giovedì 30 marzo 2017

La ribollita toscana


Qualche settimana fa passeggiando per il mercato cittadino, cosa rara per me che lavoro al mattino per tutta la settinama, trovo una bancarella di frutta e verdura che espone tanti prodotti, tutti disposti su carta bianca (la classica velina), in ceste ordinate.
Mi sono fermata incantata da questa disposizione accurata e precisa, poi punto verso il fondo e vedo: il cavolo nero!
Dei bellissimi mazzetti di cavolo nero, una rarità qua da noi!
Non ho perso tempo e subito ne ho acquistato 4 mazzetti, era da tanto che volevo assaggiarlo, ma soprattutto desideravo provare a cucinare la ribollita toscana, finalmente mi si era presentata l'occasione!
Vado un panetteria ad acquistare il pane toscano, quello casereccio sciapo, e via a casa ad ammollare i fagioli cannellini!
Ho preso spunto dala ricetta di Giovanna, una cara amica di blog, toscana di Firenze, con qualche leggera variazione personale. Grazie Giò!




Ingredienti (per 4 persone)

200g di fagioli cannellini
2 mazzetti di cavolo nero
2 patate medie
2 carote
2 canne di sedano
1 cipolla
3 cucchiai di passata di pomodoro
4 fette di pane toscano
5 cucchiai di olio evo
Sale
Pepe
Timo





Dopo aver fatto ammollare i fagioli per 12 ore, lessarli in 2 litri di acqua fredda, a fuoco bassissimo per un paio di ore. Evitare di salare  per evitare che i fagioli si rompano in cottura, si aggiusta di sale solo dopo aver spento il fuoco.

In una pentola di coccio scaldare l'olio, rosolare la cipolla tritata, le carote e il sedano tagliati a rondelle, il timo e le patate a pezzetti. Aggiungere la passata di pomodoro e il cavolo nero privato delle coste e tagliato a listarelle.
Salare, pepare, rimestare e far cuocere per 1 ora e mezza con il coperchio, aggiungendo un poco di acqua, se si asciugasse troppo.
Aggiungere i fagioli dopo averne passato la metà al passaverdure.

Tostare il pane (se fresco) in griglia  e tagliarlo a fette sottili, aggiungerlo alle verdure.
Far sobbollire 10 minuti, rimestare in modo che il pane si amalgami.

Servire tiepida.

3 commenti:

  1. Un piatto della tradizione sempre buonissimo, peccato che come te non riesca a trovare sempre il cavolo nero, un bacione!

    RispondiElimina
  2. Ha proprio un bell'aspetto, molto invitante, colorata e saporita. Per me è perfetta :)
    A me non servirebbero nemmeno le posate, mi basterebbe solo quel pane!!!!

    RispondiElimina
  3. Non posso che farti i miei migliori complimenti x questa perfetta preparazione! Anche se qui le temperature sono più da insalata che da zuppa, una scodella me la papperei volentieri :-P

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!