mercoledì 30 luglio 2014

Strudel di ricotta e albicocche secche


....e dopo un menù marittimo, eccoci a proporvi un menù di montagna, un menù estivo, che esula dalla classica polenta e funghi o selvaggina, ma comunque adatto a questo luogo!
Abbiamo optato per piatti un po' diversi, ma sempre pensando al clima  perchè in montagna anche al 30 di luglio, la temperatura minima può aggirarsi sui 12 gradi...e lo dico per esperienza... sto scrivendo questo post con pile e jeans pesanti!
Non meravigliatevi quindi per queste portate "ad alto contenuto calorico" ...in questo caso ce lo possiamo permettere!
Personalmente ho preparato il dolce, uno strudel, dolce classico, ma con farcia "alternativa"... ricotta e albicocche essiccate.
Questo impasto classico, l'ho preparato per la prima volta su indicazione di Mari, era la sua ricetta per l'MTC..provatelo ne vale la pena!



Ingredienti
Per la sfoglia
150 g di farina per pizza
100 ml di acqua calda ma non bollente
1 cucchiaio di olio evo
1 pizzico di sale

Ripieno
5 cucchiai di marmellata di albicocche
250g di ricotta
2 cucchiai di zucchero
50g di amaretti
6-8 albicocche essiccate
30g di pane grattugiato
15g +15g di burro
Cacao amaro in polvere

Preparare la sfoglia: scaldare l’acqua (circa 60°C), e con questa bagnare la farina setacciata, aggiungere il sale e l’olio e versare a poco a poco l’acqua calda mentre si impastando. Quando la farina avrà assorbito tutta l’acqua, iniziare a lavorare l'impasto con le mani su una spianatoia per un paio di minuti, fino ad ottenere un impasto morbido, quasi appiccicoso.
Far riposare, coperto da una pellicola, per circa mezz’oretta.

Preparare il ripieno: far sciogliere in un tegame il burro e tostare il pane grattugiato fino a farlo dorare (attenzione, a non farlo bruciare, questo passaggio non l'ho fatto ma è necessario, quindi evitate il mio errore). Fra raffreddare.
Tritare gli amaretti, unire la ricotta, lo zucchero  e 2 cucchiai di marmellata.

Preparare un asciughino o un tovagliolo gigante di cotone bianco, infarinarlo leggermente (d'obbligo essendo un impasto un poco appiccicoso), metterci l'impasto i dopo averlo appiattito con le mani spianarlo con il mattarello fino a renderlo sottile poi sollevare la sfoglia e aiutarsi con le mani tenendola con le nocche, facendo attenzione a non romperla. 
La sfoglia deve diventare praticamente trasparente e essere circa 50cm x 50cm.
Cospargere con il pane grattugiato ormai raffreddato, cospargere con il resto della marmellata e per ultimo la farcia. A questo punto aggiungere le albicocche essiccate a tocchetti.
Arrotolare la sfoglia ripiena dopo aver piegato i bordi (per evitare che fuoriesca il ripieno), aiutandosi con la tovaglia.
Posizionare sulla leccarda del forno ricoperta con carta forno, sciogliere i 15g di burro in micronde e pennellare la superficie.
Cuocere in forno già caldo a 180°C funzione statico per 30-35 minuti.
Far raffreddare e servire dopo aver spolverato con cacao amaro.

ed ora ecco in dettaglio tutto il menu

Involtini di melanzana e purea di Tania del blog Cucina che ti passa
Tagliatelle di farro con polpettine di maiale di Cinzia del blog Cinzia ai fornelli
Arrosto di vitello con le nocciole di Carla Emilia del blog Un'arbanella di basilico
Strudel di ricotta e albicocche di Elena
e al posto del pane ecco buonissime...
 Focaccine al rosmarino di Linda del blog Una famiglia ai fornelli

14 commenti:

  1. Deve essere squisito!!!! Da provare :-) un bacione e buone vacanze!!! Oggi tempo favoloso!!!

    RispondiElimina
  2. Penso che sia buonissimo, Elena, il golf ci vuole anche qui al mare.... un bacione :)

    RispondiElimina
  3. Lasciamo perdere l'abbigliamento poco estivo anche in città e passiamo direttamente a questo strudel magnifico. Adoro gli strudel e mi diverto a farcirli in modo diverso dal classico mele e uvetta.
    Questo mi intriga tanto :)
    Leggo che hai usato la farina per pizza, la proverò anch'io.
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, la farina con glutine è meglio, riesci a fare una sfoglia più sottile, perchè l'impasto risulta più elastico... però metti il pane grattugiato tostato, non fare come me... l'impasto umido, marmellata e poi ricotta hanno reso la sfoglia bagnata e ho avuto difficoltà ad arrotolarlo... :)

      Elimina
  4. Che buono questo strudel, mi piace molto la tua rivisitazione :)
    Un bacione :)

    RispondiElimina
  5. Dev'essere fantastico, come ne vorrei una fettina, ho bisogno di coccole...
    Lo proverò prestissimo!!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  6. Penso che sia veramente goloso! Conplimentiiiiiiiii
    Ti abbraccio
    ciaoo

    RispondiElimina
  7. Una squisitezza unica, in questo momento ne mangerei una bella fetta. Avverto un calo di zuccheri.

    RispondiElimina
  8. Ciao Elena! Vedo con piacere che continui ad usare la mia ricetta proposta. per l‘mtc per la sfoglia dello strudel, mi rende molto felice sapere che tante persone l‘abbiano trovata buona al punto da prenderla come base per nuove versioni. Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è speciale, la trovo perfetta con la frutta, con le creme..ottima, grazie ancora!

      Elimina
  9. Anche per me la pasta strudel di Mari Lasagnapazza è diventata LA ricetta: assolutamente infallibile!!! :-D
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  10. Cara Elena, questa stagione fa le bizze in maniera veramente insolita e ci sta regalando un’estate (piacevolmente?) fresca e poco afosa.
    La tua versione è veramente golosa!
    Fai una cosa però, visto che la pasta dello strudel è di Mari Lasagnapazza, aggiungi un link al suo blog .. è cosa buona e giusta ;-)))

    Un bacione e buona estate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del suggerimento, mi sono già scusata con Mari...buona estate anche a te

      Elimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!