giovedì 27 aprile 2017

La panissa vercellese per Il Club del 27



Oggi è il 27 e noi del Club non possiamo mancare l'appuntamento!!!!!
Ma che cosa è il club del 27?
E' un gruppo di appassionati di cucina, che prova e/o rielabora piatti presenti in un elenco definito e  li pubblica il 27 di ogni mese,  tira le somme, apprezzando o criticando, e discute di una ricetta valutandone i pregi e i difetti (sempre che ci siano!).
L'elenco a cui abbiamo attinto per questa giornata ha come denominatore comune il riso, in quanto risulta essere l'ingrediente principale della sfida dell'MTC di questo mese (il sartù).

Ho scelto una ricetta della tradizione, perchè penso sia la base di partenza per imparare a cucinare, a conoscere il territorio e pure gli ingredienti.
Infatti la mia scelta è caduta sulla Panissa Vercellese, un risotto corposo, dove gli ingredienti del territorio sono il vero segreto per la buona riuscita.
Ho cercato così il salame tipico (salam dla doja), un salamino morbido mantenuto nello strutto all'interno di un recipiente particolare (la duja). Sono riuscita a recuperarlo, grazie ad un collega di mio marito che abita in quei luoghi e si è preso la briga di andarmelo ad acquistare.





Ho utilizzato poi i fagioli Stregoni, visivamente simili ai borlotti di colore chiaro con striature bordeaux e marroncino. Sono originari del Piemonte, una regione in cui terreni sono particolarmente indicati per la loro coltivazione, e si caratterizzano per essere una varietà antica, dal sapore gustoso e deciso.

E poi il vino, che dovrà essere un barbera, corposo, fermo e giustamente acido, caratteristica tipica del vitigno in questione


Ringrazio tanto Giulia che mi ha fatto conoscere questa ricetta, una vera chicca della cucina piemontese.

Panissa vercellese
Ingredienti per 4 persone

Per il brodo
120 grammi di fagioli di Stregoni secchi
1 foglia di alloro
1 cipolla,
1 carota
1 costa di sedano
1 chiodo di garofano
una costina di maiale
Per la panissa
1 scalogno
1 salam della duja (oppure salame morbido)
2 cucchiai di salsa di pomodoro
400 grammi di riso Carnaroli
200ml di vino rosso Barbera
20g di burro
Sale e pepe

Ammollare i fagioli secchi per 8-10 ore.
Cuocere i fagioli in acqua con una foglia di alloro per 1-1,30 ora , devono essere cotti ma non disfatti, non salare altrimenti tenderanno a sfaldarsi, aggiustare di sale solo alla fine.
Preparare il brodo, facendo bollire una costina di maiale, con cipolla, carota(con 1 chiodo di garofano infilzato) e sedano (una costa ).
Scaldare olio, tritare lo scalogno, soffriggerlo, unire il salam d’la duja (o salame morbido) tritato, fino a doratura. Aggiungere quindi due cucchiai di salsa di pomodoro.
Unire il riso, tostarlo per qualche minuto, sfumare con 100ml di vino rosso, aggiungere a mestoli il brodo di maiale, cuocendo come un risotto.
Dopo 5 minuti unire i fagioli cotti (se sono ancora integri, altrimenti se tendono a disfarsi inserirli solo all'ultimo) e continuare a mescolare ed aggiungere brodo.
A fine cottura, mantecare con il resto del barbera e una noce di burro.
Assaggiare e aggiustare di sale, se ce ne fosse bisogno.
Mangiare  caldo con un ottimo vino rosso, possibilmente Barbera.



Con questo favoloso risotto fumante partecipo al Club del 27 esibendo la Tessera n. 31!

20 commenti:

  1. Piatto bello tosto e molto gustoso e con il freddo di questi giorni ci sta una meraviglia :-)

    RispondiElimina
  2. Appetitoso e con la primavera autunnale che ci ritroviamo ci sta a meraviglia :)
    Complimenti sia per la scelta che per l'esecuzione!!!!

    RispondiElimina
  3. wow che piatto non lo conoscevo!

    RispondiElimina
  4. Mamma mia che piatto importante, complimenti! Un bascio

    RispondiElimina
  5. Elena, altro che budinetti, dolcini e torte: un piatto che le palle hai scelto! :D
    Standing ovation!!
    Alessia - Myiummy

    RispondiElimina
  6. Io mi sono spinta verso l'estate, con il risolatte greco, ma devo dire che con il fresco che è tornato, hai fatto proprio bene a scaldarti con questo risotto!!
    ... pensa che all'inizio avevo letto 'nduja e non capivo cosa c'entrasse con il piemonte... Sarà ora che vada a riposare... :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ti nascondo che anch'io la prima volta che ho letto la ricetta, mi sono fatta la stessa domanda :)

      Elimina
  7. mmm questo si che è un piatto sostanzioso e goloso...quanto mi piacerebbe provarlo, se solo avessi gli ingredienti giusti. complimenti cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti non sono facili da trovare, ci ho messo un gran impegno ;)

      Elimina
  8. mmm questo si che è un piatto sostanzioso e goloso...quanto mi piacerebbe provarlo, se solo avessi gli ingredienti giusti. complimenti cara

    RispondiElimina
  9. è buonissima la panissa! Peccato non trovare il salam d'la duja! Potrei fare un tentativo da Eataly, se ci capito. Un bellissimo piatto salato, in mezzo a tutti i risolatte! Grazie Elena!

    RispondiElimina
  10. La panissa è uno dei pochi piatti (se non l'unico) che mia madre cucinava meravigliosamente bene. Forse mi ha trattenuta la paura di non riuscire a replicarla. La tua è favolosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. effettivamente quando si ha un metro di paragone, si teme di non riuscire... ma io ti consiglio di provarci, magari la tua è anche meglio :)

      Elimina
  11. Ehhh non vale!!😂😂la stagione ti ha aiutato..con il freddo che è tornato questo risotto è perfetto!!
    Ok..vado alla ricerca di fagioli e salame morbido!bravissima!

    RispondiElimina
  12. Non conoscevo questo piatto! molto appetitos, devo provarlo...Bravissma

    RispondiElimina
  13. Anche questo piatto mi attirava, ma mi sono fermata per gli ingredienti, ma prima o poi lo farò...il tuo è venuto benissimo!!!

    RispondiElimina
  14. Non l'ho scelto per via degli ingredienti, ma mi attirava tantissimo. Il tuo è molto invitante!

    RispondiElimina
  15. Che ricetta che hai scelto, non semplice, a partire dal recupero degli ingredienti. Ma l'hai spiegata e realizzata benissimo e poi caspita con il freddo di questi giorni ci sta proprio una favola.

    RispondiElimina
  16. Io non amo il riso in versione salata tanto quanto lo amo nei dolci, ma credo che per questo saporitissimo risotto potrei fare un'eccezione... Bravissima!!

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!