giovedì 6 giugno 2013

I canederli verdi (di spinaci).....per Quanti modi di fare e rifare

Questo mese il gruppo di amiche della Cuochina si è ritrovato nella cucina di Antonella, in quel di Milano, ma non per cucinare una ricetta milanese, ma bensì una ricetta veneta...e già perchè Rino, il marito, è di Cortina d'Ampezzo e questo è proprio un suo piatto!
I canederli sono uno dei miei piatti preferiti, li ho provati in tante varianti (vado in vacanza in Tirolo da tantissimi anni.... ero una bambina), ma questi sono proprio speciali, Rino li propone con gli spinaci e il formaggio ed  è questo che li rende originali!
Mai li avevo degustati così, erano sempre o con spinaci o con formaggio, mai con entrambi....
Non ho cambiato niente della ricetta dei canederli,... non potevo,.... ero troppo curiosa di assaggiare questa variante, ho voluto riprodurla fedelmente!
Unico neo l'uso degli spinaci surgelati, i freschi non li ho trovati quel giorno....questo ha comportato una variazione  dei pesi degli ingredienti, così mi sono affidata all'occhio, come mi è parso di capire fa anche il nostro chef ampezzano.
Il condimento è stato a base di burro, ma arricchito con pane grattugiato tostato e listarelle di mandorle anch'esse tostate, giusto per dare un tocco di croccante.
Grazie di questa ricetta strepitosa, è piaciuta davvero tanto a tutti, sono  ricchi e gustosi, ideali anche come piatto unico!!!



Ingredienti per 4 persone
250g di spinaci surgelati
200g di formaggio latteria
1 spicchio di aglio
100g di pane raffermo
2 uova
4 cucchiai di farina
sale
40g di burro
3 cucchiai di pane grattugiato
20g di mandorle a fette

Scongelare gli spinaci e tagliarli a coltello fini fini con lo spicchio d'aglio.

Tagliare a cubetti il formaggio latteria, e il pane raffermo.

Mettere tutto in una terrina, aggiungendo le uova, la farina, un pizzico di sale.

 Mescolare bene in modo da rendere omogeneo l'impasto.

Lasciarlo anche riposare una quindicina di minuti.

Mettere a bollire 2 litri di acqua salata e iniziare a preparare i canederli.

Formare delle palline, aiutandosi con le mani, delle dimensioni di una pallina da golf (a me piacciono piccoli, ma si possono fare anche più grandi, simil palla da tennis).

Con queste dosi se ne preparano 16.

Quando l'acqua bolle, immergerli pochi alla volta e dal momento in cui tornano a galla far cuocere circa 3 minuti prima di scolarli.

In una padella antiaderente ben calda tostare le mandorle a fuoco vivo, muovendo velocemente la padella, giunto al punto ottimale di tostatura (dipende dai gusti), metterli in un piatto freddo in modo da bloccare la cottura.

Nella stessa padella bollente tostare il pane grattugiato allo stesso modo, quando risulta del giusto colore, togliere dal fuoco e unire il burro e lasciar sciogliere.

Aggiungere i canederli scolati e condirli muovendo energicamente o mescolando facendo attenzione.

Servire subito decorati con le mandorle tostate.


Questa ricetta partecipa all'iniziativa Quanti modi di fare e rifare

e ricordo che il prossimo mese saremo a cucinare la Galantina di pollo aromatizzata al basilico nel blog Stegnat de Polenta, vi aspettiamo!!!!

25 commenti:

  1. Buongiorno Elena !
    Che bello anche oggi ci siam ritrovati
    e di golosi canederli verdi ci siam abbuffati!
    Trovar la verdura tra la pioggia battente
    non è stata impresa da niente..
    Ma per noi Cuochini è cosa normale
    non ci spaventa nemmeno il temporale!
    Ed eccoci qui dalla cara Antonella, tutti arrivati e alla sua tavola ci siam sistemati!
    Ci rivediam il mese prossimo prima di partire per qualche Atollo a rifar con basilico la galantina di pollo
    Baci la Cuochina

    RispondiElimina
  2. Buoni!!!! Ricordo che i canederli di spinaci me li fecero in un alberghetto dove la titolare era anche cuoca... una varietà infinita di varianti una migliore dell'altra

    RispondiElimina
  3. bellissimi complimenti davvero chissà che bontà con le mandorle!! buona giornata

    RispondiElimina
  4. Sempre brava Elena! questi canederli sono davvero invitanti...
    baci

    RispondiElimina
  5. Penso che mi ci abbufferei volentieri!!! Brava bella mia. Questi vorrei provare a rifarli anche io... tutti per me!!! Bacio!

    RispondiElimina
  6. Adoro le ricette semplice come questa, non fanno altro che farci risparmiare del tempo in cucina, e non perché non abbia voglia, solo che per il lavoro non mi lo posso permettere, Mi scrivo questa ottima ricetta. Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Buonissimi sono ottimi e le mondarle li rendono ancor più sifiziosi ciao Luisa

    RispondiElimina
  8. davvero buoni vero? Questa ricetta ci è piaciuta molto, anche se li ho mangiati in tutte le salse in Trentino! ciao e un abbraccio

    RispondiElimina
  9. mai fatti mai mangiati, sono buonissimi! le mandorle un tocco in più :) ciaooo

    RispondiElimina
  10. io sono andata solamente due volte in vacanza a Cortina e all'alpe di Siusi, ma ho dei ricordi splendidi, la cucina, la pulizia,la bellezza dei paesini, l'accoglienza, e si mangia divinamente, quanto strudel, complimenti cara bella versione con le mandorline...baci

    RispondiElimina
  11. Una versione troppo invitante con quelle mandorle sopra..una sola parola: fantastici!
    Un abbraccio e grazie cara Elena

    RispondiElimina
  12. Ciao Elena mi piace l'idea delle mandorle, un tocco di croccante che sta benissimo! bacione a presto

    RispondiElimina
  13. Ciao Elena, che bontà le mandorle ed il pane grattugiato tostato.
    Ciao e alla prossima!

    RispondiElimina
  14. bellissima questa croccantezza!
    francesca

    RispondiElimina
  15. Ciao Elena, molto buoni anche i tuoi canederli e il condimento m'ispira tanto!
    Baci!

    RispondiElimina
  16. mammma mia le mandorle sopra...le adoro bellissima ricetta, alla prossima.
    Ciao.

    RispondiElimina
  17. Ottima idea aggiungere le mandorle tostate, avranno dato una nota personalissima a questo gustosissimo piatto.
    Alla prossima, carissima Elena :)

    RispondiElimina
  18. mmmm elena! che interpretazione deliziosa! un po' calorica ma la prendo a braccia aperte!!!

    RispondiElimina
  19. Cara Elena scusa il ritardo ....... Bella la tua versione , le mandorle ci stanno benissimo :-))))
    Buona serata !!!

    RispondiElimina
  20. Ciao Elena, buona settimana a te, i canederli, di qualsiasi colore essi siano mi fanno sempre una gola, anche a quest'ora ;-) bacione, com'è andata la recita?

    RispondiElimina
  21. Non ho mai mangiato i canederli nonostante i tanti viaggi in montagna. Però ultimamente li ho visti cucinati spesso su vari blog. E l'occasione dell'appuntamento con la rubrica "Quanti modi di fare e rifare" me li ha presentati in tantissime versioni.
    Prometto che li proverò perché sembrano davvero deliziosi.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  22. Elena, quanto mi piaccio i canederli, solo che ho provato a farli un paio di volte e non sono mai venuti un granchè bene, proverò la tua versione la prossima volta :)
    Baci e....passa da me: http://thedreamingseed.blogspot.it/2013/06/i-filetti-di-trota-salmonata-in-crosta.html

    RispondiElimina
  23. Ciao carissima, arrivo in ritardissimo a gustarmi la tua versione.
    Un po' troppe cose mi han tenuta lontana dal blog e dagli amici di blog, ma speriamo di recuperare.
    E' arrivata l'estate calda - sebbene sembra che non durerà - eppure in montagna i knoedel si gustano anche in estate...mi sa che li rifaccio e magari ci aggiungo le mandorle come hai fatto tu.
    Buona serata e a rileggerci presto

    RispondiElimina
  24. anche io in ritardo!!!! ahaahaa ma che delizia i tuoi canederli!!! fanno proprio gola!
    Ciao Dany :-)

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!