martedì 2 aprile 2019

Il bartolaccio di Tredozio


La primavera è ormai arrivata da settimane e la bella stagione pure, qui la temperatura nel pomeriggio si aggira sui 20°C e il tempo soleggiato  invoglia alle gite fuori porta.
Per questo si è deciso di proporre ricette ideali da consumare nei pic nic all'aria aperta e L'Italia nel piatto non ci ha pensato due volte a indicare come titolo della uscita mensile:
Torte rustiche salate, focacce per una scampagnata primaverile 
Eccoci quindi con le nostre ricette rustiche, per l'Emilia Romagna ho provato a preparare il Bartolaccio,  detto Bartlaz, un tortello  farcito di patate, pancetta, formaggio grattugiato ma cotto sulla piadiniera, alla piastra. Questo prodotto è tipico di  Tredozio, un paesino  immerso nel verde che si trova nell’alto Appennino Tosco-Romagnolo, in provincia di Forlì-Cesena e che festeggia questa specialità nelle prime domeniche del mese di novembre, con una festa in grande stile organizzata dalla Pro loco del paese.
Il suo impasto è a base di acqua e farina, il ripieno, come ho già detto, è fatto da ingredienti poveri, si prepara in un attimo e si cuoce velocemente, meglio se sulla stufa a legna.

Ottimo ben caldo, ma anche freddo ha il suo perchè... provatelo un po'!





Ingredienti
per 6 bartolacci

300 g di farina
120ml di acqua (circa, dipende dal grado di assorbimento della farina)
5g di lievito istantaneo per torte salate
sale e pepe
300 g di patate lessate e sbucciate
100 g di pancetta a cubetti
2 cucchiai di olio evo
50 g di parmigiano
rosmarino







Mettere su una spianatoia la farina setacciata  con il lievito e un pizzico di sale, iniziare ad impastare aggiungendo gradatamente l'acqua fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo.
Far riposare una mezz'oretta.

Lessare le patate, sbucciarle ancora calde e passarle allo schiacciapatate.

Saltare in una padella con l'olio bene caldo la pancetta, fino a quando il grasso si scioglie e la pancetta risulterà croccante. A questo punto unire le patate, togliere dal fuoco.

Aggiustare di sale e pepe e aromatizzare con rosmarino tritato.

Mescolare bene così da ottenere un ripieno omogeneo.

Stendere la pasta in una sfoglia sottile, con un piatto piano da dolce o un coppa pasta del diametro di 16 cm, tagliare dei dischi  efarcire con il ripieno, chiudere e sigillare con la forchetta.


Ponerre una padella antiaderente o la piastra per piadina sul fuoco, scaldarla bene e cuocere i bartolacci per 2-3 minuti per lato.

Sono ottimi serviti caldi, ma sfiziosi pure  a temperatura ambiente.


Ed ecco le proposte delle altre regioni:

Valle d’Aosta: Tourte aux herbes                                                                                                                                 
Piemonte:  La “rustica”, torta piemontese ai formaggi 
                   
Lombardia: Costoletta alla Milanese
                                             
Trentino Alto Adige: Smacafam 
                           
Friuli-Venezia Giulia: Pinza Triestina
                                                         
Veneto: Tortino di spinaci, uvetta e pinoli 
                            
Emilia Romagna:  Il bartolaccio di Tredozio 
                                                                                                               
Liguria: Torta di asparagi e patate
  
Toscana: Barbotta o barbotla ai fiori di zucca
                                                                                                      
Marche:  Crescia sfogliata marchigiana     

Umbria: Schiacciata con la cipolla 
                                                                                                                                         
Lazio: Fiori di zucca ripieni al forno 
                                                                                                                                   
Abruzzo: Soffione Salato 
                                                        
Molise: Calzoni con bietola, olive e acciughe 
                  
Campania: Torta rustica con ricotta e salame                                                                                      

Puglia: Torta rustica di carciofi 
                                                                                                                                         
Basilicata:  I falagoni lucani           

Calabria: Grupariata. La focaccia rossa calabrese                                                                                                                                                                                 
Sicilia: U' sfinciuni - Lo sfincione palermitano                                     

Sardegna: Panedda di Oliena
           

Seguiteci anche sulle nostre pagine e sui nostri social

L'Italia nel piatto  Blog

Facebook https://www.facebook.com/LItaliaNelPiatto/
Instagram: @italianelpiatto

Prova anche tu a realizzare una ricetta inerente al tema del mese, pubblica una foto sul tuo account IG utilizzando #italianelpiatto_community e tagga @italianelpiatto.

8 commenti:

  1. Eccomi, e per fortuna, non mi potevo certo perdere questo fantastico bartolaccio!

    RispondiElimina
  2. Proprio non lo conoscevo. In questa rubrica imparo sempre cose nuove ^_^
    Questo bartolaccio è da fare e rifare parecchie volte!

    RispondiElimina
  3. Non lo conoscevo: grazie, sembra molto buono!

    RispondiElimina
  4. Buonissimi e gustosi, buona serata.

    RispondiElimina
  5. No dai!!! Questa la devo proprio provare. Qua facciamo una pizza aperta con una farcia molto simile. Mai pensato a un ripieno.

    RispondiElimina
  6. Molto appetitosi e a parte la farcia buonissima, mi piace tanto anche l'impasto! Nel cesto del picnic ci sta benissimo e non solo! Ciao!!

    RispondiElimina
  7. Non li conoscevo ma mi garbano proprio tanto. Un ripieno simile lo preparo con dei fagottini di pasta sfoglia, ma vorrei provare anche questi. Buona serata

    RispondiElimina
  8. Quanto mi piacciono queste ricette tradizionali e rustiche, devono essere buonissimi!

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!
Ricordati però che utilizzando questo form, si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito.