martedì 17 novembre 2020

Risotto di pomodori al forno e fonduta di caciocavallo

 


Questo mese sono riuscita a partecipare al gioco Scambia-ricette del gruppo delle bloggalline, la sorte ha voluto che mi abbinassero all'unico bloggalletto presente Giuseppe, sì, proprio Peppe ai Fornelli, un foodblogger che conosco da tempo e che ci delizia con tante ricette sempre ottime. Appena ho saputo sono andata a sbirciare sul suo blog, non sapevo da che parte iniziare, poi mi sono detta-Perchè non trarre  spunto dalle ricette pugliesi?- Così ho fatto e alla vista di questo risotto, non ho resistito!

Il bello di questa ricetta, a parte l'insieme dei sapori e dei colori, è come vengono preparati i pomodori: sono al forno e ben conditi con aromi e formaggi, si frullano poi per formare un sughetto speciale. Questo andrà a condire il riso, ma possiamo utilizzarlo pure come sugo per un piatto di spaghetti veloce oppure anche per "rinvigorire" un secondo (uova o fettina di carne) un po' sciapo!

Quindi, ottimo questo risotto, che a tavola è stato molto apprezzato, ma di questa ricetta bisogna valorizzare anche la preparazione dei pomodori al forno, una vera scoperta per me!


Ma ecco il risotto con pomodoro al forno alla pugliese e fonduta di caciocavallo di Peppe

Ingredienti
per 4 persone
Pomodori prima della cottura

360 g di riso carnaroli
1kg di pomodorini maturi
1,5 l di brodo vegetale
2 cipolle piccole
1 spicchio di aglio
origano
100 g di formaggio parmigiano
olio evo
due noci di burro
basilico 
100 g di caciocavallo stagionato 
150 ml di panna da cucina
Sale e pepe 


Preparare i pomodori al forno: dopo aver lavato e  tagliato a pezzi i pomodorini, condirli con olio, aglio cipolla, basilico e origano, aggiustare con sale, pepe e zucchero.  Sistemare i pomodori nella teglia del forno dopo averla foderata con carta forno. Grattugiare  una generosa manciata di parmigiano e poi infornare a 160°C  per circa 30 minuti e fino a quando non si sarà formata una bella crosticina in superficie. 

Pomodori dopo la cottura al forno

Togliere dal forno e lasciar raffreddare.  Versare in un bicchiere alto i pomodori al forno e poi con l’aiuto di un frullatore ad immersione, frullare  il tutto e se necessario,  aggiungere un po’ di acqua calda per portarlo alla densità voluta (salsa molto profumata e saporita ideale anche per condire una pasta veloce). Peppe suggerisce  di passare al setaccio se la volete assaporare senza piccoli pezzi di buccia di pomodoro o foglie di basilico)

Preparare la fonduta: riscaldare la panna, circa 45-50 gradi, aggiungere il caciocavallo grattugiato e mescolare bene se risultasse non ben sciolto scaldare ancora 1 minuto.

Preparare il risotto: in una casseruola larga e bassa soffriggere con olio e un pezzetto di burro la cipolla tritata finemente e lasciar imbiondire. Versare il riso e farlo tostare per qualche minuto, coprire con brodo vegetale caldo. A metà cottura versare almeno 2 mestoli di salsa di pomodoro al forno e continuare la cottura aggiungendo se necessario altro brodo vegetale. LA cottura avviene di solito in 15-17 minuti, controllare sulla scatola.  Un minuto prima della fine spegnere il fuoco e mantecare con un cubetto di burro ben freddo,  parmigiano, un mestolino di fonduta.

Lasciar riposare il risotto per 1 minuto prima di servire. A piacere decorare con petali di pomodoro, basilico  e goccioline di fonduta di caciocavallo. 

6 commenti:

  1. Ma buonissimo questo "risutin" con il pomodoro al forno (un valore aggiunto notevole!) e quella fonduta che mi fa mettere gli occhi a cuoricino! Un bacio

    RispondiElimina
  2. Ma che risotto gustoso! Quei pomodori fanno venire l'acquolina ^_^
    Ottimo piatto!
    Un bacio

    RispondiElimina
  3. Semplice e gustoso! Molto mediterraneo.

    RispondiElimina
  4. Gustosissimo questo risotto!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  5. Un gran bel piatto! Ottima la scelta e specialmente la preparazione. sono contentissimo che questa mia ricetta ti sia piaciuta. un abbraccio,Peppe.

    RispondiElimina
  6. Mi piace moltissimo l'idea di questo risotto e deve essere superlativo!
    Grazie per la ricetta Ele e felice we <3

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!
Ricordati però che utilizzando questo form, si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito.