lunedì 18 febbraio 2013

Red velvet cake gluten free con crema al torrone e miglio zuccherato

Questo mese l'MTC è stato vinto da Stefania, si proprio lei, la Stefy, ora che si era quasi messa l'anima in pace,  ha vinto!
La sua vittoria è stata accolta da tutti con gioia, sì, perchè Stefania ha una missione importante, quella di divulgare la cucina gluten free, non le solite paste scotte o i panini gommosetti, ma i veri piatti buoni e gustosi, nonostante non contengano il glutine.
Questo è possibile e se  non ci credete fate un salto nel suo blog, ne avrete la prova,  lei è bravissima e ci mette non solo l'anima, ma anche il cuore,... la ricordo al Salone del Gusto visibilmente commossa ...più cuore di così!
E' già da qualche mese che anch'io sto iniziando a dedicarmi anche a  questo tipo di cucina, decisamente più complicata soprattutto per i lievitati, ma che dà grandi soddisfazioni.
Ho diversi amici con bimbi che soffrono di celiachia e è bello invitarli facendoli sentire a proprio agio con un menù adatto a  tutti!!!
Per cucinare senza glutine per una persona affetta da celiachia, è importante conoscere a fondo tutti gli ingredienti, valutare le etichette, vedere se compaiono nel prontuario AIC o presentano il simbolo della spiga sbarrata, inoltre bisogna  evitare contaminazioni in cucina e quindi, bisogna eliminare dai ripiani eventuali prodotti con la presenza di glutine, pulire in modo accurato non solo le superfici, ma anche gli strumenti di lavoro e i contenitori, oltre che il forno (tanto una passata in più non fa mai male ...almeno al mio!).
Insomma tante accortezze necessarie e doverose per chi cucina  e che non deve dimenticare o considerare inutili!!!
Ma passiamo alla Red Velvet Cake,  ho avuto il piacere di assaggiarla per la prima volta quest'estate in una favolosa pasticceria di Londra, era buonissima ma un po' troppo burrosa per i miei gusti.
Oggi per l'MT Challenge ci siamo cimentati in questa preparazione,  ho eseguito la base con la ricetta di Stefania, senza glutine (.. e devo dire che è a dir poco favolosa!), mentre la farcitura e la decorazione l'ho pensata secondo i miei gusti...quindi crema al torrone (ne esistono di diverse marche senza glutine) e  miglio soffiato (che ho scoperto solo da qualche mese e ne sono rimasta entusiasta!).
L'idea di colorarlo mi prendeva, ma non avrei osato se lei non mi avesse consigliato di zuccherarlo e provare... Grazie Libera!
Be', ho scritto pure troppo...non è da me ...ora vi offro la mia Red Velvet Cake gluten free!!!



Ingredienti
Impasto
160 gr di farina di riso sottilissima tipo amido (io Pedon)
60 gr di fecola
30 gr di farina di tapioca
1/2 cucchiaino da te di sale
8 gr cacao amaro
110 gr burro non salato a temperatura ambiente
300 gr di zucchero
3 uova medie
1 bacca di vaniglia bourbon (i semi, naturalmente)
240 ml di buttermilk (inacidire per 20 minuti la stessa quantità di latte con un cucchiaio di succo di limone)
1 cucchiaio di colorante rosso (Rebecchi )
1 cucchiaio di aceto bianco
1 cucchiaino da tè di bicarbonato di sodio
Farcitura
500ml di panna da montare
250g di torrone alle mandorle
15g di gelatina in fogli
Decorazione
mandorle
4-5 cucchiai di miglio soffiato
2 cucchiai di colorante rosso
2 cucchiai di zucchero
1 cucchiaio di acqua
Fare attenzione a tutti gli ingredienti, leggere le etichette con l'elenco degli ingredienti, maglio ancora consultare il prontuario AIC


In un recipiente mescolare le farine, il sale, il cacao.

In un altro recipiente, sbattere con il frullatore il burro per 2-3 minuti, finché sarà soffice e poi aggiungere lo zucchero e frullare per altri 3 minuti.

Aggiungere le uova, una alla volta, sbattendo 30 secondi dopo ogni aggiunta.
Mescolare il colorante al buttermilk e  versare poco per volta al composto di burro, alternando le polveri al buttermilk, possibilmente iniziare e finire con la farina in questa fase aggiungere anche la vaniglia.

In una tazza capiente mescolare il bicarbonato all’aceto bianco (attenzione si gonfia!!!), poi  versarlo subito nell'impasto e incorporarlo bene con una spatola.

Imburrare due teglie da 20 cm monouso e spolverizzare con farina di riso.

Far cuocere per 35 minuti, in forno preriscaldato a 180°C (provare con lo stuzzicadenti!).

Lasciare raffreddare la torta dentro la teglia per 10 minuti, poi toglierla dalla teglia e lasciarla raffreddare, quindi ricoprirla con pellicola trasparente e farla riposare in frigo per diverse ore, anche una notte (operazione utile ad evitare che si sbricioli quando si taglia).


Per la crema al torrone ammollare la gelatina in acqua fredda per 10 minuti, nel frattempo frullare con il bimby il torrone (10 sec a vel.7), e iniziare a montare la panna (tenendone a parte circa 20-25 ml).
Quando la panna inizia ad addensarsi aggiungere a poco a poco il torrone tritato.

Scaldare a fuoco basso, mescolando, i 25 ml di panna con la gelatina ben strizzata, fino a quando la gelatina non risulti ben sciolta, solo ora si può unire alla crema mescolando dal basso verso l'alto con un leccapentola.

Mantenere in frigo.


Per le decorazioni: unire l'acqua con il colorante e lo zucchero, scaldare mescolando fino a completa dissoluzione dello zucchero, inserire 4-5 cucchiai di miglio soffiato, mescolare bene e spargere su di un foglio di  carta forno posizionato in una teglia.

Portare il forno a 200°C, inserire la teglia e spegnere, lasciando aperta un poco lo sportello (usando un cucchiaio, operazione utile a far uscire l'umidità).

Tagliare orizzontalmente le due, incidendo con un coltello la circonferenza e poi dopo aver inserito lo spago da cucina tirare i due capi incrociandoli, si formeranno così 4 basi pronte da farcire.

Posizionare sul piatto di portata la base, farcire con la crema (posizionare al centro e poi distribuire con una spatola fino ai bordi) e cospargere di mandorle tagliate grossolanamente a coltello, procedere così con gli altri strati facendo attenzione che il quantitativo fosse simile.

Ricoprire con la crema tutta la torta compresi i bordi e poi dopo aver sgranato il miglio (che tende ad appiccicarsi nell'asciugarsi, per colpa dello zucchero!), iniziare a cospargerlo sia lateralmente che sulla superficie, la quale avrà anche la presenza di mandorle.

Conservare il frigorifero, ma consumarla a temperatura ambiente (Stefania dice che si conserva anche 3 giorni...questo non l'ho potuto constatare...fulminata in un giorno!!!!).

Unico neo è la colorazione, come vedete dopo la cottura è risultata marrone, non so se il problema è dovuto alla cottura (forse 180°C è troppo?) o al buttermilk (non era abbastanza acido.. ..misurato con cartina al tornasole: pH=5...troppo alto ?),  aspetto le vostre dritte, perchè questa torta la rifarò e mi piacerebbe servirla rossa...ha tutto un altro aspetto! 

Con questa ricetta partecipo all'MTC , non lo  avevate immaginato????

29 commenti:

  1. che brava, una bellissima idea. questo miglio prima o poi lo affronterò, sempre più intrigante.
    buonanotte..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero è intrigante...mi piace il termine! baci

      Elimina
  2. è uno spettacolo per gli occhi e sono sicura anche per il palato!!!!
    Meravigliosa, complimenti!!

    RispondiElimina
  3. Elena, é molto bella!!! Mi piace tantissimo l'uso del miglio e colorato fa il suo effetto sulla torta.
    In bocca al lupo per la gara e buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero che è carino l'effetto? grazie!

      Elimina
  4. Sono una che si emoziona facilmente, ma quando parlo della celiachia di mio figlio, non è solo emozione, spesso è angoscia. Poi, ci sono post come questi, persone come te, che mi fanno vedere tutto rosa, che mi fanno capire che un cambiamento c'è ed è possibile e che mio figlio non passerà tutto quello che ho passato io e questa sfida me lo ha dimostrato :)
    La base è venuta bene nonostante il colore, ma lì dipende dai coloranti e ce ne faremo una ragione, ma la crema al torrone e il miglio soffiato e colorato danno un tocco davvero eccezionale alla torta, avvicinandola ai sapori più conosciuti da noi, oltre che conferendo quella nota fragrante che non guasta mai!
    Grazie :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che c'è il cambiamento, non è ancora evidente ovunque...ma c'è, te lo assicuro, (lavoro nell'ambiente "alimenti")... quanto alla colorazione della torta, grazie delle dritte ... pensavo fosse un problema di acidità dell'impasto...grazie!

      Elimina
  5. bellissima la tua red velvet, complimenti...:)

    RispondiElimina
  6. Che bei colori ne e' rimasta una fetta per me!

    RispondiElimina
  7. elena! che bella idea che hai avuto ad usare il miglio soffiato e colorarlo!! la terrò in cosiderazione per le prossime torte! un abbraccio!!

    RispondiElimina
  8. ai fatto anche lo zucchero colorato mamma miaaaa complimnetissimi

    RispondiElimina
  9. Beh, complimenti, l'effetto è proprio quello che avevi immaginato e desiderato, tutto è possibile a Elena the best!!! Un abbraccio forte, ma forte, forte :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, altrimenti mi sarei fermata... baci <3

      Elimina
  10. Bellissima cara Elena
    Bella la torta e tanto interessante il tuo post
    Davvero tanti complimenti!!!!!!!!!!!!!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  11. Molto allegra la tua red velvet: mette di buon umore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ele, tutta a piccoli pois... vero?

      Elimina
  12. ciao elena golosa anche la tua versione :-D

    RispondiElimina
  13. l'idea del miglio colorato mi piace tantissimo, aggiunge anche una consistenza diversa...sissì, mi piace proprio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti oltre ad essere decorativo è interessante anche la consistenza pseudocroccante (dato anche dalle mandorle, però)che poi non cambia nel tempo..cioè non è che assorbe l'umidità della crema (come mi aspettavo!) forse per lo zucchero che stava attorno...
      Bisogna sottolineare che in 2 giorni a casa mia è stata spazzolata, forse se l'avessi conservata di più... chissà... bacioni alla mia inglesina!

      Elimina
  14. E arrivo anch'io, che son tre giorni che ho in mente il miglio soffiato e non riesco a trovare cinque minuti per lanciarti un "te potessino" :-) dal profondo del cuore :-)
    Brava, brava, brava: intanto, per l'approccio al problema. Una delle preoccupazioni del "dietro le quinte" di questo mese era che passasse un messaggio ansioso. Perchè è vero che la celiachia è una malattia e come tale non va sottovalutata. Ma è anche vero che non va demonizzata. Grazie al cielo, molte cose sono cambiate in meglio, per i celiaci e anche se per tutti è stato faticoso reperire gli ingredienti giusti, questo è dipeso principalmente dall'inesperienza: ma ormai ci sono negozi specializzati in tutte le città e le farmacie hanno linee appositamente pensate per chi non può assumere glutine. E' da qui che ci è venuta l'idea di fare una torta, per dare comunque un messaggio di gioia, oltre che di condivisione. E tu lo hai veicolato splendidamente, anche con la realizzazione di una torta bella da vedere e buona da mangiare. Convengo con te sul troppo dolce di queste preparazioni (e dire che ci avrei vissuto, di'ste robe, dieci anni fa...): e plaudo all'attenzione all'equilibrio, dei contrasti e dei sapori.
    se poi mi dici dove lo trovo, a Genova, il miglio soffiato, hai vinto, guarda :-) :-)
    grazie infinite e scusami ancora per il ritardo del commento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, grazie, grazie...credo fermamente che cucinare senza glutine si può, e si deve se in famiglia o un invitato ha la celiachia...non è possibile isolare chi ne soffre, non si deve.... e per il miglio soffiato io l'ho acquistato nella mia erboristeria di fiducia (che mi procura ogni mio sfizio...), ma so che è presente anche al Naturasi!!!! bacioni!

      Elimina
  15. Come ho fatto a perdermi questa Red Velvet? E quel miglio soffiato è strepitoso.
    Bella, bella ,bella, sono influenzata, ma mi viene una voglia di rimettere le mani in pasta incredibile.

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!