venerdì 21 febbraio 2014

Faraona ripiena alla melagranata con purè di rape rosse al cumino

purè di rape rosse

La faraona arrosto era uno dei cavalli di battaglia della mia nonna, e spesso era sulla tavola della domenica quando ero piccola
Da questi ricordi ho preso spunto quando l'ho vista dal macellaio, erano anni che non mangiavo più!
Così sono tornata a casa, ho iniziato a cercare la ricetta nei quadernetti unti e consunti della nonna e alla fine ecco spuntare "Faraona ripiena" con un appunto a lato " ricetta Mariuccia".
Mariuccia era una sua amica che faceva la cuoca in un hotel rinomato di Piacenza e  ogni sua ricetta conteneva un segreto o un particolare che la rendeva unica e di sicura riuscita...
Ero a cavallo!!! Ho pensato di provarla con la melagrana, infatti me ne rimanevano ancora un paio dalla raccolta autunnale e ho abbinato una salsa scopiazzata da un libro sfogliato in libreria...(che non rivelo perchè poterei sbagliare il  titolo) , in  ogni caso ho aggiunto anche il cumino, spezia che, a mio parere, esalta al massimo il sapore  delle rape rosse. Ma passiamo alla ricetta...

Faraona ripiena al melograno con purè di rape rosse al cumino
Ingredienti per 4-6 persone
1 faraona
5 cucchiai di olio evo
100ml di vino bianco secco
2 melagrane
sale e pepe
Ripieno
3 cucchiai di pane grattugiato
1 noce di burro
3 cucchiai di Parmigiano Reggiano
1 pizzico di sale
60g di salsiccia fresca
prezzemolo

Purè di rape rosse
200g di rape rosse già cotte
4 cucchiai di olio evo
3 pizzichi di sale
pepe
cumino

Preparare il ripieno: in una terrina scottare il pane grattugiato dopo aver aggiunto una noce di burro con acqua bollente (deve essere ben bagnato ma non zuppo, e il burro si deve sciogliere), salare e lasciar raffreddare.
Aggiungere la salsiccia spellata, il prezzemolo e il formaggio, mescolare molto bene in modo che la salsiccia sia ben distribuita nella farcia.
Preparare il succo di melagrana: inserire i chicchi nel bimby ed azionare al vel 9 per 30-40 secondi.
Filtrare con colino, avrete così ottenuto un succo di melagrana limpido e rosato.
Preparare la faraona: togliere le eventuali piccole piume rimaste, togliere la ghiandola sulla coda (l'uropigio) con l'aiuto di forbici e coltello facendo attenzione a non romperla (è divisa in due lobi e avvolta da una capsula connettivale),  la punta delle ali e il collo se è presente.
Fiammeggiare leggermente e lavare sotto acqua corrente sia l'esterno che l'interno. Asciugare con carta usa e getta. Inserire il ripieno all'interno dell'animale, facendo attenzione a posizionarlo bene in fondo in modo da evitare di cucire la pelle.
Legare con spago da cucina e salare abbondantemente l'esterno dell'animale.
Scaldare l'olio evo in una casseruola con coperchio da forno, far rosolare a fiamma viva la faraona, girandola su tutti i lati. Sfumare con il vino bianco, e successivamente bagnare con il succo di melagrana.
Mettere il coperchio e cuocere in forno a 180°C per 2 ore, funzione statico.
Passato il tempo di cottura, togliere dal forno, aprire il coperchio e far raffreddare per circa 10 minuti (per evitare di ustionarsi durante il taglio).
Nel frattempo preparare la purè di rape rosse: mondare e pelare le rape (io uso quelle già cotte sotto vuoto), tagliarle a cubetti, inserirle nel boccale del frullatore ad immersione, salare e pepare (a piacere), aggiungere a filo l'olio mentre muovo il frullatore dal basso all'alto e viceversa in modo da montare leggermente.
A questo punto è possibile togliere il ripieno dall'interno della faraona con un cucchiaio in modo da formare tanti piccole porzioni; con il trinciapollo poi tagliare il volatile in diverse parti.
Servire la carne arrosto con il ripieno, dopo averla bagnata con un poco di liquido di cottura, e il purè di rape cosparso con un pizzico di cumino, decorare con qualche chicco di melagrana.

Con questa ricetta partecipo al WHB#421, che è una iniziativa creata da Katlyn del blog  Kalyn's Kitchen, gestito, nella versione internazionale, da  Haalo del blog Cook (almost) anything at least once  e nella versione italiana da Brii del blog  Briggishome.
Questa settimana Ospita la mia cara amica Carla Emilia del blog Un'arbanella di basilico

7 commenti:

  1. Già dal nome la ricetta è tutto un programma! Che meraviglia i quadernetti di ricette di famiglia... un tesoro da tramandare e che ci ricorda le nostre origini.
    Ciao, e buon weekend!

    RispondiElimina
  2. Che piatto meraviglioso!! Bravissima!!

    RispondiElimina
  3. A me piace molto la faraona, ma non l'ho mai mangiata ripiena.
    Ottima ricetta, stupenda mise en place!
    Buon fine settimana e a rileggerci presto col sorriso :-D

    RispondiElimina
  4. wow.. davveor raffinatissima e creativa qst ricetta
    brava

    RispondiElimina
  5. Ciao Elena, grazie per questa bellissima ricetta. Evviva la nonna e la sua amica Mariuccia!!! Bacione a presto

    RispondiElimina
  6. Sai che non ho mai mangiato la faraona????
    Mi hai messo troppa curiosità, poi con quell'antitumorale (melagrana) questo piatto assume un valore straordinario.
    A Presto

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!