domenica 9 settembre 2018

Strascinate coi peperoni cruschi per Quanti modi di fare e rifare



Ed oggi siamo in Basilicata, con i loro favolosi peperoni cruschi e la pasta fresca a base di semola, le strascinate!
Noi della rubrica Quanti modi di fare e rifare abbiamo deciso le strascinate e condirle con un classico della cucina lucana, i peperoni cruschi.
Ho conosciuto questi peperoni  da poco tempo, grazie al mio amore per la cucina regionale, e partecipando alla rubrica L'Italia nel piatto, spesso la rappresentante di questa regione prepara piatti con questo ortaggio essiccato e poi fritto e ne ero veramente curiosa. Infatti mi sono data alla ricerca di questo prodotto e da Eataly ho trovato proprio i peperoni prevenienti da Matera, la varietà giusta per poterli friggere. Infatti sono dei peperoni sottili e lunghi, di colore verde e rosso che dopo averli fatti seccare al sole diventano rossi, sono famosi quelli di Senise.
Sono queste le soddisfazioni di noi foodblogger, imparare sempre cose nuove e aver la possibilità di assaggiare ingredienti diversi, un grazie ad Ornella ed Anna per avermi dato lo spunto !


Ingredienti per 2 persone
Per le strascinate
300g di semola rimacinata
6g di sale fino
100g di acqua calda (indicativo)


50-70g di olio evo
3 peperoni secchi
1 spicchio d'aglio
1 peperoncino
60g di mollica di pane
sale qb
3 cucchiai di pecorino grattugiato




Fare la fontana con la semola, unire il sale impastare con l'acqua tiepida (40°C circa), aggiungendola poco a poco (la quantità è indicativa), l'impasto non deve essere troppo appiccicoso, altrimenti è difficile dare la forma tradizionale.

Lavorare l'impasto fino a quando diventa morbida e liscia, lasciar riposare sotto una ciotola per 30 minuti circa.

Prenderne una parte e formare un lungo cilindro dal diametro di 1cm circa, tagliare dei pezzi grandi quanto la larghezza di 2 dita. Premere ogni pezzo con le dita, trascinandolo sul tagliere in modo da ottenere degli gnocchi cavi.

Aprire i peperoni secchi, eliminare tutti i semi e tagliarli a pezzi.

Scaldare in un pentolino a bordi alti l'olio evo, deve essere circa due dita di altezza, introdurre 1 pezzetto di peperone alla volta, dopo qualche secondo si idraterà e allora dovrà essere scolato e messo a raffreddare su carta assorbente. Procedere con un pezzo alla volta così da riuscire a controllare meglio la frittura (se cuociono troppo e assumono un colore scuro, sono amari). Fare attenzione anche alla temperatura dell'olio, non deve fumare.

Finito di friggere, salare leggermente e lasciare raffreddare, così diventeranno croccanti, cioè "cruschi".
Ridurre a piccole briciole la mollica di pane.
In una larga padella antiaderente tostare le briciole di mollica, e poi farle raffreddare in un piatto freddo.

Far soffriggere l'aglio in olio extravergine di oliva (quello utilizzato per i peperoni), facendo attenzione a non farlo annerire. Togliere lo spicchio.

Cuocere in abbondante acqua salate le strascinate, scolarle, saltatele in padella nell'olio, aggiungere le briciole di peperoni, un mestolo di acqua di cottura, il pecorino grattugiato e saltate per un minuto in padella. Aggiungere solo alla fine le briciole e saltate velocemente.

Servire subito.

Con questa ricetta partecipo alla rubrica Quanti modi di fare e rifare


9 commenti:

  1. Ben ritrovata cara Elena!
    Dopo una pausa vacanziera, ci auguriamo stupenda per tutti, c’incamminiamo verso l’autunno. La temperatura si sta abbassando, per fortuna i colori della natura ci riscaldano lo spirito e, anche questa stagione, ci fa dono di tantissimi prodotti!
    Ma per chi sente nostalgia dell’estate, oggi, si pranza con una pietanza che ha letteralmente il colore del sole: le Strascinate coi peperoni cruschi!
    Cuochina, Anna e Ornella ti ringraziano per aver preparato la tua squisita versione.
    Il prossimo appuntamento con la bellissima cucina aperta di Quanti modi di fare e rifare sarà il 14 ottobre con una ricetta emiliana Maccheroni alla bolognese
    Ti aspettiamo!

    Un abbraccio
    Cuochina

    RispondiElimina
  2. Bellissimi i tuoi peperoni cruschi, perfetti con le tue strascinate, buona domenica e alla prossima!

    RispondiElimina
  3. Sento il profumo di questa pasta fino a casa mia! Ottimo piatto e quei peperoni prima o poi li devo provare... Un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Davvero buone vero Elena? A domani bacio

    RispondiElimina
  5. Ottima la pasta fatta in casa, un piatto gustoso!

    RispondiElimina
  6. Credevo fossero complicate da fare ed invece semplicissime e molto buone. Bellissime anche le tue!

    RispondiElimina
  7. Ciao Elena,
    sei sempre piacevolissima da leggere e brava nel realizzare i tuoi piatti!!
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  8. Ho provato la ricetta aggiungendo un ristretto di vino aglianico del vulture fatto bollire per 1/2 ora e poi aggiungere poca maizena
    Provare x credere
    Ciao Antonio filippo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e ti credo Antonio Filippo, un concentrato di vino ottimo che si trasforma in cremina, grazie alla maizena e avvolge gli strascinati! deve essere delizioso! Grazie dell'idea!

      Elimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!
Ricordati però che utilizzando questo form, si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito.