maizena.
Mescolare bene in modo che l'amido di mais si bagni con il succo delle pesche e del limone.
Disporle in una teglia da forno di ceramica (di quelle che si possono portare in tavola) e aggiungere qua e là qualche lampone fresco.
Preparare l'impasto: miscelare zucchero, la farina e il lievito,  tagliare a cubetti il burro freddo e aggiungerlo.
Con le mani impastare velocemente facendo assorbire al burro la farina. Per ultimo inserire il latte, attenzione che l'impasto non risulti troppo bagnato.
Formare un cilindro e tagliare fette dello spessore di 1-2 cm e posizionarle sulla frutta.
Spolverizzare con zucchero la superficie (a piacere).
Cuocere in forno già caldo a 180°C per 20-25 minuti, la superficie risulterà dorata.
Servire tiepido (o anche freddo) con gelato alla vaniglia ( personalmente preferisco il contrasto delle temperature).

Con questa ricetta partecipo all'Abbecedario Culinario Mondiale, organizzato da Trattoria MuVarA.
Questa tappa, la M- sta per Minneapolis (USA, America) - è  ospitata da Simona del blog Briciole

6 commenti:

  1. Deve essere strepitosa..da provare al posto del solito crumble :-)
    Grazie dell'idea e felice domenica :-)

    RispondiElimina
  2. Ma deve essere delizioso!!!! Un modo diverso di servire la frutta :)

    RispondiElimina
  3. come te amo i dolci "fruttosi", sono ogni altra cosa.... già segnata la ricetta :)

    RispondiElimina
  4. Adoro le pesche... deve essere buonissimo!

    RispondiElimina
  5. Complimenti per la ricetta, non l'avevo mai sentita. Vorrei provare a rifarla. Piacere sono una tua nuova follower :)

    RispondiElimina
  6. La Georgia infatti e' chiamata "the peach state" e la strada principale di Atlanta si chiama Peach Tree Avenue. Purtroppo non ho mai assaggiato pesche georgiane quindi non posso dire la mia in proposito. Per fortuna ci sono peschi anche in California. Il cobbler e' venuto bello e so che e' sparito rapidamente :) Grazie per il contributo alla tappa USA dell’Abbecedario Mondiale.

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!