martedì 4 febbraio 2014

Strudel di mele con Granny Smith e panettone riciclato

Ieri era San Biagio, e il panettone per questa festività veniva assolutamente consumato, era una tradizione sia a Milano che nei dintorni.
Quando era piccola c'era pure lo sconto, il  2x1, non si poteva non approfittare!
Oggi che, con i supermercati, ci mangiamo i panettoni da ottobre a fine dicembre, e pure già in sconto, per S. Biagio, bisogna andare in pasticceria per poter far fede alla tradizione, altrimenti ci mangiamo la colomba!!!
Per ovviare a questa cosa, ho pensato ad una preparazione con un riciclo di panettone.
Questa idea mi è stata passata dalla mia cara amica di piscina, ricordate quella della salsa di pomodori verdi (qui)?
Anche questa ricetta è stata un successo e ve la giro volentieri....




Ingredienti
1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
4 fette di panettone
2 mele Granny Smith (anche Golden o Pink Lady)
2 cucchiai di rum
cannella
1 uovo
zucchero a velo




Tagliare a quadrotti il panettone metterlo in una ciotola e bagnarlo con il rum (deve essere un umido, ma non troppo).

Srotolare la pasta, disporre al centro il panettone con il rum, le mele affettate sottilmente (dopo aver tolto la buccia), e sopra cospargere con cannella in polvere (a piacere).









Sbattere un uovo intero con la forchetta, spennellare i bordi, in modo che si sigilli meglio, chiudere a pacchetto la sfoglia, formando il classico rotolo di strudel.

Spennellare con l'uovo tutta la superficie e fare tagli trasversali utili a far uscire il vapore in cottura.

Cuocere in forno già caldo a 180°C per 25 minuti, funzione statico.

Servire tiepido, spolverizzato con zucchero a velo.

Con questa ricetta a base di mele, partecipo al WHB, che è una iniziativa creata da Katlyn del blog  Kalyn's Kitchen, gestito, nella versione internazionale, da  Haalo del blog Cook (almost) anything at least once  e nella versione italiana da Brii del blog  Briggishome.
Questa settimana il WHB#419 è ospitato da Terry del blog Crumpets and Co.

12 commenti:

  1. Riciclo molto goloso :)
    Una ricetta interessante, da tener presente.
    Un bacio

    RispondiElimina
  2. In effetti anche noi rispettiamo la tradizione, essendo la nonna di mio marito genovese, prepara dei panettoni (variante alla genovese) e li conserva in dispensa fino a questa festività, e noi apprezziamo mantenere le tradizioni. L'uso in una ricetta lo rende davvero unico!!!

    RispondiElimina
  3. Mi piace da morire questo strudel . Adoro le mele verdi e poi il panettone al posto del pangrattato è proprio una chicca . Complimentissimi !!!!
    Un bacio

    RispondiElimina
  4. Che delizia Elena!! Da provare alla prima occasione!!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  5. Finchè vivevo con i miei la fettina di panettone di san Biagio la mangiavo anch'io...uscita di casa ho perso questa tradizione...Questo strudel è veramente delizioso!!!

    RispondiElimina
  6. bellissima idea riciclo, te la copio sicuro!!!

    RispondiElimina
  7. goloso!! strudel e panettone sono da soli delle cose divine, insieme la perfezione!

    RispondiElimina
  8. idea davvero super per reciclare il panettone e poi renderà ancora più gustoso lo strudel!!

    RispondiElimina
  9. Meraviglioso strudel..ma no che questa di San Biagio non la sapevo! E ora? Ho un panettone ancora...che faccio? Lascio perdere ieri e ti copio? Mi sa di si ...baci, Flavia

    RispondiElimina
  10. l panettone del dopo feste lo ricicliamo spessissimo pure noi, finita la stagione hai già voglia di passare a crostoli e frittelle, quindi le idee di riutilizzo sono sempre ben accette.
    Buonissima la tua proposta di unirlo alle mele dentro questo strudel sfogliato. Da una marcia di gusto in più.
    baci baci

    RispondiElimina
  11. Adoro lo strudel di mele e il tocco del panettone mi piace... Si inzupperá di bontá ulteriore con questo ripieno! :)
    Grazie per il tuo contributo al WHB!
    Baci
    Terry

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!