martedì 7 febbraio 2017

Pain d'Epices


Anche questo mese partecipo a Recipe-tionist, questo gioco ci dà modo di andare a curiosare in ricette vecchie e nuove di colleghe foodblogger facendoci innamorare di un numero infinito di piatti, lasciandoci una voglia estrema di cucinare, prima, e assaggiare,dopo!
Pure questo mese l'effetto è stato assicurato!
Questo mese la vincitrice era Patty e tutti siamo finite a scartabellare nel suo mitico blog, alla fine dopo aver annotato una decina o forse più di ricette, mi sono lasciata tentare dal suo meraviglioso Pain d'epices, il mio amore per le spezie e la Francia, ha colpito!
Ecco questa meraviglia, ricetta giustissima, sapore fantastico.
L'ho presentato sia dolce sia in versione salata, dopo averlo farcito con gorgonzola (mi raccomando bel piccante, o altro formaggio erborinato e mostarda di pere, non saprei proprio quale preferire ...entrambi risultano deliziosi!
Grazie Patty per avermi fatto conoscere questa bella ricetta, in realtà non ho cambiato nessun ingrediente, ho solo sostituito la farina e bicarbonato con farina autolievitante (il bicarbonato mi sembra sempre di sentirle il sapore quando lo utilizzo!)




Ingredienti

Impasto (2 pani)
320 g di miele millefiori
55 g di uova (1 uovo medio)
110 g di burro
130 g di latte intero a temperatura ambiente
270 g di farina autolievitante
6 g di cannella in polvere
2 chiodi di garofano pestati a mortaio
2 g di zenzero in polvere
3 bacche di cardamomo (solo semini pestati a mortaio)

marmellata di arance
gelatina neutra

gorgonzola piccante
mostarda di pere

Scaldare il miele in una casseruola a 50° (meglio misurare con il termometro, ma se manca si interrompe quando il miele risulta liquido), versarlo in planetaria o in una ciotola, aggiungere l'uovo e montare con le fruste fino a renderlo spumoso.
Nel frattempo sciogliere il burro e aggiungere il latte a quest'ultimo.
Unirli entrambi al composto di miele sempre continuando a montare.
A questo punto sostituire le fruste con la foglia, oppure interrompere le fruste e proseguire con un leccapentola ed iniziare ad incorporare la farina precedentemente setacciata con le spezie.
Si otterrà un composto liscio, dalla consistenza piuttosto liquida.
Versare negli stampi da plumcake 18x7cm con 6 di altezza (i miei erano leggermente più piccoli e li ho riempiti un po' troppo!) dopo averli foderati con carta forno bagnata.

Cuocete in forno già caldo a 165°C per 40 minuti circa a forno statico (fare la prova stecchino!).

A questo punto un plumcake ancora caldo può essere forato con uno stuzzicadenti e irrorato con 30ml di succo d'arancia, cospargere con marmellata d'arance e un velo di gelatina neutra, l'altro può essere raffreddato su gratella dopo averlo sformato.

In un secondo tempo può essere servito con formaggio piccante e mostarda, oppure con noci o quello che preferite!

Con questa ricetta partecipo al gioco di Flavia, il Recipetionist!






6 commenti:

  1. Non l'ho mai preparato e già questa è una pecca, ma in versione salata non l'ho neppure mai assaggiato e questo è grave.
    Bravissima, ottimo in entrambe le versioni :)

    RispondiElimina
  2. che bontà deve essere... preferisco di gran lunga il salato al dolce. ricetta segnata, lo proverò quanto prima! Intanto mi sono iscritta al blog :)
    R

    RispondiElimina
  3. Sono certa che questa sia la ricetta perfetta del pain d'epices e sono anche certa che è una di quelle che presto rifarò! Come dici tu ci sei sempre a THE RECIPE-TIONIST e la cosa mi fa appunto sempre tanto piacere. E leggendo la ricetta ..avrei anche tutti e dico tutti gli ingredienti a disposizione...

    RispondiElimina
  4. Sono una grande amante del pain d'epices e non lo limiterei mai solo al periodo natalizio..il tuo me lo papperei anche a Ferragosto :-P

    RispondiElimina
  5. Quanto mi piace, mi fa ricordare una lontana vacanza francese....

    RispondiElimina
  6. Cara Elena, il pain d'épice mi ha sempre fatto battere il cuore. Adoro quel suo profumo di spezie ma soprattutto l'aroma inconfondibile del miele, che si fa più presente giorno dopo giorno. Io lo amo anche tostato, dopo qualche giorno dalla preparazione e sicuramente come hai fatto tu, accompagnato da elementi salati, formaggi compresi, ma anche dei paté ricchi o semplicemente con un filo di burro...nulla più.
    Tu l'hai interpretato alla perfezione e sono strafelice che ti sia piaciuto. E' una ricetta di Mercotte, quindi assolutamente infallibile.
    Ti abbraccio mia cara e grazie per essere venuta alla festa!
    Pat

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!