lunedì 4 giugno 2018

Melone bianco grigliato e prosciutto crudo


Inizia la stagione del melone... un frutto dal gusto inconfondibile e deciso che si odia o si ama!
La polpa del melone può variare dall'arancio al bianco, è dolce, succosa, compatta e molto profumata.
Il melone  è un frutto versatile, ottimo come fine pasto, in una macedonia, con il gelato, ma anche così tal quale.
Si usa anche nei piatti salati, spesso abbinato con il prosciutto, per coniugare il suo gusto dolce con la sapidità del salume o nelle insalate.
La polpa giallo-arancio del melone è composta per il 90% di acqua, che la rende dissetante e poco calorica, ma contiene anche tanta vitamina A, queste sue caratteristiche lo rendono ideale per chi è a dieta ipocalorica. Proprio per questo oggi ne parliamo qui a Light and Tasty!
Sapevate poi che il melone è uno dei simboli di Trieste?
Sul Colle di S. Giusto c'è una colonna con in cima un melone sormontato da un'alabarda. Il melone ha 13 spicchi, uno per ognuna delle famiglie nobili presenti in città nel medioevo. L'alabarda, secondo la leggenda, cadde dal cielo su Trieste il giorno del martirio del patrono.



Ingredienti per 4 persone

12 fette di melone bianco
12 fette di prosciutto crudo


Scaldare una piastra tipo bistecchiera, posizionare le fette di melone, girare dopo 1-2 minuti circa (attenzione essendo ricco di zuccheri, si caramella facilmente) e proseguire la cottura per 1 altro minuto.
Mettere sul piatto di portata con le fette di prosciutto crudo.

A piacere è possibile condire con un filo di aceto balsamico tradizionale o una riduzione di aceto balsamico e miele.



Ecco altre proposte "leggere"...

Antipasto di gamberi con prosciutto e melone di Carla Emilia

Smoothie al melone, pesca e lamponi di Daniela

Smoothie melone e cardamomo di Maria Grazia

Crema di melone, frutta fresca e granita al limone di Milena

Gelato su stecco light al melone, yogurt greco e miele senza gelatiera (no panna, no uova, no zucchero) di Simona

11 commenti:

  1. A me piacciono tutti! Qui al nord il melone bianco e verde (ovviamente non nostrani, da noi si coltiva egregiamente solo quello retato) non hanno alcun gusto. Sanno di cetriolo misto alla zucca. Uno schifo insomma... ricordo di una vacanza in Spagna, mio figlio faceva scorpacciate di quello verde fuori e bianco dentro come il tuo, giusto? Di un buono, ma di buono!!!! Mai mangiato grigliato, chissà che bontà! Da provare 😋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qui non so cosa si coltivi, ma sono tutti molto buoni, il bianco è quello più dolce in assoluto. Quello bianco si trova ad inizio stagione e fine stagione, quello arancione si trova in piena estate

      Elimina
    2. Che fortuna! Vengo a mangiarlo li! Con la coppa piacentina 😋

      Elimina
  2. Non ho mai mangiato il melone grigliato ma come si dice c'è sempre la prima volta. .
    Lia

    RispondiElimina
  3. Il melone grigliato mi intriga e non poco :)
    A me il melone piace anche così e ho già iniziato a farci la colazione ;)
    Un bacio e buona settimana

    RispondiElimina
  4. Adoro il melone bianco, molto più di quello tradizionale :-) l'idea di grigliarlo non mi è mai venuta e la trovo geniale e davvero originale :-) Complimenti Ele e felice inizio settimana <3

    RispondiElimina
  5. No, non lo sapevo fosse il simbolo di Trieste. Io adoro tutte le qualità di melone, infatti anche in inverno, quando lo trovo a prezzi abbordabili, prendo quelli bianchi. Anche ai bambini piace molto. Golosa anche la tua proposta

    RispondiElimina
  6. Grigliato? mai provato, che bel suggerimento! Come dicono i ragazzi, "top" :D

    RispondiElimina
  7. E non che non sapevo che il melone è un simbolo di Trieste! Ora me lo mangerò con più soddisfazione e pure grigliato che sembra delizioso ;)bacioni

    RispondiElimina
  8. Grigliato deve essere proprio sfizioso! La storia di Trieste non la sapevo, grazie, mi piacciono questi racconti. Un abbraccio e buona settimana.

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!