sabato 21 aprile 2012

Torta frangipane allo zenzero con chibouste al miele

Vorrei fare un monumento allo zenzero...questa radice magica dal sapore deciso e aromatico che dà carattere ad ogni piatto...dai biscotti di pasta frolla al pesce in bianco...è la mia salvezza, spesso e volentieri!!!
E anche in questo caso, per la partecipazione all'MTchallenge,  ho pensato di utilizzarlo per la preparazione della torta frangipane, proposta da Ambra, ricordandomi di quella favolosa gelatina acquistata nella bancarella inglese del Mercato Europeo.
E così eccomi a pensare a come utilizzarla, a come abbinare i sapori e gli aromi.... la frolla ho pensato di prepararla con la farina di farro, con anche una parte di zucchero di canna per renderla più rustica, poi la gelatina, la crema frangipane con la ricetta della brava Ambra e per la decorazione una chibouste  al miele di acacia di Montersino fiammeggiata con il cannello, ecco che cosa ne è uscito...



Ingredienti
pasta frolla al farro
300g di farina di farro
1 tuorlo
1 uovo intero
60g di zucchero a velo
60g di zucchero di canna
120 g di burro a pomata
1 pizzico di sale
crema frangipane
100g di mandorle
100g di burro
100g di zucchero
1 uovo
30 g di maizena
1 cucchiaio di rum
1 cucchiaino di zenzero in polvere
gelatina allo zenzero
chibouste al miele
45g di latte
45g di panna
55 tuorlo (da 2 uova medie)
60g di miele
9g di maizena
6g di colla di pesce (2 strisce)
200g di meringa italiana

Prima di tutto preparare la frolla: impastare la farina con il burro a pezzetti a temperatura ambiente, il sale, fino ad avere un prodotto sabbioso. Unire lo zucchero a velo e poi le uova sbattute a parte, non appena l'impasto si è formato spolverizzarlo con un poco di farina e avvolgerlo nella pellicola dopo aver formato un panetto regolare.
Far raffreddare in frigo per almeno 30 minuti, io questa volte 1 notte.
Preparare la crema frangipane (stessa ricetta di Ambra): frullare le mandorle con  20g di zucchero formando la farina, Montare il burro con lo zucchero con lo sbattitore, unire l'uovo già sbattuto, il rum, lo zenzero, la maizena e le mandorle in polvere a poco a poco, continuando sempre a montare il composto con lo sbattitore.
Stendere la frolla dopo averla resa plastica manipolandola con le mani per qualche minuto, foderare una teglia (diam. 24 cm), forare con i rebbi di una forchetta, stendere la gelatina di zenzero, ricoprire con la crema frangipane.
Cuocere per 25-30 minuti in già caldo a 180°C funzione torte.
Lasciare raffreddare.
Preparare la crema chibouste: portare ad ebollizione il latte e la panna, miscelare a parte i tuorli con il miele e la maizena. Unire i due composti e portare di nuovo ad ebollizione continuando a mescolare con una frusta (sembra che si formino dei grumi ma poi togliendo dal fuoco e con "olio di gomito" , si dissolvono...). Quando si è addensata aggiungere la colla di pesce (ammollata in acqua fredda precedentemente e ben strizzata). Incorporare,  a crema ancora calda, 200g di meringa italiana, muovendo con frustadal basso verso l'alto.
La meringa italiana viene preparata così:
a 34g di acqua in un pentolino unire 135g di zucchero semolato e portare a 121°C; nel frattempo montare 85g di albumi con 34g di zucchero, aggiungere lo sciroppo bollente a questa massa montata, che risulterà ben sostenuta e lucida.
Decorare la torta a piacere, io ho provato ad utilizzare la bocchetta ad apertura larga e piatta cercando di ottenere dei nastri ad onde (andando anti e indietro), formando la classica griglia.
Con il cannello caramellare la chibouste,  in questo caso, essendo ad ondine forma un decoro ombreggiato.

Con questa ricetta partecipo all'Mt-Challenge di Menù Turistico:

Con questa ricetta partecipo alla lodevole iniziativa "L'Albero Goloso" gestita da diverse foodblogger Tina, Samaf, Vicky, Ylenia e Cristina:

16 commenti:

  1. Elena, direi che ne è uscita una meraviglia!
    Grazie mille e buonanotte
    Dani

    RispondiElimina
  2. eh si ...lo zenzero lo adoro tanto anch'io! lo metterei anche nel caffè!
    ti è uscita una meraviglia di torta!
    bacioni

    RispondiElimina
  3. Buona Domenica cara Elena!!!!!!!!!!
    e complimenti una torta deliziosa....sarebbe perfetta adesso per la colazione....che fameeeeeeeeeeeee
    un bacione e passa una splendida giornata!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Che bella che ti è venuta e gli ingredienti sono favolosi abbinati insieme. Bravissima Elena, mi piace davvero tanto!!

    RispondiElimina
  5. La tua torta è strepitosa!!!!Bellissima da vedere e squisitaaaaaa, io adoro lo zenzero e lo mangio in quantità!!(e lo bevo anche;-))Complimenti!!Buona domenica, un bacione!

    RispondiElimina
  6. ah si guai se mancasse lo zenzero!!!!
    una favola la tua torta!!!

    RispondiElimina
  7. Ehi Elena, ma è davvero speciale questa torta, anch'io oggi ho preparato crostate per l'MTC, domani posto. Bacio a presto

    RispondiElimina
  8. Elenù... è una torta spettacolare! Anche io adoro lo zenzero, sia per i dolci che per i salati. E poi la scelta della frolla al farro, penso sia proprio azzeccata! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  9. Mamma che brava...però lo zenzero...non ce la faccio...
    La chibouste al miele mi mancava.
    Un bacione,buona settimana!

    RispondiElimina
  10. siiii, quella bancarella del mercato europeo la conosco bene, la svaligio ogni volta che arriva a Parma!!!
    amo anche io lo zenzero in modo viscerale, lo metto dappertutto, ma la tua torta cara mia va oltre il semplice uso della preziosa radice, è una sciccheria!

    RispondiElimina
  11. Ho provato di recente lo zenzero nei dolci preparando dei biscottini e ne sono rimasta sorpresa. Non credevo potessero essere così buoni.
    La tua torta frangipane sarà sicuramente squisita.
    In bocca al lupo per l'MTC.
    Buona notte!

    RispondiElimina
  12. Deve essere proprio deliziosa!!!

    RispondiElimina
  13. Deve essere proprio deliziosa!!!

    RispondiElimina
  14. Gelatina allo zenzero??? E me lo dici così? :-) son qui che sto leggendo e rileggendo la tua ricetta, perchè non posso limitarmi ad immaginare un sapore che anch'io amo molto, come quello di questa radice, abbinata per giunta ad una chibouste- e come se non bastasse, pure al miele. Vorrei proprio riuscire a ricostruire il gusto, perchè mi sembra una roba strepitosa, da immediato risveglio dei sensi :-) e per come sono ridotta stasera, ci vorrebbe un'intera piantagione di zenzero, per tirarmi su. Oppure, una bella fetta della tua frangipane, cosa dici?
    Complimenti, elena: come al solito, ricetta pensata, studiata, azzeccatissima. Ci fai sempre sentire speciali, Grazie davvero

    RispondiElimina
  15. Elena ma la tua versione è incredibile!! Da vera pasticcera!! Sono senza parole!! Brava tesoro!Smack!

    RispondiElimina
  16. spettacolare!bravissima cara!inserita!notte un bacione

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!