martedì 21 gennaio 2020

Cavolfiore al cartoccio


Con un giorno di ritardo ci presentiamo per la rubrica Light and Tasty, ma ci facciamo perdonare perchè oggi parliamo di cavoli! Sì di tutti i tipi, siano essi cavolfiori, cavoli verza, cavolini di Bruxelles, insomma tutti i vegetali appartenenti alla famiglia delle Crucifere, varietà le Brassicacee.
In certi casi la parte edibile è la foglia, in altri l'infiorescenza (come nel caso dei cavolfiori e dei broccoli), ma entrambe le tipologie hanno un denominatore comune:la salubrità!
Contengono in generale quantità significative di vitamina C, acido folico, fibra, potassio, e alcune sostanze particolari come i tioossazolidoni, con effetto antitiroideo, e il sulforafano, che, assieme agli isotiocianati, si ritiene abbia un effetto protettivo contro i tumori intestinali, purtroppo la cottura distrugge parzialmente il contenuto vitaminico, in particolare della vitamina C, ma rimangono pur sempre un ottimo alleato per la dieta ipocalorica sono infatti molto sazianti e ci danno un apporto calorico davvero ridotto.
La nota dolente è data dalla produzione di composti solforati durante la loro cottura che li rende responsabili dell'odore tipico del cavolo cotto, però vi svelo un segreto: se li cuocete al forno, l'odore si riduce notevolmente e sono ancora più saporiti.
Ecco un esempio , un cavolfiore cotto al forno in un cartoccio, una ricetta per modo di dire, visto la facilità di esecuzione e la mancanza di dosi precise negli ingredienti, ma che spesso propongo  per esaltarne il suo sapore intrinseco (l'avevo tratta anni fa da qui).
Vi lascio anche il link a  questa ricetta dove risulta un poco più condito, ma la cottura al forno lo rende "inodore".



Ingredienti per 4 persone

1 cavolfiore piccolo (circa 600g)
olio evo
sale
pepe bianco
noce moscata

Lavare il cavolfiore, posizionarlo su carta forno e condirlo: prima ungere  con olio, utilizzando un pennello, poi girarlo e ungere l'interno inserendo negli anfratti un filo d'olio.
Aggiustare di sale e aromatizzare con pepe e noce moscata (a piacere).
Chiudere il cartoccio e infornare  a forno caldo a 180°C per 1 ora a funzione statico, valutare la cottura tastando un dito il cartoccio stesso.
Quando cotto, aprire il cartoccio e spennellare con ancora un poco di olio prima di servire.

Ecco le proposte delle mie colleghe:


Crema di cavolfiore e fagioli con pesto di Carla Emilia

Zuppa di cavolo nero e zucca di Daniela

Pasta con cavolo nero, chili ed anacardi  di Flavia

Crema di cavolfiore alle mandorle tostate di Franca

Zuppa con broccolo verde, ceci e zafferano di Mary

Cavolfiori gratinati alla siciliana di Milena 

11 commenti:

  1. Una bellissima idea Elena, lascia il gusto e "ammazza" gli odori ;) bacione

    RispondiElimina
  2. Sono anni che lo voglio fare e poi mi dimentico sempre! Segno e replico al prossimo cavolfiore ^_*

    RispondiElimina
  3. Ho in casa un broccolo romanesco e la tua ricetta al cartoccio mi ispira molto, stasera lo faccio, grazie dell'idea. Un abbraccio e buona settimana.

    RispondiElimina
  4. Adoro il cavolfiore, ma non ho mai provato a cuocerlo al cartoccio. Che bella idea Elena, mi piace tantissimo! Dev'essere di un buono...
    Un abbraccio,
    Mary

    RispondiElimina
  5. Fantastico: più semplice di così!

    RispondiElimina
  6. Cuocio spesso al cartoccio, ma non avevo mai pensato al cavolfiore. Da provare ^_^
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Grazie dell'idea, mai pensato di farlo al cartoccio!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  8. Tutto quello che inizia con cavo..... non digerisco perndo un pò da qui non fa male. Buona serata baci

    RispondiElimina
  9. Mai fatto al cartoccio, ottima idea Elena!!!

    RispondiElimina
  10. ecco allora proverò la cottura al cartoccio per ovviare al "problema"! bravissima

    RispondiElimina
  11. Molto interessante il metodo di cottura per me assolutamente una scoperta

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!
Ricordati però che utilizzando questo form, si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito.