giovedì 26 luglio 2012

Tiella di riso con patate e cozze

Questa ricetta è di Milena, del blog Breakfast da Donaflor, l'aveva presentata nell'ambito dell'iniziativa Cibo e Regioni (ora è chiuso per ferie..ma torneremo tutti a settembre). Mi era piaciuta subito e mi ero ripromessa di farla non appena si fosse presentata un'occasione importante, direi che la O di Otranto dell'abbecedario culinario d'Italia è quello che ci vuole...
Qui trovate la sua ricetta.






Ingredienti per 4 persone
250g di riso carnaroli (meglio parboilled)
1 cipolla bianca grande
pomodorini a ciliegia
500g di cozze
2 patate
sale e pepe
prezzemolo
2 spicchi di aglio
olio evo
Formaggio grana grattugiato a piacere


Mettere a bagno il riso.
Lavare le cozze con uno spazzolino e metterle in una larga padella con un poco di olio, 1 spicchio d'aglio, aggiungere il vino e a fuoco alto con coperchio attendere che i molluschi si aprano.
Aprite le cozze lasciandole attaccate ad un solo guscio e a circa la metà togliere entrambe i gusci.
In una pirofila inserire olio (2 cucchiai),fare uno strato di patate e uno di cipolla,tagliate con la mandolina, uno strato di cozze con il guscio e senza, il riso, i pomodorini. Condire con sale (poco) pepe, prezzemolo e aglio (fettine sottilissime) e olio, poi ancora patate, cipolle, cozze e riso.
Si termina con le patate. Si aggiunge il sugo che si era formato durante l'apertura delle cozze fino a coprire leggermente lo strato di patate.
Si inforna a 200°C fino a quando l'acqua non si è asciugata. Spolverizzare con grana prima di servire.

Personalmente l'ho cotto per 45 minuti, ma non mi sento di consigliarlo..il riso era leggermente scotto.
La problematica è data dalla cottura sbagliata..troppo tempo o dal riso che non era parboilled?
Attendo lumi, da chi ha già provato questa ricetta o dalla dolce Milena, che ringrazio di cuore per questa gustosissima ricetta.

Con questa ricetta partecipo all'Abbecedario culinario d'Italia organizzato da Trattoria MuVarA e ospitato, per le ricette pugliesi, dal blog di Patrizia La melagranata

18 commenti:

  1. Che bella che ti è venuta... uno spettacolo!!!!!!!
    Complimenti Elena!!!!!!!!!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. merito di Milena...e della nostra raccolta Cibo e Regioni....
      bacioni

      Elimina
  2. Elena questa è una ricetta che mi aveva dato tanti anni fa una signora pugliese al mare, ma con gli anni tanti particolari mi erano sfuggiti. Ti ringrazio di aver condiviso la ricetta e, per quanto riguarda cottura e qualità del riso aspetto chiarimenti anch'io. Buon giovedì

    RispondiElimina
  3. Devo, assolutamente devo, farla anch'io... solo a vedere la foto mi si è aperta una voragine nello stomaco!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. usa però il riso parboilled..ora correggo la ricetta!

      Elimina
  4. Elenaaaa ma grazie...grazie....e certo che mi ha fatto piacere! sei stata brava...allora ti è piaciuto il gusto? mi spiace per la cottura...ma io uso sempre il riso per risotti...con quello sono sicura che non scuoce e i chicchi rimangono sempre staccati! comunque per la prossima volta c'è sempre la prova assaggio! e un altro consiglio: la riuscita di questo piatto è anche olio abbondante...lo so lo so che fa male...ma ogni tanto si può fare uno strappo alla regola! e le cozze poi io le apro a crudo prima di sistemarle nel tegame...ma se non sai aprirle va bene anche così!
    Grazie ancora e un bacione grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi la prossima volta riso parboilled e poi diminuisco i tempi di cottura ....hai perfettamente ragione, non so aprire le cozze a crudo, ma posso continuare ad aprirle in padella mi pare di capire...grazie a te Milena per avermi dato la possibilità di prepararlo ma soprattutto di assaggiarlo...Grazie!

      Elimina
  5. Ciao Elena come stai??? QUesta è una ricetta che vorrei provare da tempo! Appena posso la devo fare!
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Natalia...sono passata or ora... un bacione!

      Elimina
  6. E direi che questo è stato un modo per onorare la cucina pugliese alla grande!!! w la nostra raccolta regionale...adorabile!

    RispondiElimina
  7. Che bella ricetta Elena, dovrei copiarla anch'io! baci

    RispondiElimina
  8. Bravissima Elena! Che gran ricetta !! E la tua è venuta benissimo, mi pare!!
    Complimenti!!

    RispondiElimina
  9. Ottimo piatto..ricco e godurioso!! adatto a mio marito che ama pesce e molluschi :)

    RispondiElimina
  10. Grazie per aver partecipato alla nostra tappa pugliese! Trovi tutte le ricette che hanno partecipato qui: <a href="http://abcincucina.blogspot.com.es/2012/07/o-come-otranto.html£>http://abcincucina.blogspot.com.es/2012/07/o-come-otranto.html</a>.

    E ora tutti in Lombardia!!!
    Aiu'

    PS Hai partecipato con lo stesso piatto che ho preparato io, che coincidenza :-)

    RispondiElimina
  11. Un piatto pugliese che adoro, così come la Puglia., ottima ricetta!

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!