venerdì 20 dicembre 2013

I roccocò morbidi napoletani per L'Italia nel piatto

Oggi è il 20, e come ogni mese in questa data c'è la rubrica di ricette regionali L'Italia nel piatto... qualcosa non vi sconfifera nel titolo?
Ma come lo Zibaldone non è emiliano???? E allora cosa ci fa una ricetta napoletana?
Vi svelerò subito l'arcano...questo mese vi abbiamo voluto confondere le idee!!!
Ma no scherzo!
Questo mese come regalo di Natale, ci siamo scambiati,  una ricetta ed ecco il risultato....

Valle D'Aosta: Parrozzo abruzzese in finger food del blog Cinzia ai fornelli

Piemonte: Ricciarelli di Siena del blog La casa di Artù

Lombardia:  Ciambelline Arance e Mandorle del blog del blog Le delizie della mia cucina 

Trentino Alto Adige: Gnocco fritto e buslanei del blog A fiamma dolce

Veneto: Arancini rustici siciliani  del blog Le tenerezze di Ely 

Friuli Venezia Giulia: Pasticcini pugliesi di mandorle del blog Nuvole di farina

Emilia Romagna:  I roccocò morbidi napoletani  del blog Zibaldone culinario

Liguria: Risotto con patate e cipolle di tropea al profumo di rosmarino del blog Un'arbanella di basilico

Toscana: Kugelhupf triestino di Stefania del blog Non solo piccante 

Umbria: Lo Zelten del blog 2 amiche in cucina 

Abruzzo: Tortionata di Lodi del blog In cucina da Eva

Molise: Pan de le feste del Veneto del blog La cucina di mamma Loredana

Lazio: Il pane di Matera del blog Chez Entity

Campania: Tagliatelle con le noci del blog Sapori del Mediterraneo

Puglia: Ubriachelle romane del blog Breakfast da Donaflor

Basilicata: Risotto dei contadini Piemontesi del blog In cucina con Nanà

Calabria: Birbanti del blog Io cucino così

Sicilia:  Mestecanza Molisana del blog Cucina che ti passa

Sardegna: Pandolce genovese  del blog Arte in cucina

Nel mio caso come vedete dalla foto mi sono esibita nei roccocò, biscotti natalizi tradizionali della regione Campania.
Mi ispiravano parecchio, era dallo scorso anno che avrei voluto provarli, unico mio problema era recuperare il PISTO, ma Pasquale nella ricetta aveva dato dei suggerimenti su come preparalo risolvendomi la situazione!
La ricetta era perfetta, giusta giusta, nessun problema di sorta, l'impasto della giusta consistenza i profumi complessi ma ben equilibrati.
Appena sfornati  ho dovuto lottare per riuscire a fare la foto!!!
Sono dolcetti deliziosi, saporiti e profumati che fanno tanto Natale, l'aggiunta di bicarbonato e di bitartrato di potassio (cremor tartaro) li ha resi piuttosto morbidi ideali da sgranocchiare, ma anche da intingere in un buon vino passito!
Grazie Pasquale!!


Ingredienti per 10 biscotti

200 g di farina "00"
50 g di zucchero
80 g di miele
2 g di bicarbonato di solio
2g di bitartrato di potassio (cremor tartaro)
80 g di mandorle tritate
10 g di pisto (2g di cannella, 2 g di chiodi di garofano, 2g di anice stellato, 2 g di coriandolo, 2g di noce moscata, un pizzico di pepe bianco)
scorza di arancia candita
1 cucchiaino di cacao amaro (consigliato da Pasquale)
50ml di di acqua
un pizzico di sale

1 uovo
1 cucchiaino di latte
40 mandorle intere pelate


Preparare il pisto, pesare le spezie, inserirle al mortaio e pestare.

Passare il tutto al setaccio e unirle alla farina, a cui si aggiunge zucchero, miele, arance candite, sale, mandorle tritate, cacao amaro e gli agenti lievitanti, bagnare con l'acqua, aggiungendola poco alla volta, e impastare il tutto.

Formare un palla e far riposare per dieci minuti circa.

Trascorso il tempo dividere l'impasto in 10 parti, formare tanti filoncini e inserire in questi le mandorle intere.

Chiudere i filoncini a ciambella (dimensioni circa 10cm di diametro) e schiacciare un poco con il palmo dando la forma del caratteristico roccocò.

Posizionarli su carta forno, un poco distanziati tra di loro, perchè durante la cottura tendono a gonfiarsi.

Spennellare con uovo intero sbattuto con latte (mia variazione perchè avevo già pronto questa miscela utilizzata nella preparazione di una torta salata...e qui vige la regola che non si butta niente!).

Cuocere in forno già caldo, a 180°C per 13-15 minuti funzione lievitati.

Raffreddare prima di servire.

Questa ricetta partecipa alla raccolta dell'Italia nel piatto:

21 commenti:

  1. Belli!!! Non li ho mai assaggiati e mi spiace assai!!!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  2. ma quanti dolcetti strepitosi oggi tra le ricette pubblicate, li rifarei tutti, uno ad uno....questi devono essere favolosi!!!

    RispondiElimina
  3. Questi biscotti mi sono stati regalati diverse volte e sono buonissimi!!! Devo provare ricetta :-) un bacione enorme :-)

    RispondiElimina
  4. non li ho mai provati ma mi ispirano molto, mi segno la ricetta!

    RispondiElimina
  5. Elena mi sa che hai dovuto fare una bella lotta per tenere i roccocò per fare le foto!!
    Da quando sono buoni non si può resistere a lungo! Sei stata davvero BRAVISSIMA!!!
    un bacioneeeeee <3

    RispondiElimina
  6. Chissà che buoni!! non li ho mai provati purtroppo.. dovrò rimediare!!

    RispondiElimina
  7. neanche io mai provate, ma belle speziate come piace a me, un bacio

    RispondiElimina
  8. Credo di averle assaggiate nei miei passati "campani"... e a dirti il vero già Pasquale mi aveva fatto venir la voglia... adesso ti ci metti anche tu nella bella realizzazione... e poi sei trooooppo convincente! Un abbraccio amica mia!! grande!

    RispondiElimina
  9. Ignoro cosa sia il bitartaro di potassio e mi rubo una bella manciata di queste delizie :-P
    Un bacio
    la zia Consu

    RispondiElimina
  10. Che buoni anche i tuoi dolcetti Elena, hai scelto benissimo. A presto, un bacio

    RispondiElimina
  11. Bellissimi...sai che quasi quasi li provo? Io il pisto ce l'ho: regalo di mia sorella :) devo pur usarlo ora....
    Un bacio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  12. Li conosco benissimo e..ti sono venuti magnificamenteeee!!!! e' stata la ricetta top del mio blog lo scorso anno e sono certa che anche quelli di Pasquale siano divini!!!!! Lui è grandioso ed io spero di avere inorato la tua splendida regione, mi sono divertita un sacco!! GRAZIE!!! Un bacioneeee

    RispondiElimina
  13. sono carinissimi! spero di provarli presto, solo che devo procurarmi il bitartrato di potassio.... e poi vedremo

    RispondiElimina
  14. Grazie grazie a tutti ...ho aggiunto ora che il bitartrato di potassio è il cremor tartaro...scritto in "chimichese" è utile per poterlo acquistare in farmacia... è per quello che l'ho scritto... provatelo, io lo preferisco al classico lievito, aggiungendo però anche una punta di bicarbonato....

    RispondiElimina
  15. perfetti! nn so se riesco a farli non ho molto tempo quest'anno, peccato, sono buonissimi!

    RispondiElimina
  16. Splendidi! Il profumo sembra arrivare fin qui...
    Buone feste a te e ai tuoi cari e a rileggerci presto!

    RispondiElimina
  17. Il roccocò era un dolce immancabile a casa dei miei, l'ho sempre detto che Molise e Campania sono vicinissimi come gastronomia.
    Mi piace molto la ricetta di Pasquale, in effetti quelli che si usavano dai miei erano "spaccadenti" e preferisco un approccio più soft!

    Buone feste e auguri di cuore a te e ai tuoi cari :)

    RispondiElimina
  18. Anche in Toscana si usa spesso un misto di spezie per i dolci natalizi e spesso saperne il vero contenuto diventa un lavoraccio. Fortuna che c'erano tutte le indicazioni perché se chiedevi del pisto dalle tue parti forse ti prendevano per matta... :-)
    Hanno proprio un bellissimo aspetto questi biscottini. Viene voglia anche a me di replicarli...
    Ti lascio un grande abbraccio e ti faccio tantissimi Auguri per un Sereno e Felice Natale.

    RispondiElimina
  19. come ne vorrei mordere uno...che spettacolo, buone feste

    RispondiElimina
  20. Bravissima Elena e grazie di aver scelto questi biscotti natalizi millenari.
    Bellissima uscita, ci siamo divertiti...
    Buon Natale

    RispondiElimina
  21. penso avrei scelto anch'io i roccocò napoletani...!
    sono dei dolci che fanno subito allegria sulla tavola delle feste! bravissima!
    un bacione e buone feste

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!