lunedì 20 maggio 2019

Macco di fave alla calabrese

Macco con fave secche

Eccoci, come ogni lunedì all'appuntamento con Light and Tasty, oggi parliamo di legumi ein particolare di fave.
Nel mio orto sono già tre anni che non mancano, al momento sono fiorite, spero per il mese di giugno di iniziarne la raccolta e di poterle assaporare in qualche piatto di pasta.
Per il momento mi sono affidata alle fave secche, che trovo al supermercato, e cerco di sceglierle anche già pelate, così evito tre passaggi, l'ammollo e la sbollentatura con conseguente spellatura, direi che è conveniente, non pensate?
Per l'occasione ho voluto provare il macco di fave, quella deliziosa vellutata tipica del sud Italia.
Esistono diverse ricette, tipicamente regionali, che si differenziano per qualche ingrediente: quello calabrese presenta il peperoncino e il pomodoro (ed io ho preso sunto da qui), quello alla siciliana con verdurine e finocchietto selvatico; quello alla pugliese con le cicorie selvatiche e poi una miriade di altre ricette familiari, che vengono da queste ricette basi mixate.
Be, a noi questa ricetta è piaciuta tanto, il pomodoro  dona a questo piatto un colore speciale, il peperoncino invece dà la spinta piccantina... lo consiglio!!!

Macco con fave fresche


Ingredienti per 2 persone
200 g di fave secche
(400 g se fave fresche spellate)
1/2 cipolla rossa di Tropea
10 pomodorini ciliegina
peperoncino in polvere
pecorino
sale
olio evo




Mettere in ammollo le fave per una notte (se lo dice la confezione, oppure evitare questo passaggio se non lo riporta).
Il mattino seguente, pelarle (se non sono già decorticate) e metterle da parte. Se fossero fresche, togliere la pellicina.

Scaldare  due cucchiai di olio e farvi soffriggere la cipolla tritata.
Unire le fave, mescolare e aggiungere i pomodorini.
Dopo qualche minuto, ricoprire il tutto con acqua e lasciar cuocere per 1 ora, 1 ora e mezza a fiamma bassa (se sono fresche è sufficiente 30 minuti).
Controllare la cottura, mescolando spesso, valutare se aggiungere un poco di acqua.
Le fave tenderanno a disfarsi formando una cremina, se ciò non fosse, si consiglia di passare al frullatore minipimer il composto.

Aggiustare di sale e di peperoncino in polvere (a seconda del gusto).
Servire con pecorino tritato e un giro di olio evo.

E' spesso servito con crostini oppure ci si può cuocere della pasta corta (tipo spaghettini tritati).


Ecco le altre proposte:

Bocconcini di agnello sauté con verdure  di Carla Emilia

Insalata di fave con pinoli, zenzero e timo di Daniela

Tortini di quinoa con formaggio fresco e crema di fave di Maria Grazia

Fave, cipolle e pecorino di Milena


6 commenti:

  1. Ma che buona questa vellutata, ci credo che sia piaciuta a tutti ^_^
    Un bacio e buona settimana

    RispondiElimina
  2. Con le fave secche ho sempre preparato la versione pugliese con le cicorie. Proverò anche questa che deve essere deliziosa. Un abbraccio e buona settimana.

    RispondiElimina
  3. Conoscevo questo solo quello siciliano ma non l’ho mai assaggiato

    RispondiElimina
  4. Peperoncino, cipolla di Tropea, pecorino, mi sembrano ingredienti vagamente familiari. Che fai, mi rubi le ricette della tradizione? :D :D :D
    Che dire... esecuzione perfetta e bellissimo risultato.
    Buona settimana :)

    RispondiElimina
  5. Buonissimo direi, buona serata

    RispondiElimina
  6. Il macco di fave! Una preparazione superba, lo adoro e pensa che non l'ho mai preparato. Mi segno la tua ricetta e fusse che fusse la volta buona che mi cimento ai fornelli in questa preparazione. Un bacio

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!
Ricordati però che utilizzando questo form, si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito.