sabato 2 luglio 2016

Brodetto di pesce alla romagnola per L'Italia nel piatto


Oggi a L'Italia nel piatto si parla di pesce, o meglio, di pescato, visto che è possibile per voi trovare ricette sia  di pesci che di crostacei, di molluschi e anche di pesce d'acqua dolce, la scelta ricadrà in base alle regioni e ai piatti della tradizione che vogliamo descrivere!
Per l'Emilia Romagna vi presento il brodetto di pesce, un piatto povero della riviera romagnola, era un classico per i pescatori dell'Adriatico, un piatto di tutti i giorni, in cui si utilizzavano tutti quei pesci che non si era riusciti a vendere per la sua bassa qualità o per  le dimensioni ridotte.
Come capita spesso quando si parla di ricetta della tradizione, ogni cittadina della Costa ha la sua piccola variante.
La ricetta base  ha come caratteristica  comune l'uso di diverse qualità di pesce fresco che varieranno a seconda della stagione.
La mia fonte è qui.

Ecco la ricetta e in primo piano il pesce utilizzato.



Ingredienti per 4 persone

1 coda di rospo media
1 gallinella
250g di cozze
4 seppioline
1 calamaro
4 gamberoni
5 cucchiai di olio evo
1 cucchiaino di aceto
150ml di vino bianco secco
3 pomodori ramati maturi
1 cucchiaino di concentrato di pomodoro
1 cipolla piccola
2 spicchi di aglio
sale
prezzemolo

In una pentola preferibilmente di coccio bassa e larga, scaldare l'olio con cipolla tritata e aglio, aggiungere quindi il prezzemolo tritato finemente, il calamaro e le seppie tagliati a listarelle.
Far cuocere per circa 15-20 minuti a fuoco lento con coperchio, mescolando finchè non si sarà formato un sughetto.

Aggiungere  l'aceto, i pomodori freschi pelati, il concentrato, e un pizzico di di sale.
Portare a bollore lentamente a pentola coperta prima di aggiungere i pesci, avendo cura di iniziare con i più grossi (gallinella) e dopo 6/7 minuti aggiungendo quelli più piccoli (coda di rospo a pezzi) e infine il bicchiere di vino.
Cucinare a fiamma bassa senza muovere i pesci per circa 20 minuti (altrimenti si romperebbero), senza coperchio per sfumare il vino.

Nel frattempo far aprìre le cozze in una larga padella con 1 cucchiaio di olio e 2 cucchiai di vino bianco secco, con coperchio. Tenerle a parte.

Aggiungere per ultimo i gamberi e  le cozze già aperte e cuocere ancora qualche minuto poi terminate con una spolverata di prezzemolo tritato.

Se il sugo fosse troppo liquido, togliere il coperchio per farlo evaporare. Prima di servire il brodetto, lasciare riposare per qualche minuto.

Accompagnare con pane tostato.



Eccovi  piatti della tradizione di altre regioni d'Italia

Lombardia. Risotto con le tinche del blog La kucina di Kiara

Friuli Venezia Giulia. Boreto alla gradese del blog Il piccolo Artusi

Liguria. Guazzetto di acciughe del blog Un'arbanella di basilico    

Emilia Romagna. Brodetto di pesce alla romagnola QUI 

Toscana. Sburrita di baccalà  del blog Acquacotta e fantasia

Umbria. Trota al prosciutto  del blog 2 amiche in cucina

Abruzzo. Filetti di sgombro al limone del blog Il mondo di Betty

Puglia.  Totanetti ripieni del blog Breakfast da Donaflor

Calabria. Sarde ripiene del blog Il mondo di Rina

Sardegna.  Lorighittas arselle e bottarga/ Frittelle di Bianchetti  del blog Dolci tentazioni d'autore

8 commenti:

  1. Tutti i profumi e i sapori del mare in tavola :)
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  2. Non sono molto pratica con I Brodetti Di pesce. La ricetta mi inspira Tanto. Baci

    RispondiElimina
  3. Questo brodetto di pesce è uno spettacolo...bravissima!!!
    Un caro abbraccio e dolce notte!
    Laura<3<3<3

    RispondiElimina
  4. Che meraviglia Elena! Ma percaso eri a Rapallo? Mi farebbe tanto piacere incontrarvi. Un bacione

    RispondiElimina
  5. Che buono Elenaaaaa! Lo sai che lo sto desiderando da un sacco di tempo e mi sa che provo la tua strepitosa ricetta. Bacio cara

    RispondiElimina
  6. Grazie per aver condiviso con noi anche questa fantastica ricetta! Si abbinerebbe alla perfezione con un bel vino bianco di medio corpo, spumante o novello, particolarmente speciale se prodotto in Umbria :)

    RispondiElimina
  7. Wow che piatto meraviglioso!
    Data la mia latitanza dal blog, meno male che ci sono i social che mi tengono aggiornata con le meraviglie che gli amici di blog pubblicano, altrimenti mi perderei tutto.
    Però è più bello venire a trovarti qui, leggere con calma, commentare e lasciare un saluto. Speriamo che da adesso in poi diventi la norma...va'.
    Un abbraccio e a rileggerci presto <3

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!