lunedì 2 luglio 2012

Zuppa Inglese

Buongiorno e buon lunedì a tutti!

Il tema di oggi per l'iniziativa Cibo e Regioni - Idee dall'Italia che cucina: dolcezze estive

Dite la verità, golosoni, che il tema vi piace.....dovete ringraziare Babi e Renata, sono loro le organizzatrici!

Effettivamente, è piaciuto anche a noi, siamo della stessa pasta?
Nel mio caso ho pensato di preparare la Zuppa Inglese, un classico dolce al cucchiaio della mia regione.
Pare che sia nato alla corte degli Este, a Ferrara, dove un diplomatico proveniente dall'Inghilterra chiese di preparargli in Trifle, tipico dolce inglese a base di panna montata e strati di pasta lievitata imbevuta nel liquore. I cuochi variarono la ricetta, sostituirono la panna con la crema pasticcera e il pan di spagna alla pasta lievitata, rendendola più gustosa e chiamandola per questo "zuppa inglese".
Solo più tardi si introdusse gli stati alternati con la crema al cioccolato e l'uso dell'alchermes (liquore speziato dal tipico colore rosso) per renderlo visivamente più accattivante...

Ingredienti per 4 coppette
crema pasticcera (preparata con 500ml di latte) (io, crema Bimby)
50g di cacao amaro
pan di Spagna o biscotti savoiardi
liquore Alchermes
cioccolato fondente grattugiato

A mezza dose di crema pasticcera si unisce il cacao e si mescola con cura.

Si assemblano le coppette mettendo sul fondo i biscotti inzuppati nel liquore, poi la crema al cacao, altri biscotti inzuppati e infine la crema pasticcera gialla.

Si decora a piacere e si serve dopo aver tenuto in frigorifero almeno 4 ore.




Questa è la ricetta della tradizione, buonissima, ma dato che per  la stagione mi sembrava troppo ricca (oggi si sono sfiorati i 35°C), ho deciso di variare la crema pasticcera...troppe uova!
Ho usato la crema Bimby, un classico per chi possiede questo elettrodomestico, ma per chi non lo possiede mi sembra giusto condividerla...

Crema Bimby
500ml di latte
50g di farina
100g di zucchero (io 120g)
2 uova intere
1 scorza di limone grattugiato

Unire tutti gli ingredienti nel boccale, tranne il limone, impostare 7 minuti a 90°C vel.4. Inserire la scorza grattugiata di limone e miscelare (è possibile unire tutti gli ingredienti in un polsonetto e cuocere a fuoco dolce continuando a mescolare).
Terminata dividere la crema in due, aggiungere il cacao e  mescolare a vel 4 per 10sec. per ottenere la crema al cioccolato.


Ed ora vi invito a gustare le specialità delle altre regioni...

CALABRIA: Crema Reggina di Rosa ed Io
SICILIA: Biancomangiare di Cucina che ti Passa
TOSCANA: Panna cotta all’amarena  di Non Solo Piccante
LOMBARDIA: Crema del Lario di L’Angolo Cottura di Babi
VENETO: Rosada veneta di Semplicemente Buono

FRIULI VENEZIA GIULIA: Palatschinken di Nuvole di Farina
PIEMONTE: Crema frèida e amaret di La Casa di Artù
EMILIA ROMAGNA: Zuppa inglese di Zibaldone Culinario
TRENTINO ALTO ADIGE:  Budino di albicocche di A Fiamma Dolce
PUGLIA: Coppette di ricotta e amarene di Breakfast da Donaflor
LIGURIA:  Bonetto giancomangià di Un’arbanella di Basilico
UMBRIA:  Crema pasticcera al Caffè di 2 Amiche in Cucina   
ABRUZZO: Lattacciolo di In Cucina da Eva


Con questa ricetta partecipo all'Abbecedario culinario d'Italia organizzato da Trattoria MuVarA e ospitato, per le ricette della Emilia Romagna, dal blog  Curiosando in cucina
e al Ricendario 2013 di Sara e Vicky

18 commenti:

  1. Ma cara Elena sono io che ringrazio te per questa golosità...troppo bella la foto di quei bicchieri carichi di piacereeeeeeeeeeeeeee messi in fila ad aspettare il turno del prossimo goloso...potrei essere io?ahahahahahahah
    Un bacione e BUONA SETTIMANA
    che dai che così non può che iniziare benissimo!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Buongiorno cara!!!!E che golosità quei bicchierini!!!!Non sapevo fosse una ricetta della tua regione!!!(probabilment poi..ci si "contamina":-))E ti è venuta meravigliosamente bene!!!!Molto elegante!!Un bacione

    RispondiElimina
  3. Grazie a te carissima Elena, quella meravigliosa fila di coppa sembra pronta per essere assaggiata! E io non mi tiro certo indietro… grazie per la ricetta classica, ma anch'io condivido l'alleggerimento della tua crema, comunque buonissima. Non conoscevo l'origine e la storia di questo dolce, grazie per le informazioni! Ci hai regalato una presentazione davvero elegante e curatissima, complimenti!

    RispondiElimina
  4. La crema bimby è imbattibile, io la adoro .... e presentata così nella variante di zuppa inglese mi incuriosisce un sacco!
    vedo che io e te oggi abbiamo presentato con lo stesso tipo di bicchiere....che forte!!!

    RispondiElimina
  5. ma che bella! messa nel bicchiere da Martini poi! ciao da Eva!

    RispondiElimina
  6. Mi piace tantissimo e non l'ho mai fatta...ora che ho la tua ricetta non ho più scuse...
    Brava!!!
    A presto

    RispondiElimina
  7. ciao, anche qui da noi si prepara la zuppa inglese, con ricetta simile, buonissima e bella la presentazione, baci

    RispondiElimina
  8. Elenaaaaaaa...una meraviglia quei calici messi in fila...vien voglia di prenderne subito uno! è buonissima la zuppa inglese...ma sai....non sapevo davvero fosse emiliana! una presentazione sublime!!!
    bacioni e buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma sai che non lo sapevo nemmeno io..l'ho scoperto per caso studiando pre la nostra rubrica...bacie grazie

      Elimina
  9. ma sai Elena che la tua zuppa inglese è favolos apresentata così? ma sei stata veramente bravissima non solo nel farla (lì non c'erano dubbi, in cucina sei grande), ma anche nel creare questi abbinamenti cromatici che fanno mangiare la crema già così con gli occhi. un bacione cara e grazie di tutto

    RispondiElimina
  10. Siiiii che mi piace!!ma da golosa posso dirti che è solo una tortura vedere tutte queste bontà hihihiihhi!!ciaoo caraaa

    RispondiElimina
  11. Andiamo pazze per la zuppa inglese! tu l'hai presentata divinamente
    non è che te ne è rimasta una coppa??
    Buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  12. Ciao Elena, la tua zuppa è una meraviglia! Mi metto in coda per avere il mio assaggio.... bacioni

    RispondiElimina
  13. grazie, grazie a tutti dei complimenti...questo dolce mi piace ma non sapevo nulla dell'origine e della sua tradizione... diciamo che mi sono preparata per questa rubrica che, a mio parere, è sempre più bella e interessante, baci e buona settimana

    RispondiElimina
  14. Già solo la presentazione con tutti i calici in fila è estremamente invitante! Ottimo dessert anche il tuo Elena!!!

    RispondiElimina
  15. Ciao Elena, la zuppa inglese è il dolce preferito (o quasi) di ello :-) però, udite, udite, non l'ho mai fatta, a parte una versione con le pesche che mi ha passato la mia compagna di merende Tiziana, ora vedrò di mnettermi all'opera. ciao.

    RispondiElimina
  16. Anche in Toscana si prepara spesso la zuppa inglese, è un dolce tipico anche dalle nostre parti.
    E' assolutamente squisita la tua versione. Viene davvero voglia di immergere il cucchiaino in quelle coppette.

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!