lunedì 18 maggio 2020

Rillettes di coniglio


Oggi a Light and Tasty, si parla di carne di coniglio, una carne poco utilizzata ma dalle caratteristiche organolettiche e nutrizionali davvero uniche.
Oltre ad essere molto digeribile, è considerata da molti un alimento ipoallergenico - come accade anche per la carne di vitello - perché molto raramente le sue proteine scatenano reazioni allergiche.
Inoltre 100 grammi di carne cruda di coniglio sviluppano mediamente 118 Calorie, è infatti una carne magra e poco calorica, contiene proteine di alto valore biologico e si presta quindi a essere inserita anche nei regimi alimentari a basso introito calorico. Dal punto di vista vitaminico nella carne di coniglio si rilevano discrete concentrazioni di vitamina B3 o Niacina, mentre dal punto di vista minerale si trovano discrete quantità di fosforo, potassio e ferro. Grazie alla sua composizione la carne di coniglio è adatta a essere consumata da soggetti di tutte le età e si presta anche a essere inserita nell'alimentazione di persone convalescenti.
Per l'occasione ho provato a preparare una rillettes di coniglio, da sottolineare però che il nome non è tecnicamente corretto, infatti nella cucina francese, i rillettes sono tradizionalmente prodotti con carne grassa di maiale o oca. La carne a piccoli pezzi viene cotta lentamente nel suo stesso grasso, al raffreddamento si solidificherà in una pasta grezza e spalmabile.
Il coniglio, come anche il pollo (infatti questa ricetta si può sostituire tranquillamente la carne) sono relativamente magri, per questo vengono aggiunti dei grassi per ottenere la cremosità necessaria, oltre a tritare la carne stessa.
E' un ottimo antipasto, un po' diverso dal solito e molto delicato..ve lo consiglio!


Ingredienti
Per 8 persone

3 cosce di coniglio
Sale e pepe nero macinato fresco
50 g di burro
50 ml di olio evo
Qualche rametto di timo fresco
50 ml di vino bianco
125 ml di panna da montare (o ricotta)
3 cucchiai di dragoncello fresco tritato
Succo e scorza finemente grattugiata di almeno ½ limone o da gustare

Pane croccante


Riscaldare il burro e l'olio in una padella dal fondo pesante, condire le cosce di coniglio con sale e pepe, sfumare con il vino e aromatizzare con il timo, mettere il coperchio e cuocere a fiamma bassa per circa 2 ore. Controllare spesso per assicurarsi che la padella non sia troppo asciutta, se necessario bagnare con altro vino o acqua, girando la carne su se stessa.
Lasciate raffreddare la carne poi disossarla e rimuovere il timo.

Tritare la carne con un mixer, utilizzando il tasto pulse per evitare che si riduca in crema. Aggiungere la panna fresca (sostituibile con ricotta), qualche cucchiaio del fondo di cottura, mescolare con un cucchiaio.
Condire con il limone (scorza e succo), sale pepe e dragoncello fresco.
Trasferire in piccoli vasi puliti o una ciotola e conservare in frigorifero così si compatterà, qualche ora è sufficiente, ma meglio 1 notte (è possibile prepararlo con qualche giorno di anticipo).

Quando la si deve servire rimuovere la rillettes dal frigorifero diverse ore  così da portarla a temperatura ambiente, infatti il gusto ne risentirebbe e non sarebbe liscia e spalmabile.
Da servire con pane tostato o crostini.

Ecco le altre proposte:

Bocconcini di coniglio all’aceto   di Carla Emilia

Filetti di coniglio allo zafferano di Daniela

Coniglio alla “stimpirata” di Franca

Coniglio con pomodorini e olive di Mary

Insalata tiepida di coniglio, carote, agretti e olive taggiasche  di Milena


9 commenti:

  1. Bellissima ricetta: da copiare e sperimentare!

    RispondiElimina
  2. Una ricetta davvero interessante Elena! Da provare assolutamente!
    Un abbraccio,
    Mary

    RispondiElimina
  3. Mi piace moltissimo questa cremina, brava Elena e grazie per il suggerimento! Bacione a presto

    RispondiElimina
  4. Che preparazione raffinata! Ottima anche come antipasto per una cena elegante. Un abbraccio e buona settimana.

    RispondiElimina
  5. mmmmmm....ma quanto sono gustosi questi pezzettini di pane con la cremina sopra.
    Ottima proposta ^_^

    RispondiElimina
  6. é una preparazione che non conoscevo, mi piace tantissimo, grazie Elena!!!

    RispondiElimina
  7. Ricetta da salvare per le occasioni importanti! Come antipasto chiccoso... Per stupire gli ospiti! Bravissima

    RispondiElimina
  8. Questa proprio non la conoscevo, molto interessante come sfizio direi. Brava

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!
Ricordati però che utilizzando questo form, si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito.