lunedì 1 ottobre 2012

Focaccia all'uva per la Rubrica Cibo e Regioni

Eccoci anche questo lunedì con la rubrica Cibo e Regioni- Idee dall'Italia che cucina, gestita da Babi e Renata, questa settimana l'argomento è vino ed uva ...tema di stagione, non è vero?
Qui in Emilia Romagna,  la vendemmia è iniziata da un pezzo, già la settimana di Ferragosto si era iniziato con le uve bianche, in particolare le basi spumante, oggi stiamo ancora vendemmiando, anche se ormai è quasi finita,  le uve rosse per la produzione dei vini pregiati, da invecchiamento.
Il piacentino non è una zona molto conosciuta per la produzione dei vini, ma vi assicuro che abbiamo prodotti niente male, stiamo cercando di promuovere al massimo Gutturnio e Ortrugo, ma ce ne sono anche altri degni di nota...venite ad assaggiare e vedrete!
Ho voluto proporre una ricetta con l'uva prendendola dal solito libro di cucina piacentina (400 ricette di cucina piacentina di Carmen Artocchini), in cui si dice che "un tempo veniva preparata con uva locale messa ad essiccare sui graticci o appesa ai travetti del soffitto con uno spago."
Personalmente ho lasciato solo un paio di giorni l'uva ( Moscato d'Amburgo, un ottimo vitigno da tavola molto diffuso nel territorio) appesa allo stendino sul balcone e poi ho provato la ricetta, avrei dovuto aspettare almeno una settimana, il risultato è stato comunque soddisfacente.


Ecco la ricetta ....



Ingredienti
1/2 Kg di farina (250g di manitoba, 250g di farina debole)
75ml di latte
50g di burro fuso
150g di zucchero
15g di lievito di birra
2 grappoli d'uva essiccata o uvetta rinvenuta nell'acqua
zucchero semolato
fiocchetti di burro

Versare sulla spianatoia la farina a fontana, porre al centro il latte, il burro fuso, lo zucchero, e il lievito disciolto in acqua a tempo ambiente (20 ml).

Impastare e lasciare lievitare per un paio d'ore coperto da pellicola.

Rompere la lievitazione e dare la forma in una teglia imburrata, aggiungere l'uva inserendola nell'impasto, lasciare lievitare in luogo tiepido e con teglia coperta di per 1 ora circa.

Prima di infornare  cospargere di zucchero semolato e fiocchetti di burro.

Cuocere a forno caldo 200°C per 15 minuti circa.

Ed ora andiamo a curiosare nelle cucine delle altre regioni......

CALABRIA: La mostarda di Rosa ed Io
SICILIA:  A’ mustata di Cucina che ti Passa
TOSCANA: Panello all’uva di Non Solo Piccante
LOMBARDIA: I suc di L’Angolo Cottura di Babi
VENETO: Fegato alla veneta con uvetta di Semplicemente Buono
FRIULI VENEZIA GIULIA: Gran pampel di Nuvole di Farina
PIEMONTE: Cognà (Mostarda d’uva) di La Casa  di  Artù
EMILIA ROMAGNA: Focaccia con l’uva qui  
TRENTINO ALTO ADIGE: Strudel d’uva e marzapane profumato al moscato giallo di A Fiamma Dolce  
PUGLIA: U Mmìire...fatt in casa di Breakfast da Donaflor
LAZIO: Un pollo di.... vino. Con olive e Frascati! di Chez Entity
LIGURIA: Taggiaen a-o Rossese co-o tocco de carne e poisci di Un’arbanella di Basilico  
UMBRIA: Mostaccioli e mosto cotto di 2 Amiche in Cucina
MARCHE: Pane col mosto  di La Creatività e i suoi Colori
ABRUZZO: Ciambelline al vino di In Cucina da Eva
VALLE D’AOSTA: D’Wiwellata, crema pasticcera con brulé di L’Appetito Vien Mangiando
SARDEGNA: Pane di sapa con impasto lievitato di Vickyart  Arte in Cucina 
BASILICATA: Nodini al vino bianco  di Pasticciando con Magica Nanà 
MOLISE:  Uva sotto spirito di La Cucina di Mamma Loredana

37 commenti:

  1. Se l'uva che ho messo a seccare non si è rovinata proverò la vostra meravigliosa ricetta!!!!!!!
    Grazie mille Elena
    Bellissima e molto davvero MOLTO invitante!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te e fammi sapere ....un bacione!

      Elimina
  2. Brava Elena, sempre squisite le tue ricette:-)! un forte abbraccio Cinzia

    RispondiElimina
  3. Mitica anche la tua focaccia Elena! Io mica resisto con voi!!! Buona giornata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le focacce sono irresistibili, vero? a chi lo dici! bacioni

      Elimina
  4. Uhhhhhh, adoro le focacce dolci!!!!!squisita ricetta Elena!!!!Un abbraccio cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da leccarsi le dita...con l'uva appassita è decisamente dolce...grazie!
      bacioni

      Elimina
  5. elena la tua focaccia è divina!!! Non fa che dire mangiami mangiami!!
    Bravissima tesoro, una scelta eccellente!!
    bacioniii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dici che addirittura parli? No...è che l'uva rende tutto più buono e colorato! W l'uva e w il vino! bacioni

      Elimina
  6. non sapevo che si faceva anche da voi! pensavo solo in Toscana! buonaaa devo provarlaaaaa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo sapevo nemmeno io! l'ho trovata sul libro e l'ho provata... conoscevo solo quella toscana, la classica schiacciata..
      cosa non si impara con questa iniziativa!

      Elimina
  7. Siamo appena passate da Tommaso e Ilaria è anche la loro ricetta come la tua ci ha davvero molto incuriosito. Proveremo sicuramente anche noi a farla. Complimenti e buona settimana.
    Elisa e Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'uva andrebbe appassita di più la mia, la mia è rimasta all'aria solo un paio di giorni... bacioni e grazie!

      Elimina
  8. con l'uva stiamo scoprendo delle ricette golosissime, ottima questa focaccia, un bacione e buon lunedì

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io!!!! Una meglio dell'altra, come i budini ognuno con una caratteristica diversa in base al luogo d'origine...troppo interessante!

      Elimina
  9. E' molto simile alla nostra schiacciata all'uva (si nota la vicinanza delle nostre regioni), anche se da noi usiamo come base la pasta del pane. Ah, forse un'altra differenza è dovuta al fatto che noi l'uva la mettiamo fresca invece che essiccata... anche perché chi ci sta a scacciare i moscerini che l'uva attira dopo qualche giorno? :-)
    Ne mangerei un bel pezzetto, a quest'ora ci vorrebbe proprio.
    Un bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. é vero la drosophila è in agguato, basta lasciarla sul balcone ...non avendo il portico...
      La vostra però è ancora più golosa, da provare! bacioni!

      Elimina
  10. da noi non si fa! è una delizia! semplice, genuina e buonissima!! baci cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è proprio di stagione!! Grazie un abbraccio!

      Elimina
  11. Nonostante la vicinanza delle nostre regioni non l'ho mai mangiata. E' molto invitante quindi proverò a realizzarla per sentirne il profumo e il suo sapore. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero molto profumata ...hai centrato in pieno! baci e grazie!

      Elimina
  12. Questa focaccia è superlativa, il moscato d'amburgo lo conosciamo e lo adoriamo anche noi!

    ps. i vostri vini ti confermo che li conosco e li apprezzo!!! evviva!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, davvero? questa notizia mi fa molto piacere...pare che nessuno li abbia mai sentiti.... grazie e un bacione grande!

      Elimina
  13. Ciao Elena, questa rubrica mette a dura prova la mia resistenza. Vorrei assaggiare tutto e non posso assaggiare niente, questa focaccia è così invitante.... vabbé farò un grande sforzo immaginativo, ma non è la stessa cosa. Bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Golosa vero? Questo ingrediente di stagione lo abbiamo utilizato al meglio...ne sono uscite ricette favolose, grazie e a presto!

      Elimina
  14. che particolare, immagino le case di una volta con questi bei grappoli di uva. Da provare anche questa bella ricettina qui, un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sì pareva l'attaccassero sui travetti...chissà quanti moscerini! bacioni e grazie!

      Elimina
  15. Il Moscato d'Amburgo è ottimo, te lo invidio proprio quel grappolo!! Se poi penso che sia finito in quella splendida focaccia dolce.... troppo buona! Grazie mille cara, mi segno subito la ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Babi...ti consiglio di far appassire bene l'uva ...gli zuccheri aumentano e la focaccia migliora! ;)

      Elimina
  16. In questo periodo la focaccia con l'uva è d'obbligo anche qui. L'adoro, è uno di quei dolci che profumano di casa. Ho sempre messo l'uva fresca da schiacciata. Con quella passita, dolce dolce, dev'essere ancora più buona. Un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà buonissima..... :)

      Elimina
    2. Federica: Grazie .. con l'uva appassita hai meno acqua e più zuccheri ... un affarone!un bacione! ci vediamo il 6, vero???
      Nadine: grazie ...te me mando un assaggio.... ;)

      Elimina
  17. Con l'uva appesa allo stendino mi hai fatto proprio sorridere!!! :D
    Cosa bisogna inventarsi...e pensare che prima non c'era casa in cui non ci fossero grappoli d'uva appesi in cantina!
    Bella, bella , bella questa ricetta, mi tocca solo provarla ( aspetto il sole e vado a stendere un grappolo;) )!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne pensiamo di tutti i colori.... appendi appendi poi mi sai dire! bacioni ;)

      Elimina
  18. ma quante belle ricette sto conoscendo con questa rubrica...ma pensa.. la focaccia con l'uva...meravigliosa e particolare! una sorta di versione dolce della nostra focaccia pugliese!
    brava e un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Milena, vero, vero, anch'io ho imparato un sacco di cose!

      Elimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!