venerdì 4 marzo 2016

I miei pisarei e faso per il Calendario del Cibo Italiano


Oggi è la Giornata Nazionale dei Pisarei e fasò, e io, piacentina DOCG, ne sono orgogliosamente l’Ambasciatrice!
I Pisarei e fasö sono un primo piatto tipico piacentino, anzi mi  correggo, forse IL primo piatto tipico piacentino.
Si tratta di gnocchetti di farina e pane grattugiato, preparati  a mano e conditi con un sugo di fagioli. È un’antica ricetta contadina, intuibile dagli ingredienti, che sono poveri, di uso comune: pane raffermo grattugiato e farina bianca, niente di più; e per condimento fagioli, la carne di una volta, sempre presenti sulle tavole e reperibili tutto l’anno (anche in versione secca).
Ma per saperne di più vi mando al mio articolo pubblicato sul sito di AIFB.

Per quanto riguarda invece il Calendario del Cibo Italiano, è doveroso descrivere il progetto di questa grandiosa iniziativa organizzato dell’Associazione Italiana Food Blogger, che ha messo a disposizione il blog che risulterà aggiornato giornalmente con tutte le specialità gastronomiche italiane, i personaggi che hanno fatto la storia della cultura alimentare e le ricette che fanno parte del nostro territorio e della nostra tradizione, tramandate di generazione in generazione.

Si svolgerà in 366 Giornate Nazionali (quest'anno è bisestile non dimentichiamolo) e 52 Settimane, ognuna dedicata ad un tema diverso.
Ogni giorno ci sarà un argomento diverso gestito da un Ambasciatore e ogni lunedì si presenterà l'argomento della settimana, anch'essa gestita da un altro Ambasciatore.
Andate un po' a curiosare.....

Il Calendario è rivolto a tutti i blogger, associati e non.

Partecipare è semplice: per le Giornate Nazionali, basterà pubblicare la propria ricetta nella giornata che si celebra, meglio se alle 9, e lasciare il proprio link nei commenti dell’articolo dedicato sul sito Aifb.
Per gli argomenti settimanali, il tempo a disposizione è maggiore,  si possono pubblicare più ricette, ma non più di una al giorno e si lascia poi il proprio link nei commenti dell’articolo di riferimento sempre sul sito dell'Associazione!
Vi aspettiamo!

Ma intanto assaporate i miei pisarei....


Ingredienti per 4 persone

Pasta
400g di farina 00
200g di pane grattugiato
20g di burro
acqua calda
sale

Sugo
250g di fagioli borlotti freschi o surgelati
30g di lardo pestato (pistà ad grass)
20g di burro
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
1 spicchio di aglio
1 cipolla
1 cucchiaio di salsa di pomodoro
1 cucchiaino di concentrato di pomodoro
prezzemolo
Sale e pepe

Per prima cosa preparare la pasta, disporre la farina a fontana con all'interno il pane, il sale e il burro, scottare il pane con acqua calda.

Lasciare raffreddare il pane e poi impastare il tutto velocemente, fino ad ottenere un impasto morbido ed elastico.
Far riposare l'impasto coperto per circa 15 minuti.

Procedere facendo dei piccoli cordoncini di pasta dal diametro di 5mm, assottigliandoli con i palmi delle mani; da questi sottili cilindri, staccare dei pezzetti con le mani e con il pollice modellare a gnocchetto.

Lasciare riposare i pisarei sulla tavola di legno mentre si prepara il sugo.

Portare a metà cottura i fagioli in acqua non salata, ma condita con un cucchiaio di olio e una fettina di cipolla fresca.
Preparate poi un soffritto, scaldando burro e lardo pestato, cipolla, aglio, prezzemolo tritati, unire i fagioli, facendoli insaporire a fuoco lento.
Aggiungere la salsa di pomodoro e il concentrato, diluire un poco con acqua tiepida.
Proseguire a fuoco basso fino alla cottura dei fagioli, solo al termine aggiustare di sale e pepe

Quando il sugo sarà pronto, lessare in abbondante acqua salata i pisarei, e quando saranno cotti, un paio di minuti dopo che sono venuti a galla, scolarli e condirli con il sugo.

Servire ben caldi  con formaggio grana grattugiato.

Con queste percentuali di pane e farina (50%) i pisarei risultano piuttosto morbidi, se preferite una pasta più consistente diminuite il pane anche della metà (25%).

7 commenti:

  1. Che buoni, amiamo i piatti della tradizione e questi sembrano davvero speciali!! Complimentiiii buonissimi! :-D Buona giornata e buon week-end

    RispondiElimina
  2. Evviva i pisarei, il piatto più buono del mondo!!!

    RispondiElimina
  3. Grazi per avermi fatto scoprire questo magnifico piatto della tradizione. Sono a dir poco strepitosi. Ciao, Marianna.

    RispondiElimina
  4. Ho avuto il piacere di assaggiare questo piatto durante un corso di pasta fresca a cura di Daniele Persegani. Il tuo è più ricco di quello che ho mangiato io e sono certa che è molto compensativo :-)
    Bravissima e felice we <3

    RispondiElimina
  5. Sono bellissimi! Devono essere deliziosi, sono così invitanti! Il sughetto è davvero incantevole!
    Adoro i piatti della tradizione contadina, non conoscevo i pisarei .... ora devo assolutamente rimediare 😊
    Complimenti per il bellissimo articolo.
    Buon fine settimana, a presto ....

    RispondiElimina
  6. Con tutti questi pisarei mi è venuta voglia di mangiarli :)
    E' andato tutto benissimo!!!

    RispondiElimina
  7. Elena come hai visto i miei sono un po' diversi, sono più cicciottelli, ma adesso ho capito come vanno fatti, io mettevo troppo pane invece ci vuole più farina, rimedierò preparandoli di nuovo tanto piacciono a tutti, ciao carissima e grazie di tutto

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!