domenica 12 ottobre 2014

Pabassinos, biscotti sardi per Quanti modi di fare e rifare


Oggi noi del gruppo di Quanti modi di fare e rifare siamo andate a "biscottare" da Pinko Pallino.
Abbiamo preparato dei biscotti sardi, i Pabassinos o Pabassinas,il nome dipende dalle zona, che vengono consumati per la festività dei Santi e dei morti. Venivano regalati ai bambini che andavano di casa in casa a fare la questua per i morti, oppure venivano lasciati sulle tavole apparecchiate la notte del primo novembre per le anime dei cari defunti. Queste tradizioni sono sempre molto affascinanti, non trovate anche voi?
Non avevo mai assaggiato questi biscotti e nemmeno avevo usato nella pasticceria secca lo strutto, devo dire che sono eccezionali, e mi hanno dato una gran soddisfazione, prima di tutto per la ricetta che era perfetta e descritta nei minimi particolari e poi perchè sono proprio buoni!!!!
Croccanti, non troppo dolci e quel lieve aroma di anice dà la marcia in più al sapore.
Grazie Pinko, è stata una piacevole scoperta, anch'io li preparerò per la festa di Ognissanti, e li lascerò sul tavolo quella notte, ci tengo a farli assaggiare a qualche anima speciale!

Ingredienti per 20 biscotti
170g di farina
80g di nocciole tostate
50g di uva sultanina
45g di zucchero
45g di strutto
1 uovo
10g di semi di anice
6g di lievito per torte
scorza di limone grattugiata
per la glassa
150g di zucchero
4 cucchiaini di acqua
3 cucchiaini di succo di limone
codette colorate

Dopo aver messo l'uvetta in ammollo in acqua fredda e lasciata per un paio di ore (ricordare sempre di lavarla più volte, in quanto spesso è trattata con anidride solforosa), tritare grossolanamente le nocciole.

In una ciotola inserire la farina, il lievito, lo zucchero, la scorza di limone, lo strutto, l' uova intero, iniziare ad impastare, una volta amalgamato il tutto unire i semi di anice, l'uva passa strizzata ed asciugata con la carta assorbente, le nocciole.

Lasciare riposare per una mezz'oretta in frigorifero e poi schiacciare con un mattarello in modo da formare una sfoglia di circa 1 cm di altezza.

Con la rotella della pizza o un coltello a lama liscia, tagliare tanti rombi.

Cuocere in forno ben caldo, 180°C per 20 minuti funzione lievitati,  quando risultano ben colorati saranno cotti.

Lasciar raffreddare e nel frattempo  preparare la glassa: mettere lo zucchero a velo in una ciotola e bagnare a poco a poco con acqua e succo di limone (un cucchiaino alla volta) sino ad ottenere un composto bagnato ma non troppo, della consistenza giusta per essere spalmato sui biscotti.

Procedere con la glassatura e subito con la decorazione, cospargendo con le codette la glassa ancora bagnata.




Questo assaggio è per voi e non dimenticate che il prossimo mese saremo da Nadia con i Casoncelli della Val Camonica, sono buonissimi.......non mancate!!!






Con questa ricetta partecipo a  Quanti modi di fare e rifare

13 commenti:

  1. Buongiorno carissima Elena e ben ritrovata!
    Eccoci qui di nuovo tutti insieme, tra caldi, confortanti colori autunnali e deliziosi profumini che si diffondono mensilmente nella nostra gioiosa cucina aperta!
    Anna e Ornella ti ringraziano calorosamente per la bellissima versione di Sos Pabassinos e ti aspettano, domenica 9 novembre, nella cucina della brava e cara Nadia per preparare i Caronsei!

    Baci
    Cuochina

    RispondiElimina
  2. Carissima Elena, sono contenta che ti siano piaciuti, li hai realizzati perfettamente!!
    Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  3. Ciao Elena, davvero buoni questi dolci, il tuo pacchetto regalo è bellissimo verrà senz'altro apprezzato da qualche anima speciale, alla prossima!

    RispondiElimina
  4. Non sai cosa darei per assaggiarne uno, bravissima!

    RispondiElimina
  5. Sono veramente golosi!!...baci

    RispondiElimina
  6. Troppo carini i tuoi pabassinos così infiocchettati, sono deliziosi!!!!

    RispondiElimina
  7. Ma quel pabassinos infiocchettato è troppo bello..... proprio buoni vero? Baci a domani

    RispondiElimina
  8. Ciao Elena, che carini i pabassinos in versione regalo!!! Anche noi ne abbiamo regalati alcuni, ma non li abbiamo infiocchettati così bene!!!
    Un bacio

    RispondiElimina
  9. ciao Elena,
    che bello questo pabassinos-post:
    romantico: fiocco in tulle
    tecnologico: ipad per seguire passo passo la ricetta
    pratico: rotella per pizza che è una gran bella idea!
    Complimenti Elena e a presto
    un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  10. E' deliziosa la tua versione infiocchettata.

    RispondiElimina
  11. Bellissimi con il fiocchetto rosa :)
    Un bacio e buona settimana

    RispondiElimina
  12. Bellissimi complimenti ottima presentazione!!!!!
    Ti aspetto da me il mese prossimo ......
    Un abbraccio :-)))

    RispondiElimina
  13. Che carini i tuoi pabassinos! Anch' io ero diffidente ad utilizzare lo strutto in dolci, ma avevo gia preparato dei biscotti natalizi greci l' anno scorso ed erano venuti molto speciali.
    Alla prossima!

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!