lunedì 14 maggio 2012

L'Erbazzone reggiano

Questa settimana la rubrica di Babi e Renata Cibo e Regioni presenta:
I rustici
dite la verità che il tema vi sconfifera?
Piacciono a tutti sono sempre così sfiziosi e stuzzicanti, adatti per un antipasto, una cena veloce per una merenda ...insomma ogni momento è quello giusto.
Ho preparato l'erbazzone reggiano, detto scarpazoun in dialetto, è una torta salata con coperchio di pasta non lievitata e con ripieno di bietole o spinaci...una vera bontà.
Questo è il mio erbazzone, lo vorrei precisare perché i puristi potrebbero risentirsene, infatti non essendo di Reggio Emilia potrei essere incappata in errori della tradizione a mia insaputa.
Ho miscelato spinaci  ed erbette...e questo non so se è corretto... in ogni caso è risultato ottimo. Questa cosa non era pensata...quando ho acquistato le erbette mi sembravano già sufficienti, ma alla cottura si sono ridotte parecchio e così ho aggiunto spinaci surgelati (che ho sempre in freezer!). Il parmigiano reggiano l'ho aggiunto a scaglie...mi sembra più saporito.


Ingredienti
500g di erbette fresche già mondate
400g di spinaci (surgelati)
120g di pancetta
1 spicchio di aglio
2 cipollotti
70g di parmigiano reggiano
4 cucchiai di olio
la pasta
250g di farina
70g di strutto (io burro) freddo
1 pizzico di sale
80ml di latte

Impastare velocemente la farina con gli altri ingredienti, e raffreddare in frigo per almeno 30 minuti.
Stufare in padella con coperchio  le erbette utilizzando un poco di olio, aggiungere gli spinaci scongelati, aggiustare di sale e pepe.
Rosolare i cipollotti affettati con l'olio rimanente, la pancetta a piccoli cubetti e l'aglio.
Aggiungere gli spinaci e le erbette tritate a coltello e continuare la cottura per circa 10 minuti.
Far raffreddare, strizzare molto, molto bene (potrebbe essere con lo schiacciapatate) e unire il parmigiano a piccole scaglie.
Stendere la pasta in due sfoglia sottile, foderare una teglia rotonda diametro 26cm, forare la pasta e farcire con il ripieno, chiudere con una sfoglia ancor più sottile e formare un cordoncino tutto attorno. Forare con uno stuzzicadenti la sfoglia superiore e pennellare con olio.
Cuocere  in forno caldo a 180°C funzione pizza, mantenendolo nella parte bassa del forno per 20 minuti, spostarlo poi al centro e cambiare funzione inserendo il ventilato con il grill per circa 10 minuti.

Far raffreddare un poco prima di servire... tiepido è buonissimo!!!

Ed ora vi invito a curiosare nelle altre regioni chissà che ricette speciali troveremo:

CALABRIA: A Pizza chi Brocculi ‘ffucati di Rosa ed Io
CAMPANIA: Panini Napoletani di Le Ricette di Tina
SICILIA: Arancini Rustici di Cucina che ti Passa
TOSCANA: Cecina di Non Solo Piccante 
LOMBARDIA: La fitascetta di L’Angolo Cottura di Babi 
VENETO: Pizza di Polenta di Semplicemente Buono
FRIULI VENEZIA GIULIA: Strucolo de Nose in Straza (o Kuhani Struklji) di Nuvole di Farina
PIEMONTE: Polpetton di La Casa di Artù
PUGLIA: U'calzon d'cpodd long o spnzal di Breakfast da Donaflor
TRENTINO ALTO ADIGE: Strudel de patate di A Fiamma Dolce
LAZIO: Crostino con le alici di Chez Entity
LIGURIA: Fiori de Succa Friti di Un’arbanella di Basilico 
UMBRIA: Torta al Testo di 2 Amiche in Cucina 
MARCHE: La Crescia sa i Arvans di La Creatività e i suoi Colori 
ABRUZZO: Pizza Rustica Salata di In Cucina da Eva 


Con questa ricetta partecipo all'Abbecedario culinario d'Italia organizzato da Trattoria MuVarA e ospitato, per le ricette della Emilia Romagna, dal blog  Curiosando in cucina

33 commenti:

  1. Buono....e ottimo il ripieno....Insomma un saporito piatto cara Elena e l'aggiunta della pancetta mi piace assai... la proverò...deve dare un sapore......
    Un bacione cara e GRAZIE!!!!!
    Buona settimana!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Mi piace molto...lo trovo molto gustoso, ciao.

    RispondiElimina
  3. Buonissimo l'erbazzone, l'ho mangiato per la prima volta tantissimi anni fa a Reggio Emilia e me ne sono innamorata. Mi segno la tua ricetta. Grazie mille Elena e buonissima settimana, Babi

    RispondiElimina
  4. Non l'ho mai provato, ma l'ho mangiato e mi piace, magari provo la tua ricetta!! ciao da In cucina da Eva

    RispondiElimina
  5. Buonissima questa torta salata, la pancetta poi....la metterei anche nel caffè, baci e buon in inizio settimana

    RispondiElimina
  6. Trovo questa preparazione perfetta ed adattissima diverse presentazioni, dalla merenda alla cena, fino ad arrivare ai buffet con gli amici nelle calde sere estive!!! perfettaaaaa!!!

    RispondiElimina
  7. E che devo dì...mi ripeto ancora . Mi piace assai :-)

    Buon inizio settimana cara

    RispondiElimina
  8. L'erbazzone è troppo buono!!! un bacione

    RispondiElimina
  9. Ottimo. Le torte di verdura le cucino spessissimo; fredde, tiepide...comunque sempre! Un abbraccio, buona settimana.

    RispondiElimina
  10. Ignoravo totalmente che nell'erbazzone ci andassero anche gli spinaci, pensavo solo alle bietoline, mi copio la ricetta perchè voglio prepararlo assolutamente. Mi sapresti indicare il peso degli spinaci nel caso volessi utilizzare quelli freschi? Ma che buona che deve essere....

    RispondiElimina
  11. Invitante e gustosissima, la proverò anch'io con la fillo:)-per non perdere la mano ehehe-. Buon lunedi' ed a presto!
    ps salutami Zorro!

    RispondiElimina
  12. Cara Elena il tuo rustico è perfetto!!! Già ho la bava alla bocca al solo vederlo figurati a mangiarlo!
    in sicilia abbiamo un piatto molto simile ma quello tuo è decisamente più saporito! Bravissimaaaa
    un bacione tesoro e buon inizio settimana!!

    RispondiElimina
  13. Non so se i puristi potrebbero mai aver da ridire dinnanzi a cotanta bellezza!!!mi sembra squisita e assolutamente da provare!!!!!Io poi adoro sia erbette che spinaci!Segnata subito!!Bacioni cara!

    RispondiElimina
  14. Che delizia! Adoro l'erbazzone, ben conosciuto anche qui a Mantova: e la tua ricetta mi sembra molto vicina alla realtà: brava!

    Ilaria di ATuttaCannella!

    RispondiElimina
  15. che goduria! ogni volta che vedo l'erbazzone la testa mi dice festa! è proprio un bel rustico di quelli che saziano e che ci fanno mangiare tante belle verdurine. un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Una bella torta salata mi ispira proprio... sembra veramente ottima e invitante!!

    RispondiElimina
  17. ciaoo cara mai provato ma dev'essere buonissimo!!!!un bacione grande ciaoo

    RispondiElimina
  18. Grazie grazie a tutti..era la prima volta che lo preparavo....l'ho mangiato diverse volte a Parma... sempre delizioso.
    La pasta è molto molto simile, il ripieno dovrebbe essere di erbette o di spinaci... averli uniti è stata un'esigenza del momento...

    @Sara: se usi i freschi ne servono 1kg, lo so ti sembreranno tanti ma poi cuocendo si riducono molto...


    Bacioni e grazie a tutti!!!

    RispondiElimina
  19. Quante volte ho visto sui libri di cucina la ricetta dell'erbazzone! E poi finalmente arrivi tu e ce lo proponi in maniera spettacolare. Con tanto di foto che rende l'idea di quanto possa essere buono!!

    RispondiElimina
  20. che bonta' ne mangerei un paio di porzioni

    RispondiElimina
  21. ciao carissimaaaaa! ma sai che stavo preparando anch'io una torta rustica con le bietole...che io amo molto? solo che a mio marito non piacciono molto le bietole!
    farei volentieri un salto da te per un asaggio!!!
    bacioni

    RispondiElimina
  22. Elena, mi hai tentato subito.
    In frigo ho degli spinaci sbollentati, un vasetto con strutto homemade, mi sembra proprio il caso di provare, o no??!!
    Siete formidabili voi con questa bellissima iniziativa.

    RispondiElimina
  23. Complimenti!!!! Un rustico dal gusto raffinato!!!
    Ciao

    RispondiElimina
  24. eh beh, e qui caschi bene.. buono buono buono!!! adoro torte salate, quiche e cosine sfiziose del genere.. ma questo è uno dei preferiti!! ah.. goduriose le tortine alle albicocche.. già segnato tutto! baciii

    RispondiElimina
  25. Buono.. anzi buonissimo! di solito lo prepariamo con pasta brisé, dobbiamo sicuramente provare la tua ricetta!!
    Ciao!

    RispondiElimina
  26. Ottima questa ricetta con un ripieno di verdure. Non l'ho mai provata e forse questo è il momento giusto; grazie per la ricetta

    RispondiElimina
  27. Ciao Elena, sai che la prima volta che ho fatto questa ricetta mi sono chiesta perché le avessero dato un nome un po' dispregiativo? E' talmente buono, e il tuo è anche bello! Ciao carissima bacio

    RispondiElimina
  28. Altroché se mi sconfinfera! Il guaio è che qui non riesco a trovare lo strutto e nemmeno a procurarmi la materia prima per farlo in casa perché non si usa:-( Stupenda la tua preparazione complimenti!

    RispondiElimina
  29. Hai indovinato Elena questo tema mi piace da morire come questo erbazzone bello ripieno e goloso! Baci

    RispondiElimina
  30. Grazie a tutti... questa è un piatto che chi lo ha già assaggiato non lo dimentica di certo, e questa versione mi sembra molto vicina all'originale...

    RispondiElimina
  31. Fatto, mangiato e pubblicato!

    RispondiElimina
  32. Ho seguito alla lettera la ricetta..ma non è venuto granchè!! Ammetto che faccio abbastanza pena in cucina :) ma voglio provarci di nuovo...e, se fallirò ancora, lascerò provare la ricetta a chi è più bravo di me ai fornelli e continuerò comprare quello di Righi che è ottimo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Debora, mi pare di capire che sei rimasta un poco delusa...bisogna capire il perchè ...valutare se è davvero un tuo errore o è perchè preferisci il gusto di quello di Righi...(che io non conosco, ma possiamo studiarlo...) se ti va mandami una mail ...c'è l'indirizzo sul mio blog, riusciamo ad essere più esplicite e chiarirci meglio.... se ti va sono a disposizione ...fammi sapere!

      Elimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!