venerdì 9 marzo 2012

I tirtlen

Queste focaccine fritte sono una specialità della Val Pusteria, una delle valli più belle e più verdi d'Italia.
S possono degustare negli stand delle feste popolari, ma anche negli agriturismi o nei ristoranti tipici, dove vengono serviti come antipasto da soli o con un piatto di speck.
Ci tenevo a presentarli nell'ambito dell'Abbecedario culinario d'Italia, organizzato da trattoria MuVarA, e così, quasi allo scadere del tempo, li ho preparati e postati alla velocità della luce.
La ricetta l'ho copiata dal libro "La cucina nelle  Dolomiti" di Anneliese Kompatscher, senza nemmeno una variazione. Si possono cucinare anche con altri ripieni, il più utilizzato è spinaci e ricotta, ma anche patate e ricotta piace parecchio essendo molto delicato.



Ingredienti per 15 tirtlen
Per la pasta
250g di farina di segale
250g di farina bianca
2 uova
sale
30g di burro
acqua tiepida q.b.
Per il ripieno
250g di crauti (io verza)
1 cipollina
40g di burro
100ml di vino bianco
1 cucchiaio di farina
2 bacche di ginepro
cumino a piacere
sale, pepe

Impastare le farine setacciate con il burro, il sale, le uova  e acqua tiepida fino a produrre un impasto elastico che si lascerà riposare almeno 1 ora coperto da pellicola.

Nel frattempo si prepara il ripieno: soffriggere la cipolla  con il burro, unire i crauti (io la verza), salare e pepare, sfumare con il vino bianco, unire la farina, il ginepro e il cumino (io tanto!).

Cuocere per circa 30 minuti e poi far raffreddare.

Formare un salame con l'impasto di circa 5cm di diametro, tagliare fettine di 0,5 cm di spessore, stenderle con il mattarello formando una sfoglia tonda di circa 15cm di diametro.

Mettere il ripieno di crauti su di un cerchio di sfoglia e ricoprire con altra sfoglia uguale.
Chiudere bene l'orlo con la punta delle dita e friggere in olio ben caldo per circa 2 minuti per parte ( controllare il colore e la consistenza: deve essere rigido).

Servire subito ben caldi.


Con questa ricetta partecipo all'Abbecedario Culinario d'Italia, ora siamo alla lettera B, di Bolzano in  Trentino Alto Adige,  questa regione  è ospitata da Brii

3 commenti:

  1. Eccome le conosco, le adoro, bravissima Elena!!!!

    RispondiElimina
  2. Spero davvero di riuscire quest'anno a scappare una settimana in Val Pusteria, é una zona del Trentino che non conosco, ma deve essere splendida! Se poi ci trovo queste delizie.... Buona domenica cara!

    RispondiElimina
  3. Che buoni che devono essere......bacioni

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!