domenica 6 maggio 2012

Ravioli di pere su fonduta di taleggio...per Quanti modi di fare e rifare....

Nell'ambito dell'iniziativa "Quanti modi di fare e rifare", questo mese si provava la mia ricetta di ravioli alle pere, come è andata? Vi è piaciuta?
L'ho riprovata anch'io, e ho voluto cambiare il condimento, ho utilizzato il formaggio, non tanto per mantenere fede al detto, ma perchè lo avevo già assaggiato in un ristorante e così ho preparato una fonduta con il taleggio, morbida e saporita, che si combinava bene con il ripieno alle pere, tendenzialmente dolce.
Ho utilizzato delle pere diverse dalle williams, le passa crassana, che a detta del fruttivendolo erano adatte  (eh sì, ha trovato proprio me per darla a bere!!!)!!!
Non l'avevo mai vista,da mangiare come frutto è buono e saporito, ha una pezzatura grande con un sapore un poco aspro e la polpa  grezza e granulosa.E' proprio questo ultimo aspetto che, secondo me, non le rende adatte all'uso. 
Ne ho usata solo 1 e mezzo (pesata questa volta 250g !!!), il ripieno, assaggiato al momento, non era buono come la scorsa volta, però poi una volta cucinati devo ammettere che la polpa granulosa e soda non era poi così male...
Ma passiamo alla ricetta....


Ingredienti per 4 persone

Pasta all'uovo
250g di farina
2 uova
1 cucchiaino di olio evo
sale
un goccio di acqua
Ripieno
1 pera passa crassana (non troppo matura)
250g di ricotta
50g di grana padano grattugiato
1 uovo
sale e pepe
Condimento
200g di taleggio Dop
150 ml di latte
aceto balsamico tradizionale
semi di papavero

Preparare l'impasto utilizzando l'impastatrice o facendo la classica fontana in cui verranno messe le uova, la farina e un cucchiaino di olio. Impastare con le mani per circa 10 minuti se mancasse di umidità si può aggiungere un goccio di acqua.
Avvolgere con la pellicola e far riposare per 30 minuti.

Preparare il ripieno, si monda la frutta e si taglia a piccoli cubetti. In una ciotola unire la ricotta, l'uovo, il formaggio, mescolare con cura e infine aggiungere le pere dopo aver aggiustato di sale e pepe.

Dopo aver fatto riposare la pasta, utilizzando la macchina, sfogliare l'impasto, passandolo più volte tra i rulli impostati a distanza sempre più ravvicinata.
Si termina passando nell'ultimo foro (il più sottile, è come la preferisco, ma volendo una pasta più spessa si può utilizzare il penultimo).
Dopo aver fatto le sfoglie si posiziona il ripieno, con l'aiuto di un cucchiaio e un coltello, e si chiude facendo attenzione a far uscire l'aria dal raviolo (in cottura la presenza potrebbe provocare la rottura). Si tagliano con l'apposito attrezzo o la rotellina.

Per il condimento si ammolla il taleggio tagliato a cubetti nel latte per un paio di ore,  si scola e si scioglie al microonde per circa 40 sec potenza massima, oppure si scioglie con l'aiuto di un poco di latte in un pentolino sul fuoco molto basso.

Cuocere i ravioli in abbondante acqua bollente salata per pochi minuti (se appena preparati), e condire con la fonduta di taleggio.

Spolverizzare con semi di papavero, Parmigiano Reggiano e decorare con aceto balsamico tradizionale (o riduzione di aceto balsamico).











Con questa ricetta partecipo alla bella iniziativa di Anna e Ornella "Quanti modi di fare e rifare...."

26 commenti:

  1. Eccomi Elena, curiosa e bramosa di vedere cosa ti sei "reinventata", questi li ho in programma, Solema ha detto che sono piaciuti molto ai suoi uomini, un abbraccio :-)

    RispondiElimina
  2. Ciao Elena,
    grazie per l'ospitalità.
    E' stato un piacere immenso spignattare tutte insieme.
    Questo mese c'è una bella sorpresa
    vedere qui.
    Baci

    RispondiElimina
  3. Libera:Mi fa piacere, ora aspetto la tua versione, sono curiosa pure io!
    baci!
    Quantimodi...: ...e questa sì che è una sorpresa....ho messo subito il link! Grazie, ottima idea!

    RispondiElimina
  4. Grazie per averci fatto conoscere questo strepitoso ripieno...pur non avendo trovato le pere giuste a casa mia e` piaciuto molto anche ai bimbi!
    francesca

    RispondiElimina
  5. Mamma se mi ispirano con la fonduta e i semini :) Ho ancora un po' di ravioli in freezer, approfitterò di questo gustoso suggerimento. E ancora grazie per avermi fatto conoscere questi fantastici ravioli, sono piacuti anche a mio papà che è sempre diffidente e quasi non ci credevo quando mi ha chiesto di rifarglieli. Hai compiuto un "miracolo" :) Un bacione, buona domenica

    RispondiElimina
  6. Grazie per averci invitato nella tua cucina cara Elena....la ricetta è stupenda! La suocera voleva rubarmi i ravioli già pronti....detto tutto!

    RispondiElimina
  7. ciao Elena,
    buoni... buoni... i ravioli
    Ci siamo proprio divertite a farli e
    a gustarli ...assolutamente da rifare!
    Hai visto che SORPRESONA il blog di Quanti modi....." noi ne siamo molto felici.
    Un bacio Elena e...grazie della ospitalità nel tuo Zibaldone.
    un bacio le 4 apine

    RispondiElimina
  8. wow quella fondutina, mannaggia che non mi è venuta in mente anche a me!!!
    sarebbe una buona scusa per rifarli no? ci sono piaciuti tantissimo elena, grazie!

    RispondiElimina
  9. Ti avrà anche mollato una bufala il tuo fruttivendolo... ma dalla ricetta non sembrerebbe proprio. In fondo anche tu hai ammesso che poi non era male sta granulosità! Brava come sempre, mia carissima omonima! Il taleggio lo adoro in cucina e sicuramente saranno straordinariamente buoni!!! Adesso vado a sbirciare qua sotto che ho intravisto un coccetto davvero davvero goloso!!

    RispondiElimina
  10. Bravissima Elena!!!Ho letto i vari post e i tuoi ravioli sono piaciuti tantissimo...li voglio provare anch'io e bravissima tu a reinventarli
    Ti abbraccio
    Buona Domenica e a domani per la rubrica!!!!!!

    RispondiElimina
  11. Grazie per la ricetta erano buonissimi.
    Questa tipologia di pera che hai usato non mi sembra di averla mai mangiata.
    Con la fonduta ancora più buoni.

    Ciao!

    RispondiElimina
  12. Elena, grazie ancora per averci accolto nella tua cucina con tanto "calore". Ci siamo trovate proprio a nostro agio :D
    Io ho dovuto sostituire le pere con la mela, ma non credo che cambi poi molto.
    Di sicuro sarai contenta del successo dei tuoi ravioli, noi lo siamo per l'affetto che tutti avete dimostrato nei confronti del nuovo blog.
    Ciao e buona settimana.

    RispondiElimina
  13. Ciao, buoni buoni questi ravioli! Pere e formaggio un duo impareggiabile, e diventa perfetto per un primo piatto!
    baci baci

    RispondiElimina
  14. belli lo sono ed io credo che fossero anche molto buoni!
    Sai che ho scritto a Bressanini? L'ho intrigato, credo, ed attendo la risposta di una sua sperimentazione (ah, ah, ah...). Per la verità non mi sono fermata lì... perché "due è meglio che one"! Ormai ho un filo diretto con gli scienziati...
    Un abbraccio divertito. Ciao

    RispondiElimina
  15. Grazie Elena, non vedevo l'ora di mangiare i tuoi ravioli, complimenti, buoni buoni buoni,ma i tuoi con il taleggio di più :-D

    RispondiElimina
  16. mai mangiato le pere nei ravioli :D qualche variazione da parte mia pur lasciando gli ingredienti principali, ricotta e pere.. perfetti! grazie cara! un piatto particolare! ciaoo

    RispondiElimina
  17. Ho provato qualche mese fa un risotto con le pere e devo dire che mi è piaciuto molto. Immagino quindi che anche questi ravioli devono essere straordinari.
    L'abbinamento con la ricotta mi incuriosisce molto.
    Buona serata.

    RispondiElimina
  18. La ricetta mi ha estasiato cara Elena!!la trovo elegante e con una combinazione di gusti irresistibili!!!Io sono una fan scatenata dei ripieni e se sono cois..ancor di più!!!Un bacione e a domani!!

    RispondiElimina
  19. Grazie a tutti dei commenti positivi, mi ha fatto piacere che sia piaciuta a tutti..in casa di ognuno c'è sempre il lavativo, ops, volevo dire l'esigente, che non ama certe preparazioni..mi è parso di capire che siamo riusciti ad annientarli...evvai!!!
    Mi dispiace non essere riuscita a commentare tutti questa mattina, oggi sono stata fuori tutto il giorno... solo ora ho avuto la possibilità di passare nelle vostre cucine, un grosso bacio e buona settimana!!!

    RispondiElimina
  20. Ciao Elena!
    Io questo mese non ce l'ho proprio fatta a partecipare, ma voglio ugualmente farti i complimenti per questa bellissima ricetta che proverò sicuramente e al più presto! :)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  21. @Emanuela: non c'è problema...siamo tutti sempre di corsa e non si può sempre a fare tutto, ti capisco! Quando hai tempo e la possibilità provali, se ti fa piacere cucinali...poi fammi sapere se ti sono piaciuti, ok? Un bacione!

    RispondiElimina
  22. Cara Elena eccomi qui in ritardo scusami...Mi sono piaciuti moltissimo i ravioli sia prepararli che mangiarli!!Ero indecisa anch'io sull'acquisto delle pere, avevo in mano le passa crassana (sono le mie preferite) ma poi ho optato per le Abate fetel..Grazie di cuore per l'ospitalità un abbraccio grande buon inizio settimana

    RispondiElimina
  23. Fantastici elena anche in questa versione, non ho benc apito la questione della pera, dopo la cottura alla fine ti ha soddisfatta? Io come ti avevo detto ho apprezzato moltissimo la ricetta, ne ho ben 4 vassoietti in congelatore,e h si mi sono fatta prendere la mano, ma quando le cose sono buone.... Un bacione e grazie per la ricettina

    RispondiElimina
  24. @Ornella: Grazie di cuore!
    @Stefy: le pere che ho utilizzato erano troppo compatte e all'assaggio del ripieno non mi convincevano, ma quando ho assaggiato i ravioli cotti mi hanno soddisfatto!
    Ti confido che anch'io ne ho un vassoio in freezer... bacioni!

    RispondiElimina
  25. ciao Elena!!! i tuoi ravioli erano veramente spaziali!!! li provero' anche annegati in un mare di taleggio...slurp¨!!!

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!