domenica 9 ottobre 2011

Castagnaccio o Patona

Il castagnaccio è un piatto "povero" a base di farina di castagne, molto diffuso nelle zone appenniniche, dove le castagne erano alla base dell'alimentazione dei contadini. Nel piacentino viene chiamato "Patona" e un tempo era considerato la merenda degli scolari, era venduta da ambulanti in vicinanza delle scuole o subito dopo il catechismo; mia madre mi raccontava che sperperava tutta la paghetta settimanale per comprarsela.
Il segreto è nella qualità della farina essendo in pratica l'ingrediente essenziale e la migliore si trova in questa stagione è impalpabile e dolce.
Purtroppo avevo ancora un sacchetto dello scorso anno e per questo consiglio di setacciare per renderla ben areata ed evitare poi la presenza di grumi.



Ingredienti
250g di farina di castagne setacciata
3 cucchiai di olio evo
1 pizzico di sale
300ml di acqua
30g di mandorle (è una mia variante, ci vorrebbero i pinoli)
40g di uvetta
1 rametto di rosmarino


Ammollare l'uvetta nell'acqua tiepida per almeno 30 minuti (io passo al microonde per 40 sec, e poi in 10 minuti è ok!).
Mettere in una ciotola la farina, il sale, l'olio, e poi aggiungere lentamente l'acqua mescolando con una frusta ( ho usato il bimby, ho messo nel boccale tutto tranne l'acqua, poi ho azionato a vel. 3 e unito lentamente l'acqua il tutto in 1,30 min).



Si aggiunge l'uvetta e poi si mette in una teglia di diametro 18cm, foderata con carta forno bagnata strizzata e pennellata con l'olio.
Spargere sulla torta mandorle tagliate grossolanamente e aghi di rosmarino.






Cuocere in forno caldo a 180°C per 45 minuti.
A fine cottura deve risultare morbido,di colore marrone scuro e sulla superficie ci devono essere delle piccole crepe.



Con questa ricetta partecipo al contest di Matteo del blog "Dentro la pentola"

9 commenti:

  1. la patona!!!! mia nonna pontremolese me la faceva sempre, cotta nei "testi", troppo buona! grazie per avermela fatta ricordare, ti è venuta benissimo e approvo anche la variante "eretica" delle mandorle ;)

    RispondiElimina
  2. Mi piace tantissimo! Anche da noi si usa tantissimo.

    RispondiElimina
  3. Sono anni che non mangio il castagnaccio. Devo provvedere.

    RispondiElimina
  4. La Patona!!! A me non piace però ai miei genitori si... magari faccio loro una sorpresa: grazie per la ricetta!
    Ciao

    Ilaria di ATuttaCannella!

    RispondiElimina
  5. è il mio dolce con le castagne preferito, a te è venuto splendidamente. bacio

    RispondiElimina
  6. @Cristina:sì, sì anche la mia nonna lo preparava, ma semplice semplice senza elementi estranei, solo farina di castagne.
    @Tinny: mi fa piacere, pensavo che la farinata la facesse da padrona...
    @Fr@: Buon lavoro! ;)
    @Ilaria: è un dolce poco dolce e non a tutti piace... un bacio!
    @Memole: bene, un bacio!
    @Matteo: incrocio le dita!
    @Stefania: grazie... bacioni

    RispondiElimina
  7. Me l'ero perso e sarebbe stato un vero peccato. Il tuo poi è venuto bello altino e dalle "screpolature" pare anche croccantino.

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!